Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L'alternativa WhatsApp all'invio di foto scomparirà nel 2022

L’alternativa WhatsApp all’invio di foto scomparirà nel 2022

Ci sono alcuni cambiamenti in serbo per i consumatori nel 2022. Gli utenti di smartphone in particolare dovranno presto rinunciare alla funzionalità precedentemente popolare.

Dortmund – 2022 Ci saranno alcune novità per i consumatori. Accanto a Nuove regole di deposito*, Costi maggiori con Poste e DHL*o cambiamenti per gli utenti della strada*, un cambiamento drastico è imminente anche nel settore digitale. come RUHR24* Vodafone e Telekom hanno dichiarato che si separeranno dal servizio.

Gruppo di comunicazione Vodafone GmbH, una filiale tedesca della società britannica di telecomunicazioni mobili Vodafone Group
Sede centrale Dusseldorf
concorrente Ua Telecom, O2

Cambiamenti nel 2022: Vodafone e Telekom terminano il servizio popolare

Lo spettacolo che è stato lanciato con grande speranza dai fornitori di servizi di telecomunicazione nel 2002 sarà ora interrotto di nuovo dopo 20 anni. Per gli utenti, questo significa soprattutto che è meno probabile che cadano nella trappola dei costi. Come ora è improbabile che qualcuno utilizzi la funzione a causa di Whatsapp, Telegram e Co.

Nello specifico si tratta del Multimedia Messaging Service (abbreviato MMS), introdotto nel 2002 per inviare messaggi contenenti immagini o suoni. Ciò che è dato per scontato nell’era degli smartphone era ancora considerato “innovativo e modernissimo” 20 anni fa, secondo un portavoce di Telekom. Tuttavia, l’MMS non è più aggiornato, motivo per cui il gruppo ha deciso di staccare la spina dal servizio nel 2022 (altro notizie digitali*in RUHR24).

2022: L’alternativa Whatsapp all’invio di immagini verrà interrotta

Ciò che era chiaro a Telekom dal 2020 è stato ora determinato dalla rivale Vodafone. Operatore mobile con sede a Dusseldorf (NRW*) Dal 17 gennaio 2023 non offre più la funzionalità MMS. “L’MMS è obsoleto, la sua rilevanza è bassa e i vantaggi per i clienti sono scarsi”, ha affermato Gerhard Mack, Head of Technology di Vodafone Germania.

READ  I consumatori accumulano: i fumatori di sigarette elettroniche suggeriscono tasse aggiuntive

Quasi nessuno oggi invia una foto, un audio o un video clip tramite MMS. Perché tramite servizi di messaggistica popolari come Il WhatsApp*, Telegram o Signal, questo è molto più facile, veloce e soprattutto più economico. Fin dall’inizio, il prezzo è stato uno dei principali inconvenienti di MMS. Se non disponi di un budget mensile MMS gratuito, dovrai pagare 39 centesimi per messaggio con immagine.

Gli utenti mobili dovrebbero essere preparati al cambiamento nel 2022: la funzionalità MMS sarà abolita.

© Patrick Ball / dpa

Spesso un utente cade nella trappola dei costi. Chiunque avesse allegato accidentalmente un’immagine a un messaggio di testo trasformava un messaggio di testo in un messaggio multimediale e doveva scavare in profondità nelle proprie tasche. I costi erano – e sono tuttora – enormi. Uno dei motivi per cui nessuno utilizza più il lavoro è perché inviare foto o video tramite Whatsapp e Co. In omaggio.

Vodafone e Telekom fanno un passo drastico eliminando gli MMS

Non solo il fattore costo è uno svantaggio critico dell’MMS, ma lo è anche la dimensione del file. Come afferma Vodafone in un messaggio, l’immagine di uno smartphone ora può avere una dimensione di diversi megabyte, ma una foto MMS è limitata a 300 kilobyte, ovvero 0,3 megabyte. La qualità e la risoluzione delle immagini inviate tramite MMS è quindi scarsa. Quindi non c’è da stupirsi che quasi nessuno usi l’MMS in questi giorni.

Lo hanno confermato anche alcuni personaggi di Vodafone. Secondo il Dusseldorf Communications Group, la maggior parte dei messaggi multimediali è stata inviata a dicembre 2012, circa 13 milioni. Nel 2021, sarà solo il cinque percento del valore massimo in quel momento e la tendenza continuerà a diminuire. Quindi, abbastanza conferma per il fornitore di servizi per abbandonare finalmente l’offerta.

READ  Il preferito dell'analista: affrontare la crisi con forti società statunitensi: gli esperti di Wall Street raccomandano questi 5 titoli | newsletter

Vodafone conferma però di non voler disattivare gli SMS. Dopotutto, il servizio SMS celebrerà il suo 30° anniversario nel 2022. Secondo Statista, circa 7 miliardi di messaggi di testo vengono ancora inviati ogni anno in Germania (a partire dal 2020). Questo è anche molto più basso rispetto al 2012, quando venivano inviati circa 60 miliardi di SMS all’anno, ma questo è ancora sufficiente per il gruppo di contatti che desidera mantenere il servizio SMS. Non è chiaro se Telekom continuerà a utilizzare gli SMS. La società non ha ancora commentato in merito. * RUHR24 fa parte della rete di editing IPPEN.MEDIA

Rubiklistenbild: © Jens Kalaene/dpa; Collage: RUHR24