Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’Azerbaigian attacca una regione abitata da armeni

L’Azerbaigian attacca una regione abitata da armeni

GTra l’Azerbaigian e l’Armenia c’è la minaccia di una nuova grande guerra per il Nagorno-Karabakh. I rappresentanti della popolazione armena della regione, che secondo il diritto internazionale appartiene all’Azerbaigian e che il regime di Baku vuole portare sotto il suo controllo esclusivo, hanno riferito martedì dei bombardamenti azeri sulla loro “capitale” Stepanakert, tra l’altro, e sui bombardamenti aerei avvisi di bombardamento. Il Ministero della Difesa della regione separatista ha affermato che l’esercito azerbaigiano attacca con missili e colpi di artiglieria lungo tutta la linea di contatto dalle 13:00, ora locale. Il rappresentante degli armeni del Karabakh in Armenia ha parlato di un “grande attacco militare” e che Stepanakert e altri luoghi sono stati sottoposti ad “intensi bombardamenti”.

Il fatto che l’esercito azerbaigiano abbia annunciato martedì mattina di aver iniziato “operazioni antiterrorismo di natura locale” in Karabakh suggerisce anche che si sia trattato di qualcosa di più di una semplice scaramuccia congiunta nella regione. Il sovrano dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha invitato gli armeni del Karabakh a vivere come minoranza nel suo paese e rifiuta lo status speciale dei residenti del Karabakh. Dallo scorso dicembre, l’Azerbaigian ha chiuso il corridoio Lachin, la via di rifornimento dalla Repubblica di Armenia al Karabakh, e ha inasprito ulteriormente il blocco a giugno. Ciò ha portato ad un’emergenza umanitaria nel Nagorno-Karabakh.

Espulsione degli armeni dalle “nostre terre”.

Recentemente, gli armeni del Karabakh hanno accettato di consegnare aiuti attraverso la rotta di Aghdam dal cuore dell’Azerbaigian – che prende il nome da un luogo devastato – attraverso la quale martedì della scorsa settimana è arrivata a Stepanakert una spedizione di aiuti russi. Domenica scorsa, la leadership armena in Karabakh e Baku ha accettato di fornire aiuti “simultanei” dalla Russia e dal Comitato internazionale della Croce Rossa attraverso la strada Aghdam e il corridoio Lachin. Lunedì è arrivata nella zona una spedizione di aiuti da parte del Comitato internazionale.

READ  Miliardario della tecnologia: Elon Musk vuole sostenere finanziariamente Trump in grande stile


Nel frattempo, la leadership armena ha avvertito nelle ultime settimane che l’Azerbaigian sta accumulando forze militari nella regione. Nell’ultimo grande scoppio della guerra, tre anni fa, le forze di Aliyev furono in grado di impadronirsi delle aree intorno al Nagorno-Karabakh, che erano state sotto il controllo armeno sin dalla prima grande guerra dei primi anni ’90, così come parti dello stesso Karabakh. Nel 2020, più di 7.000 soldati sono stati uccisi durante 44 giorni di guerra. Un cessate il fuoco mediato da Mosca ha portato le forze di pace russe nella regione, ma queste hanno avuto ben poco per contrastare la crescente offensiva dell’Azerbaigian.