Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’effetto dell’età biologica: suggerimenti per rallentare il processo di invecchiamento

Un nuovo studio vuole dimostrare che non stiamo invecchiando gradualmente, ma gradualmente – più di tre decenni. Le proteine ​​nel sangue svolgono un ruolo essenziale.

Perché alcune persone sembrano trent’anni quando ne hanno quaranta? La predisposizione genetica gioca un ruolo importante, ma lo stile di vita ha anche un enorme impatto sul processo di invecchiamento. Un nuovo studio condotto da scienziati americani della Stanford University afferma ora di averlo scoperto L’invecchiamento biologico non è un processo strisciante, ma si sta verificando in pieno svolgimento, in particolare nel quarto, settimo e ottavo decennio di vita.. Queste tre età sono essenziali per l’invecchiamento biologico perché provocano enormi cambiamenti nel corpo, secondo i ricercatori.

Per lo studio, i ricercatori della Stanford University hanno analizzato il plasma sanguigno di 4.263 persone di età compresa tra 18 e 95 anni e lo hanno esaminato per 2.925 proteine ​​plasmatiche. Sono giunti alla conclusione che il numero di proteine ​​nel plasma sanguigno è cambiato in modo significativo negli anni ’30, ’60 e ’70. Questi “salti di invecchiamento” nel corpo avranno un effetto sulla progressione della malattia, tra le altre cose. “Questo nuovo approccio allo studio dell’invecchiamento ha portato all’identificazione di segni e percorsi inaspettati che potrebbero fornire potenziali bersagli per le malattie legate all’età”, afferma lo studio.

Leggi ancheAntietà alleviando lo stress: questi suggerimenti mantengono giovani le cellule.

Integratori ringiovanenti? Una dieta equilibrata elimina la necessità di cereali

Il ricercatore urbano, il professor Sven Voelbl, spiega il ruolo delle proteine ​​nel corpo in una video intervista: “Le proteine ​​sono i mattoni della vita, cioè viviamo attraverso le proteine”. E aggiunge: “Nello studio, circa 3000 proteine sono stati esaminati ed è stato osservato che esistono solo queste tendenze Le proteine ​​non sono più disponibili in buone quantità, ecco perché c’è una sorta di invecchiamento irregolare “. Voelbl dice che i geni possono cambiare attraverso il nostro comportamento. Secondo lui, solo pochi minuti al giorno dovrebbero essere sufficienti per il tuo ringiovanimento o per vivere più a lungo. Vede la soluzione negli integratori alimentari. “Io stesso mangio una miscela di sostanze vitali ogni mattina, ottenendo tutte le vitamine, i minerali, gli enzimi, i batteri probiotici e le fibre”, dice Voelbl. In questo modo vengono supportati in modo ottimale i processi metabolici, che possono rallentare il processo di invecchiamento.

Secondo gli scienziati statunitensi, stiamo invecchiando particolarmente rapidamente in tre fasi della vita. Ma ci sono misure volte a contrastare questo.

© Josep Rovirosa / www.imago-images.de

La misura in cui ha senso assumere integratori alimentari con una dieta equilibrata è controversa. La German Dietetic Association lo critica e cita, tra le altre cose, il professor Mark Beringer dell’Università di scienze applicate di Fulda, che sconsiglia l’assunzione di integratori alimentari e chiede che cambiamo la nostra dieta e il nostro stile di vita:Il corpo contiene molti antiossidanti endogeni che possiamo attivare attraverso l’esercizio, lo sport, evitando l’obesità e seguendo una dieta variata.Secondo Beringer. Secondo lo stato attuale delle conoscenze, gli adulti sani ottengono tutti i nutrienti importanti da una dieta il più varia e naturale possibile. Secondo il DGE, solo i prodotti finali che contengono molto zucchero e sale artificiali dovrebbero essere consumati molto raramente, carni e prodotti Altri animali con moderazione D’altra parte, dovresti mangiare frequentemente frutta e verdura fresca, legumi, erbe, cereali, semi e prodotti integrali.

READ  Vitamina D: dalla carenza all'eccesso di offerta - c'è il rischio di danni alla salute

Formula fontana della giovinezza? Questo stile di vita dovrebbe farti vivere più a lungo

Oltre a una dieta varia, i seguenti fattori dovrebbero anche avere un effetto ringiovanente, secondo il ricercatore Sven Voelbl:

  • Una visione positiva della vita
  • Molto traffico
  • Adeguato rilassamento
  • Sonno sano
  • Molta interazione sociale

Studiare

Altre fonti: https://www.dge.de/uploads/media/

Continuare a leggere: Incredibile impatto: ecco perché devi andare a teatro più di una volta.

Gli sport fanno molto bene alla psiche

Pista da corsa dietro le mura della prigione: lo sport porta ancora serenità. Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn © Alexander Heinell
Quasi nulla riduce lo stress e così fa l'esercizio.  Così alcuni detenuti della prigione Plötzensee di Berlino partecipano ai loro regolari esercizi di corsa.  Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn
Quasi nulla riduce lo stress e così fa l’esercizio. Così alcuni detenuti della prigione Plötzensee di Berlino partecipano ai loro regolari esercizi di corsa. Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn © Alexander Heinell
Corsa antistress: i prigionieri di tutte le istituzioni penali di Berlino hanno potuto partecipare alla 4a gara di prigionieri di Berlino 10K.  Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn
Corsa antistress: i prigionieri di tutte le istituzioni penali di Berlino hanno potuto partecipare alla 4a gara di prigionieri di Berlino 10K. Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn © Alexander Heinell
Libera la mente con l'esercizio: la terapista del jogging Joanna Zebon aiuta i detenuti nella prigione Plotzensee di Berlino, tra gli altri.  Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn
Libera la mente con l’esercizio: la terapista del jogging Joanna Zebon aiuta i detenuti nella prigione Plotzensee di Berlino, tra gli altri. Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn © Alexander Heinell
L’esercizio fisico è anche un bene dietro le mura della prigione. Apporta benefici non solo al corpo, ma anche all’anima. Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn
L’esercizio fisico è anche un bene dietro le mura della prigione. Apporta benefici non solo al corpo, ma anche all’anima. Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn © Alexander Heinell
Con barrette alla banana e muesli contro la fame dopo lo sport: un partecipante alla 4a gara di prigionieri di Berlino 10 km si rafforza nella prigione di Plotzensee. Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn
Con barrette alla banana e muesli contro la fame dopo lo sport: un partecipante alla 4a gara di prigionieri di Berlino 10 km si rafforza nella prigione di Plotzensee. Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn © Alexander Heinell
La terapista del jogging Joanna Zebon applaude i suoi sudditi alla gara di 10 km di Berlino IV per i prigionieri presso il centro di correzione di Plotzensee. Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn
La terapista del jogging Joanna Zebon applaude i suoi sudditi alla gara di 10 km di Berlino IV per i prigionieri presso il centro di correzione di Plotzensee. Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn © Alexander Heinell
Una foto ricordo dopo aver tagliato il traguardo: Joanna Zebon con i suoi soggetti. Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn
Una foto ricordo dopo aver tagliato il traguardo: Joanna Zebon con i suoi soggetti. Foto: Alexander Heinl / dpa-tmn © Alexander Heinell