Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L'azienda ha smesso di fare pubblicità: Musk pubblica una serie di tweet contro Apple

L’azienda ha smesso di fare pubblicità: Musk pubblica una serie di tweet contro Apple

L’azienda ha smesso di fare pubblicità
Musk condivide con una serie di tweet contro Apple

Il conflitto tra il nuovo proprietario di Twitter, Musk, e Apple è in fermento da tempo. In una serie di tweet, il miliardario tecnologico ora chiede, tra le altre cose, se l’azienda odia la libertà di parola. Ma c’è un’altra questione che lo preoccupa.

Il nuovo proprietario di Twitter, Elon Musk, ha attaccato l’iPhone di Apple in una serie di tweet. Innanzitutto, il miliardario della tecnologia ha chiesto se Apple odia la libertà di parola in America, perché la società ha in gran parte interrotto la pubblicità su Twitter. Poi ha affermato che Apple ha minacciato di rimuovere l’app di Twitter dall’App Store senza fornire alcuna motivazione. All’inizio, Apple non ha risposto ai tweet di Musk.

Musk ha acquistato Twitter per 44 miliardi di dollari alla fine di ottobre e da allora ha spinto le sue idee attraverso il servizio online. Ciò include il fatto che, a suo avviso, Twitter ha limitato molto la libertà di espressione negli ultimi anni. Negli ultimi anni, Twitter ha costantemente agito sempre di più contro l’incitamento all’odio, gli appelli alla violenza e la disinformazione sul coronavirus. Musk ha anche aperto diversi account di destra che erano stati banditi per osservazioni omofobe e razziste, tra le altre cose.

Le accuse di Musk contro l’ex leadership di Twitter coincidono con le affermazioni della destra americana secondo cui le opinioni conservatrici vengono soppresse dalle piattaforme online. Spesso citano il diritto alla libertà di parola negli Stati Uniti. Tuttavia, gli esperti legali statunitensi hanno sempre sottolineato che il governo non dovrebbe limitare il diritto alla libertà di espressione. D’altra parte, le aziende e le piattaforme online hanno il diritto di stabilire le proprie regole per la comunicazione su questa base.

Tassa segreta del 30%.

Il conflitto tra Musk e Apple è in fermento da tempo. Musk è una biforcazione della tassa dal 15 al 30% dovuta dalle piattaforme di app per i ricavi degli abbonamenti guadagnati all’interno dell’app. Ha annunciato che Twitter si concentrerà maggiormente sulle entrate degli abbonamenti piuttosto che sulla pubblicità.

Lunedì, ha nuovamente attaccato la “tassa segreta del 30%” che Apple addebita sugli acquisti nell’App Store. In una foto, ha lasciato intendere che “voleva andare in guerra” dall’altra parte. Come di consueto, dopo i tweet di Musk, sul servizio online si sono formati i suoi fan, che hanno attaccato anche Apple.

READ  Nonostante la crisi: bene le grandi aziende della regione - Economia - Cronaca