Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Le calde scoperte di Schumacher: l’odio sinistro del “traditore”

Il 6 marzo 1987 non è un bel giorno per Harald “Tony” Schumacher – e il punto negativo assoluto della sua carriera. Il portiere del Colonia è stato espulso dalla nazionale nel giorno del suo compleanno. Il motivo: ha pubblicato informazioni interessanti sul calcio tedesco nel suo libro!

“Le persone amano il tradimento e odiano il tradimento”. 35 anni fa, l’allora portiere della nazionale Harald “Tony” Schumacher scrisse il libro tedesco più famoso sul calcio mondiale. Di conseguenza, la carriera del portiere del Colonia è stata stravolta in sole due settimane: “Quello che è successo nel marzo 1987 era qualcosa che non volevo”. Tuttavia, pochi anni dopo la sua pubblicazione, Schumacher una volta disse: “Riscriverò il libro subito. Un leone è meglio per un anno che una pecora per dieci anni. Come faccio a sapere che la verità è vietata in Germania?”

Per il due volte vicecampione del mondo, questo è stato e sarà sempre il punto cruciale quando si guarda a un “tuffo emotivo” seguito da un “atterraggio rapido”. Secondo Schumacher, sua madre gli disse di “essere sempre onesto” e ora è stato “punito per la verità”: “Non volevo candeggiare, volevo dipingere il quadro come lo vedevo. Dipinge a olio invece di acquerello.”

Portiere 1. FC Köln ha dimostrato di non aver sempre avuto il controllo durante la sua lunga carriera. Dopo che Schumacher ha rilasciato un’intervista a fussball-magazin nell’ottobre 1983, la rivista mensile ha annunciato l’intervista in grassetto sulla copertina come segue: “Il nostro portiere della nazionale sta facendo una spazzata. Tony Schumacher: ‘Ora svuoterò la borsa !” “Un’intervista a cuore aperto di un cittadino di Colonia su disaccordi e incomprensioni”. All’inizio della conversazione, la guardia, secondo la rivista, indossava ancora gli occhiali da sole, ma alla fine ha agito con il sopracciglio aperto.

READ  Perdita della maglia della Coppa della Premier League 2021/22: un dettaglio fa davvero arrabbiare i fan

Mi sento solo per “Tunn”

E sebbene a Schumacher piacesse pubblicizzare in modo aggressivo le sue opinioni, trent’anni dopo la pubblicazione del suo straordinario libro, disse che avrebbe dovuto cercare “un dialogo più determinato e più intenso” con i suoi colleghi e funzionari. Non dovrebbe “arrendersi alla frustrazione e scrivere un libro”. Ma ha annunciato questo lavoro anche prima. Già nell’ottobre 1986, fussball-magazin ha dichiarato: “Il portiere della nazionale Tony Schumacher è tra gli autori del libro. Nel marzo 1987, il calciatore tedesco dell’anno dipingerà un quadro del calcio tedesco basato sulle esperienze personali, che sarà pubblicato di Droemer-Knaur-Verlag e ha il titolo provvisorio “The Goalie’s Solitude”. Come sappiamo oggi: il titolo è stato cambiato in “Anpfiff” – e anche il contenuto è stato perfezionato.

Annunci

Bundesliga Live and Laugh: momenti divertenti da Ahlenfelder a Zebec che puoi catturare

16,90€

in offerta amazon.de

La vera caratteristica che ha immediatamente suscitato sospetti nei media è stata la scelta dell’autore. Il regista di Schumacher, Schmitz e il suo studente non hanno lavorato con uno scrittore fantasma tedesco durante la stesura del libro, ma hanno scelto il giornalista francese Michel Mayer come autore. Si dice che gli abbiano detto: “Sei francese, ma scrivi un tedesco migliore di noi, quindi stai scrivendo il libro”.

Quando la prima versione preliminare del lavoro di Schumacher apparve su “Spiegel” il 23 febbraio 1987, iniziò un viaggio infernale di due settimane per il portiere della nazionale del Colonia, con l’ultimo massimo e minimo il 6 marzo. Subito dopo la pubblicazione della pre-stampa, la questione del doping è stata esagerata dai media come un vero scandalo per gli scrittori. Ciò è dovuto principalmente al fatto che l’intera Bundesliga è stata rapidamente assolta dall’accusa di aver assunto sostanze vietate in qualsiasi momento. L’autore Michal Mayer ha ceduto alle false reazioni: “Sono sbalordito dall’atteggiamento ipocrita della DFB. Qualche giorno fa stavo pensando a un tifo per Guy Biart, dove inizia la frase: ‘Lui ha la verità, quindi dobbiamo eliminare lui.” Una frase importante se vuoi capire le reazioni e il grado di rabbia e i successivi pensieri di Schumacher su questo periodo turbolento.

READ  Tour de France Femmes 2022: La pesante caduta mette in ombra la seconda tappa - Marta Cavalli si è infortunata alla testa

Schumacher sta ancora difendendo il libro oggi

Oltre al problema del doping, sono stati i numerosi piccoli consigli contro colleghi professionisti a fare scalpore. Ad esempio, un nativo di Colonia ha scritto del suo compagno di squadra nazionale dello Schalke Olaf Thun: “Molti giovani giocatori sono pigri. Alcuni di loro sono criminalmente stupidi. Olaf Thun è un ottimo esempio”. Anche nella sua città natale di Düren, Schumacher non è più richiesto dopo la pubblicazione. Poiché nel suo libro ha descritto gli ex vicini di casa come “antisociali”, i padri “alcolisti” e le madri “un misto di troie e pinze”, il Comitato sportivo lo ha invitato a uscire da una festa.

Ben Redlings

Ben Riddellings è un appassionato “storico pazzo del calcio” e sostenitore del glorificato VfL Bochum. L’autore e comico bestseller vive nella regione della Ruhr e conserva lo scrigno del tesoro di Legendary Tales. di ntv.de Scrive le storie più emozionanti e divertenti il ​​lunedì e il sabato. Maggiori informazioni su Ben Redelings, le sue date attuali e il suo libro con le sue migliori colonne (“Between Puff and Barcelona”) possono essere trovate sulla sua pagina. www.scudetto.de.

Il resto è storia. Anche feedback. Il portiere del Bayern Jan-Marie Pfaff ha dichiarato francamente: “Odio dirlo, ma per me Schumacher è un traditore. I grandi giocatori dovrebbero dare l’esempio. Toni dovrebbe guardarsi allo specchio e sputare davanti a lui”. Sepp Maier ha aggiunto: “Questo poteva succedere solo dopo i Mondiali in Messico, dove si è comportato bene senza dubbio, Schumacher pensava di essere onnipotente e nessuno poteva fargli del male. Ho scritto sei libri, ma un libro come questo non lo farei fare. Scrivi un libro oggi. Non è questa la strada da percorrere. Ma per Schumacher è ancora importante sottolineare dopo più di trent’anni che: “Non ho ricevuto una sola ingiunzione, non una causa per diffamazione, perché tutto ciò che ho scritto nel mio libro era vero”.

READ  Max Eberl vuole smettere di lavorare come allenatore al Borussia Mönchengladbach

Almeno quello che sanno: l’espulsione di Schumacher a Colonia ha dato una svolta completamente diversa alla carriera di un altro grande portiere della nazionale. Bodo Elgner aveva già firmato un contratto a Norimberga poco prima della pubblicazione dell’importante libro. Ora improvvisamente si è fermato come uno nella porta dell’FC e ovviamente non era in vendita. La prima FCN era pronta a parlare, ma richiedeva una distanza di 300.000 marchi. FC ha dovuto pagare. buona decisione.

Ad oggi, il libro di Schumacher e lo scandalo che circonda il suo lavoro sono considerati una grande leggenda nella storia della Bundesliga. Mai prima o dopo un libro scritto da un calciatore tedesco ha suscitato tanto scalpore. E fino ad oggi, Harald “Tony” Schumacher non riesce a capire cosa gli sia successo in quel momento: “Non furono le lamentele che furono eliminate, ma colui che le si rivolse pubblicamente”. Come si può dire in seguito: purtroppo non un’accusa del tutto falsa da parte dell’ex portiere della nazionale.