Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’Iran sostiene di aver identificato i sospetti dopo l’incidente all’impianto nucleare

Dopo l’incidente avvenuto lo scorso fine settimana all’impianto nucleare iraniano di Natanz, il Paese si è concentrato sul sospetto. La televisione di stato ha annunciato il nome dell’uomo. Si dice che Raza Karimi abbia 43 anni.

Si dice che abbia lasciato il paese poche ore prima dell’incidente. La radio ha anche mostrato una foto del sospetto e ha affermato che Karimi sarebbe dovuto essere rimpatriato nel Paese.

Inizialmente, l’incidente è stato descritto come un blackout, ma in seguito i funzionari iraniani hanno riferito di un attacco. Tuttavia, non è chiaro fino a che punto l’impianto nucleare sia stato effettivamente danneggiato.

Un’esplosione o un attacco informatico?

Il servizio televisivo menzionava una piccola esplosione, ma non ci sono stati attacchi informatici. Questo è ciò che i media israeliani hanno affermato prima E dietro di lui c’è il servizio segreto israeliano Mossad ipotetico.

L’incidente è avvenuto l’11 aprile, il giorno successivo Iran Per accelerare l’arricchimento dell’uranio a Natan Nuove centrifughe in funzione È stata scattata. L’uso di moderne centrifughe è un’altra violazione dell’accordo internazionale sul nucleare di Teheran del 2015, attualmente in fase di ripresa Vienna Da negoziare.

L’Iran ha anche annunciato di aver arricchito l’uranio fino al 60% per la prima volta venerdì sera. Questo condivide il presidente nucleare iraniano Ali Akbar Salehi Secondo Fars News Agency. Finora, le nuove centrifughe del paese hanno arricchito l’impianto nucleare di Natan fino a un massimo del 20%. Aumentando la percentuale al 60%, il paese vuole aumentare la pressione sui partner dell’accordo nucleare per ritirare le sanzioni statunitensi e tornare agli accordi.

Presidente noi Joe Biden Si chiama progressione Teheran In nessun modo utile. Venerdì ha detto che i colloqui sul futuro dell’accordo nucleare con l’Iran proseguono Washington. È troppo presto per parlare delle sue possibili conseguenze.

READ  Rabbia contro le guardie di frontiera statunitensi: Biden minaccia le conseguenze

La portavoce della Casa Bianca Jane Psaki ha parlato di una provocazione che mette in dubbio la serietà di Teheran nell’affrontare i nuovi negoziati sul nucleare.

Tuttavia, i colloqui indiretti con l’Iran sono proseguiti dalla scorsa settimana. I colloqui dovevano essere difficili, ma sono ancora in progresso.

La costruzione della bomba deve essere impedita

Il capo della politica estera dell’Unione europea, Josep Borrell, ha parlato venerdì Bruxelles Da uno “sviluppo molto inquietante”. Ha detto che dal punto di vista dell’Unione europea non ci sono spiegazioni credibili o giustificazioni non militari per l’azione.

Lo scopo dell’Accordo di Vienna era impedire all’Iran di costruire una bomba atomica senza negargli l’uso civile dell’energia nucleare.

Il Stati Uniti d’America Erano tra gli antenati di Biden Donald Trump Ha lasciato l’accordo nel 2018 e ha cercato di mettere l’Iran sotto pressione economica imponendo sanzioni.

Biden sta attualmente cercando un modo per tornare agli accordi. I diplomatici escono GermaniaE il FranciaE il Gran BretagnaE il Russia E la Cina sta cercando di convincere gli Stati Uniti e l’Iran a tornare all’accordo sul nucleare.

“Ascolteremo i risultati dei turni di esperti a mezzogiorno (sabato) e poi decideremo se vogliamo continuare o come lo vogliamo”, ha detto sabato ai media iraniani a Vienna il viceministro Abbas Araghchi.

Araghchi, che guida la delegazione iraniana a Vienna, ha sottolineato la scorsa settimana che l’Iran non era interessato a negoziati senza fine. La delegazione chiuderebbe i negoziati e lascerebbe immediatamente Vienna se non ci fossero prospettive di risultati tangibili.