Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L'amico di Putin, Medvedev, minaccia gli Stati Uniti di conseguenze

L'amico di Putin, Medvedev, minaccia gli Stati Uniti di conseguenze

  1. Home page
  2. Politica

Insiste

La Russia potrebbe temere per i suoi miliardi, poiché gli Stati Uniti potrebbero inviare i beni congelati del Cremlino all’Ucraina. L'ex presidente Medvedev risponde con minacce.

MOSCA – La propaganda russa è al suo apice, almeno dall’inizio della guerra in Ucraina. Sulla punta della lancia della disinformazione c'è uno dei confidenti più stretti e leali di Vladimir Putin: Dmitry Anatolyevich Medvedev. Attraverso il suo canale sull'applicazione Telegram, l'ex presidente russo ha criticato la recente decisione americana di sequestrare i beni russi congelati. Evoca addirittura una “guerra ibrida” tra Stati Uniti e Russia.

Gli Stati Uniti d’America confiscano i beni russi e li donano all’Ucraina

Ciò che potrebbe aumentare la rabbia di Medvedev è che gli Stati Uniti vogliono inviare i fondi confiscati all'Ucraina. Ancora Corriere di Berlino I rapporti suggeriscono che dai sei agli otto miliardi di dollari potrebbero passare dalle mani dei russi al nemico di guerra: un “furto vergognoso”, come lo definisce Medvedev sul suo canale Telegram.

Ma non è tutto: la decisione degli Stati Uniti potrebbe aumentare la pressione sugli altri paesi occidentali affinché seguano l’esempio. La quantità di denaro che la Russia perderà sarà molte volte superiore ai miliardi confiscati finora. Si stima che l’Occidente abbia congelato i beni russi per un valore di circa 276 miliardi di euro.

Il presidente del Cremlino Vladimir Putin e Dmitry Medvedev in una conversazione intima a Mosca. (Foto d'archivio) © Maxim Chebenkov/DPA

Tuttavia, all’interno dell’UE ci sono alcune preoccupazioni sulla possibilità che i miliardi russi debbano davvero essere messi a disposizione dell’Ucraina. Consulente Olaf Schulz (SPD), ad esempio, ha descritto l’argomento come “molto complesso”. Sequestrando beni, l’UE potrebbe anche rendersi vulnerabile alle richieste di asilo della Russia. Il Paese ha già annunciato misure corrispondenti.

READ  La Russia vuole un voto segreto: l'Assemblea generale dell'Onu discute l'annessione

Medvedev accusa gli Stati Uniti di condurre una “guerra ibrida” contro la Russia e ne minaccia le conseguenze

Medvedev è chiaramente arrabbiato nel suo post: “È successo l'inaspettato”, ha scritto nel telegramma. Il vostro stato ha dichiarato una guerra ibrida contro di noi”. La stessa Russia attira regolarmente l’attenzione con attacchi informatici e guerre ibride contro altri paesi. Tuttavia, il “furto vergognoso dei nostri oggetti di valore” non rimarrà senza risposta, come minaccia l’ex presidente. Ma poiché la Russia ha relativamente pochi asset statunitensi, la reazione non può che essere “asimmetrica”.

In un post precedente, Medvedev aveva usato parole più dure nei confronti degli Stati Uniti e del loro annuncio di 61 miliardi di dollari in aiuti all’Ucraina. E nessuno dubitava che i “bastardi americani” avrebbero aiutato l'Ucraina. Ha anche descritto l’Ucraina come una “banda neonazista”, una classica narrazione della propaganda russa per legittimare una guerra di aggressione contro il Paese.

Medvedev e la propaganda russa

Non è la prima volta che qualcuno vicino a Putin si presenta come portavoce della propaganda del Cremlino. Non evita le minacce dirette contro i singoli paesi. Alla fine di febbraio si è rivolto anche alla Germania e ha parlato delle conseguenze disastrose per il paese se la Russia avesse vinto sull’Ucraina.

La propaganda russa ha un obiettivo specifico: creare caos e paura in Occidente. “Cambiare la mente e gli atteggiamenti delle persone è molto più difficile che semplicemente instillare dubbi o paure”, ha detto a una rivista americana Andy Carvin, membro senior del Digital Forensics Research Lab dell'Atlantic Council. tempo. La Russia sta cercando di creare caos e incertezza in Occidente. Ciò potrebbe portare ad una perdita di morale e ad indebolire il sostegno all’Ucraina. (vietare)