Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il governo degli Stati Uniti garantisce aiuti per la difesa al Giappone

L’uso delle armi nucleari è garantito in situazioni di emergenza: gli Stati Uniti hanno nuovamente promesso di sostenere il Giappone nel caso in cui il conflitto con la Cina si intensificasse. La situazione a Taiwan gioca un ruolo anche qui.

In un contesto di crescenti tensioni con Cina Gli Stati Uniti hanno la loro garanzia di sicurezza per Giappone Di nuovo, compreso l’uso di armi nucleari, se necessario. Secondo il governo degli Stati Uniti, la promessa di protezione vale anche per l’arcipelago Senkaku, controllato dai giapponesi, nel Mar Cinese Orientale, che anche la Cina rivendica per sé.

Dopo una visita simbolica al Primo Ministro giapponese Yoshihide Suga Venerdì alla Casa Bianca il presidente degli Stati Uniti ha sottolineato Joe BidenI due paesi sono determinati a “raccogliere insieme la sfida posta dalla Cina”. Si tratta di garantire un futuro pacifico, libero e aperto dell’Indo-Pacifico.

Gli Stati Uniti hanno stazionato soldati in Giappone

Grazie al loro arsenale nucleare, gli Stati Uniti sono la forza preventiva del Giappone e migliaia di soldati americani sono di stanza anche nella nazione insulare. Il ruolo speciale della coalizione è stato espresso anche dal fatto che Suga è stato il primo ospite straniero da quando Biden si è insediato il 20 gennaio ad accoglierlo personalmente alla Casa Bianca.

Una dichiarazione congiunta dopo la riunione ha detto che gli Stati Uniti non esiterebbero a mantenere il loro impegno a difendere il Giappone “utilizzando l’intera gamma di capacità” – comprese le capacità “nucleari”. Per quanto riguarda la spinta della Cina al potere nella regione indo-pacifica, Suga ha sottolineato che entrambi i paesi si oppongono a qualsiasi tentativo “di cambiare lo status quo con la forza o la coercizione”. Ha affermato che questo vale in particolare per il Mar Cinese Meridionale e per le “intimidazioni” dei paesi vicini, secondo la traduzione.

READ  I repubblicani accusano Fauci di insabbiamento

La parte americana ha condannato “qualsiasi azione unilaterale volta a minare l’amministrazione giapponese delle isole Senkaku”. Isole disabitate in Cina e Taiwan Comunemente noto come Diaoyu o Diaoyutai, rispettivamente. Recentemente, sempre più navi cinesi sono apparse nelle acque che circondano l’arcipelago. Date le presunte riserve di gas e petrolio, le isole rocciose sono di grande importanza strategica. Anche Taiwan lo richiede per se stessa.

Un tono duro contro la Cina

Il governo Biden è stato spietato nei confronti della Cina da quando ha preso il potere e ha dato al paese un posto di rilievo nella sua politica estera: il presidente degli Stati Uniti è la seconda economia più grande del mondo, il concorrente più potente e la sfida geopolitica numero uno. Sotto il comando di Biden, le navi da guerra statunitensi aumentarono le loro operazioni intorno a Taiwan e nel Mar Cinese Meridionale. D’altra parte, i piloti da combattimento cinesi violano la zona di limitazione della difesa aerea taiwanese quasi ogni giorno.

Biden e Suga non hanno commentato direttamente il tentativo di intimidazione militare di Pechino contro Taiwan, che considera la Repubblica popolare cinese comunista come parte della Cina. Tuttavia, nella loro dichiarazione congiunta, i due paesi hanno sottolineato “l’importanza della pace e della sicurezza” nello Stretto di Taiwan. Biden e Suga hanno anche annunciato la loro intenzione di lavorare con la Corea del Sud per raccogliere la sfida posta dal programma nucleare nordcoreano.