Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’Italia è sempre più pericolosa: ormai indomita è anche crudele

Italia sempre più pericolosa
L’indomabile ora è anche crudele

David ne ha bisogno

La nuova potenza offensiva dell’Italia rievoca lo spirito della vecchia Squadra Azzurra contro l’Austria: una vittoria sporca ai supplementari spaventerebbe le altre candidate al torneo. Perché gli italiani con un misto di vecchio e nuovo “crudele” per ogni avversario.

Brutte notizie per Francia, Belgio, Olanda e forse anche Germania, qualunque sia il nome dell’altro torneo preferito. La vittoria ravvicinata degli italiani per 2-1 (0-0) sabato sera contro l’Austria negli ottavi di finale del Campionato Europeo ha mostrato: Italia L’Italia è tornata. O, per essere più precisi: la Nuova Italia può fare la stessa cosa della vecchia Italia, che ha sempre avuto successo. Poca vittoria nei minuti di recupero, con tanta fortuna nella ripresa dei tempi regolamentari.

Finora la Squadra Azzurra ha messo in campo una grande palla offensiva e una solida difesa in questo torneo. Questo nuovo modo di giocare orientato agli obiettivi si unisce ora alla vecchia mentalità vincente che temono gli avversari. La capacità di colpire in qualsiasi momento – e soprattutto – al momento giusto, anche quando conta. Brutte notizie per gli altri favoriti del torneo. La Germania in particolare ha dovuto subire più volte questa vecchia disposizione italiana nella recente storia del calcio (WM 2006, EM 2012).

È successo al minuto 114. Dopo 1168 minuti con un record pulito, gli italiani hanno subito il loro primo gol. Per la prima volta dal 14 ottobre 2020, il portiere Gianluigi Donnarumma ha dovuto portare un pallone fuori dall’area di rigore. Anche se: il portiere non doveva, perché dopo l’abile colpo di testa di Sasa Kalajdic a 1:2 dal punto di vista dell’Austria, i professionisti dell’ÖFB hanno afferrato la palla e sono corsi a centrocampo per spingere verso il pareggio.

L’Italia ha un freddo glaciale

Non ha aiutato. Gli italiani hanno giocato i restanti minuti con calma. Niente è stato bruciato nella parte posteriore. Non è sempre stato così con il progredire del gioco. La squadra azzurra si è dimenata. Per la prima volta in questo EM. Per la prima volta in 31 partite. Perché la squadra di Roberto Mancini è imbattuta da 30 partite strepitose. Combattere con entusiasmo con gli austriaci aveva qualcosa da battere il record italiano, che sarebbe stato stabilito con la 31a partita. Marko Arnautovic (65esimo posto) ha strillato prematuramente dopo il suo colpo di testa, che il VAR ha fischiato fuorigioco. Successivamente, gli italiani sono stati fortunati perché non è stata verificata un’eventuale penalità nei loro confronti per un’altra posizione di fuorigioco.

Dopo un primo tempo forte e controllato, gli uomini in azzurro di Mancini non hanno trovato risposte allo sforzo offensivo austriaco. La migliore squadra del Campionato Europeo finora sembrava un po’ delusa, la sensazione della vittoria della Federcalcio austriaca ha minacciato di trasformarsi da un miraggio in realtà. La squadra del tecnico tedesco Franco Foda era migliore, più mirata in quel momento.

Ma proprio in quel momento, Squadra accoltella a morte Azzurra. tardi. Nei supplementari, ovviamente. Come spesso accade nel tempo. Quindi guida con calma e guadagna un po ‘di tempo – e suonerà il fischio finale. Ai tifosi tedeschi è stato ricordato: l’Italia va sempre prevista. Soprattutto in queste situazioni. L’attenzione è un luogo comune, ma qui il vecchio proverbio sportivo può essere assimilato con sicurezza: i pugili preparati sono pericolosi, evocando il festoso Federico Chiesa (95° posto) e Matteo Pesina (105) lo spirito dell’Italia antica e privando gli austriaci di ogni possibilità di una vittoria improvvisa in dieci minuti.

pericoloso e “crudele”

Il gol di Kalajic alla fine non è stato nulla. Il professionista dello Stoccarda si è poi lamentato con l’ORF: “Questo è assolutamente amaro e immeritato. Eravamo almeno uguali”. Ha sottolineato: “Penso che questa non sia solo la partita più brutale della mia carriera, ma anche di tutta la storia del calcio austriaco”.

Ma il gioco è stato duro anche per altre superpotenze del calcio. Dovevano vedere come la Nuova Italia si trasformasse brevemente in Vecchia Italia. Questi tratti, tipici della Squadra Azzurra, fatti per la fase a eliminazione diretta. Un po’ sciatta e felice, ma sempre di successo. Combinate con uno stile di gioco impressionante per i preliminari del Campionato Europeo, queste abilità italiane fanno della squadra di Roberto Mancini la squadra più pericolosa del torneo.

Serio e crudele. Si avvicina la vittoria dell’Italia al suo primo Europeo in 53 anni. Possibili contendenti per i quarti di finale di venerdì (21:00 sul nastro della trasmissione in diretta ntv.de) a Monaco di Baviera, in Belgio o in Portogallo. Veramente.

READ  L'incubo della Juventus: il Milan insulta la vecchia signora - Serie A