Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Le radiazioni su Marte sono mortali: i dati del rover della NASA sorprendono

  • a partire dalBandiera di Tanya

    Chiudere

Le radiazioni su Marte sono mortali per l’uomo. Ma ora ci sono nuovi dettagli che danno speranza, grazie alla navicella spaziale Curiosity della NASA.

Francoforte – Marte* Come pianeta vicino alla Terra, esercita una grande magia sull’umanità. Negli anni ’30, l’agenzia spaziale statunitense voleva NASA* Per la prima volta un astronauta è stato inviato sul Pianeta Rosso, ma resta un punto da risolvere: la radioprotezione per i viaggiatori spaziali: Inside.

Poiché Marte, a differenza della Terra, non ha né un campo magnetico protettivo né un’atmosfera densa, le radiazioni dallo spazio possono penetrare senza ostacoli nella superficie del pianeta. Il rover della NASA, che attualmente sta conducendo ricerche lì, non è interessato alle radiazioni, ma potrebbe essere fatale per l’uomo.

Radiazioni su Marte: alcune formazioni del terreno possono proteggere le persone

Pertanto, le persone che dovrebbero esplorare Marte in futuro hanno bisogno di protezione dalle radiazioni – ed è meglio che non debbano percorrere lunghe distanze dalla Terra al Pianeta Rosso. Il rover Curiosity, che ha scoperto di recente una “strana struttura” su Marte, sembra aver ora trovato una soluzione a questo problema fondamentale. È quanto suggerito almeno da uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters che si basa sui dati della navicella spaziale Curiosity della NASA.

Lo studio dell’autore principale Guo Jingnan (Università della Scienza e della Tecnologia in Cina) e di un team di ricerca internazionale sta lavorando con i dati dello strumento Radiological Assessment Detector (RAD) a bordo del rover su Marte. Misura le radiazioni nocive su Marte, indipendentemente dal fatto che provengano dal Sole o da altre fonti. L’area che RAD può misurare in dettaglio prende il nome dalla NASA Murray Bates Ricevuta. “Curiosità” è parcheggiata in quest’area da 13 giorni, mentre lo strumento RAD continua a raccogliere dati. Secondo lo studio, questi dati mostrano una diminuzione delle radiazioni.

La sonda spaziale Curiosity della NASA ha raccolto dati sulle radiazioni nella regione di Murray Potts su Marte.

© NASA/JPL

Vicino ai Murray Pots (butt viene tradotto dall’inglese come “durezza” – è una roccia più resistente dell’area circostante e quindi meno erosa) la quantità di radiazioni è diminuita di circa il cinque percento. Ora il cinque percento non è molto, ma qualsiasi riduzione delle radiazioni aiuta in un ambiente difficile come Marte.

READ  Rilevare e prevenire la carenza di vitamina A: quanta ne hai bisogno ogni giorno

Marte: qualsiasi quantità di protezione dalle radiazioni, non importa quanto piccola, aiuta con i viaggi nello spazio

Esistono due tipi di radiazioni su Marte: radiazioni dirette che provengono dall’alto, cioè dal sole o dallo spazio. e radiazione indiretta che si riflette sulla superficie di Marte. In termini di radiazioni indirette, i dati della RAD mostrano anche qualcosa che dovrebbe essere importante per la futura ricerca umana su Marte: le caratteristiche della superficie su Marte che i futuri astronauti possono proteggere dalle radiazioni dirette possono amplificare contemporaneamente le radiazioni indirette. Quindi non è sufficiente cercare un riparo e un riparo lì: le radiazioni indirette possono essere aumentate lì.

Il nuovo studio non facilita la comprensione delle condizioni di radiazione su Marte. Oltre alle condizioni che possono modificare la radiazione, c’è anche la distanza tra Marte e il Sole. Sembra che cose non importanti come l’altezza di una persona su Marte o l’angolo con cui la radiazione penetra attraverso la sottile atmosfera di Marte possano fare la differenza.

Tutte le notizie importanti sull’astronomia direttamente nella tua casella di posta*

Sebbene lo studio non offra una soluzione definitiva al problema delle radiazioni su Marte, fornisce altri metodi come viaggio spaziale* Potrebbe funzionare in futuro. Qualsiasi protezione dalle radiazioni naturali su Marte dovrebbe essere utilizzata per future missioni di navigazione spaziale, o come dice Universe Today: “Mappe di radiazioni dettagliate che includono anche il terreno potrebbero salvare vite umane”.

Il rover “Persevere” della NASA si è recentemente fatto un nome su Marte: lo ha fatto Per la prima volta è stato raccolto un campione di rocce. Nel frattempo, l’elicottero “perseverante” di Marte provoca una sorpresa e induce la NASA a cambiare i suoi piani. (scheda)* vista fr.de da IPPEN.MEDIA.