Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’esercizio fisico regolare è importante

Circa il 20 per cento delle persone nei paesi occidentali ha la sindrome metabolica – molte malattie metaboliche si verificano contemporaneamente – che aumenta notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari.

L’internista Rinat Hagnauer della clinica Rohrbach spiega: “I sintomi includono aumento di peso con depositi di grasso, soprattutto nella zona addominale, pressione alta di 130/85, un livello di zucchero nel sangue a digiuno di 100 mg/dL e un disturbo dei lipidi. Metabolismo. Qui no Il corpo può utilizzare adeguatamente i grassi nel sangue, i grassi in eccesso non vengono scomposti, il colesterolo e i grassi neutri sono concentrati nel sangue e i trigliceridi sono alti e i livelli di colesterolo HDL sono piuttosto bassi”.

La sindrome metabolica colpisce principalmente donne e uomini di età superiore ai 60 anni, ma anche il numero di bambini e giovani adulti affetti è in aumento. Le ragioni di ciò sono spesso una cattiva alimentazione e la mancanza di esercizio.

“Sappiamo che l’esercizio mirato combinato con un consumo ridotto di acidi grassi saturi rafforza il sistema cardiovascolare e il metabolismo e riduce il rischio di malattie vascolari”, afferma Hagnauer. La massa muscolare influisce positivamente sul metabolismo. Questo porta a un migliore controllo glicemico e pressione sanguigna”.

La terapia dell’attività fisica ha successo

Spesso non sono necessari farmaci. Il trattamento ottimale per la sindrome metabolica è un allenamento fisico moderatamente intenso. Idealmente, almeno 30 minuti di attività fisica dovrebbero essere nel programma giornaliero per abbassare i lipidi nel sangue, perdere peso in eccesso e costruire muscoli.

“Risultati particolarmente buoni si ottengono quando le persone colpite possono aumentare il loro dispendio energetico da 1.000 a 1.200 calorie e quindi raggiungere un dispendio energetico settimanale di circa 2.500 kcal”, spiega Renate Fuchs, fisioterapista presso la clinica Rohrbach. L’esercizio contribuisce notevolmente a ridurre i trigliceridi, l’ipertensione e la circonferenza della vita. Secondo uno studio, il 30 percento ha mostrato meno di tre fattori di rischio per la sindrome metabolica dopo 20 settimane”, afferma l’esperto.

READ  Cosa favorisce il rilassamento e cosa rivelano i capelli sullo stress

Fox sottolinea che mentre qualsiasi attività fisica è meglio di nessuna, la resistenza e l’allenamento della forza dovrebbero essere perfettamente combinati. Questo aiuta a bilanciare il metabolismo del glucosio e dei lipidi. E l’esercizio ha un effetto positivo sull’insulino-resistenza. Con l’insulino-resistenza, le cellule non possono elaborare l’energia ingerita dal cibo. Ecco perché, secondo Fox, è considerata “la radice della sindrome metabolica”.

Esercizi di forza regolari possono anche invertire la perdita di massa muscolare che si verifica a causa del processo di invecchiamento e anche come risultato di una prolungata inattività fisica promossa da molte malattie croniche. “Due unità di allenamento della forza efficace a settimana, ciascuna da 8 a 10 ripetizioni di ogni esercizio di rafforzamento, più un allenamento di resistenza, sono essenziali per la riduzione a lungo termine del grasso corporeo”, afferma il fisioterapista. L’esercizio minimo dovrebbe essere di 30 minuti di attività moderata cinque giorni alla settimana. La mezz’ora può anche essere divisa in tre volte dieci minuti. O 20 minuti di intensa attività tre giorni alla settimana.