Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La vaccinazione corona è particolarmente importante per le persone con malattie del fegato: la pratica della guarigione

vaccino covid-19 per malattie del fegato liver

Il calo del numero di contagi da corona fa ben sperare. Può anche essere fatto risalire alle vaccinazioni contro il coronavirus SARS-CoV-2 o la malattia COVID-19 causata dal patogeno. Ma non tutte le persone particolarmente a rischio sono state ancora vaccinate. La vaccinazione è particolarmente importante per alcune persone, comprese quelle con malattie del fegato.

In un numero sempre maggiore di stati federali, la priorità della vaccinazione è stata sollevata per le pratiche mediche. Molte persone con malattie del fegato e trapianti di fegato sono tra le persone prioritarie per la vaccinazione. Aiuto per il fegato tedesco E. V., Fondazione tedesca per il fegato e Gastro-Liga e. Sottolineare l’importanza della vaccinazione contro il COVID-19 per questo gruppo a rischio.

Aumento del rischio di malattie del fegato

Spiega il Professor Dr. Christophe Sarrazin, CEO di Deutsche Leberhilfe e. V. in uno Messaggio.

“Tra le malattie che, secondo gli studi, potrebbero attualmente essere associate a un aumentato rischio di COVID-19 grave, STIKO include gravi malattie del fegato e cirrosi, tra cui cirrosi, insufficienza epatica cronica e successivo trapianto di fegato”, ha affermato l’esperto.

Organizzatori della 22a giornata tedesca del fegato il 20 novembre 2021 – Deutsche Leberhilfe e. V., Fondazione tedesca per il fegato e la gastroenterologia e. V. “Appoggio questa raccomandazione sulla vaccinazione e faccio riferimento ad analisi preliminari che mostrano che il sistema immunitario dei trapiantati mostra una ridotta risposta immunitaria alle vaccinazioni in generale e alla vaccinazione contro il COVID-19”, spiega il professor Sarrazin.

Per questo motivo, per questo gruppo di pazienti rimane importante la protezione attraverso restrizioni di contatto, rispetto delle norme igieniche e distanza nota. La vaccinazione contro il COVID-19 può fornire ai familiari dei riceventi un trapianto una protezione aggiuntiva”.

READ  Efficacia della vaccinazione Corona: età, sesso e peso corporeo (BMI) influenzano la protezione della vaccinazione

La priorità della vaccinazione è stata parzialmente de-priorizzata

Dopo una pandemia per più di un anno, molte delle misure Corona progettate per ridurre il rischio di infezione, come indossare maschere, mantenere la distanza e regole igieniche, sono diventate normali per la maggior parte delle persone.

Inoltre, i vaccini contro il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 sono stati somministrati in Germania dalla fine di dicembre 2020 – finora sono stati approvati quattro vaccini nell’Unione europea.

Più del quindici percento della popolazione totale della Germania è ora completamente vaccinato. A causa dell’elevata domanda di vaccini e delle limitate capacità di produzione, la priorità è stata e continua ad essere data anche ai centri di vaccinazione in Germania.

Tuttavia, le vaccinazioni sono attualmente prioritarie per le pratiche mediche in sempre più stati federali. Come affermato nell’annuncio, molte persone con malattie del fegato e trapianti di fegato sono tra le persone prioritarie per la vaccinazione.

Si consiglia la vaccinazione

Gli organizzatori del German Liver Day raccomandano la vaccinazione con i vaccini attualmente disponibili e approvati sulla base dei dati e dei risultati disponibili fino ad oggi.

Ciò vale anche per i pazienti con fegato grasso ed epatite virale cronica, nonché per tutte le malattie epatiche rare come la colangite biliare primitiva (PBC), la colangite sclerosante primitiva (PSC), l’epatite autoimmune (AIH) e l’epatopatia vascolare. La vaccinazione è particolarmente urgente per le persone con cirrosi, i pazienti in lista d’attesa per il trapianto di fegato e coloro che hanno già subito un trapianto di fegato.

Tutti i vaccini COVID-19 approvati non sono vivi, non infettivi e sono adatti anche a persone immunocompromesse.

Gli effetti collaterali noti fino ad oggi includono sintomi simil-influenzali e reazioni dirette nel sito di iniezione. Solo in rari casi si sono verificate gravi reazioni allergiche; Pertanto, in soggetti con predisposizione nota, devono essere prese ulteriori misure precauzionali in consultazione con un medico.

READ  Corona a Monaco di Baviera: le cifre del White Monday non valgono molto

Il beneficio della vaccinazione, che protegge dall’infezione da SARS-CoV-2, teoricamente supera di gran lunga le potenziali reazioni vaccinali indesiderate, quindi la vaccinazione è raccomandata per tutti i pazienti.

Rapporto di rischio positivo

Con due vaccini vettoriali (AstraZeneca / Johnson & Johnson) sono stati osservati casi molto rari di trombosi venosa cerebrale e altre trombosi, secondo la German Liver Foundation eV su sito web.

Con il vaccino Vaxzevria di AstraZeneca, una relazione causale è ora considerata probabile. Anche l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) conferma il rapporto rischio-beneficio positivo di questo vaccino.

Da aprile, STIKO ha raccomandato il vaccino solo per le persone di età superiore ai 60 anni. Tuttavia, se lo desiderano, uomini e donne più giovani possono ricevere la vaccinazione Vaxzevria dopo il giudizio medico, la valutazione del rischio personale e un’attenta istruzione.

L’EMA ha anche pubblicato una dichiarazione il 20 aprile 2021 per l’uso del vaccino vettoriale Janssen-Cilag/Johnson & Johnson COVID-19 e continua a valutare positivamente la valutazione complessiva del rapporto rischio-beneficio.

L’uso di questo vaccino sotto i 60 anni rimane possibile anche dopo consiglio medico e con l’accettazione dei rischi individuali da parte della persona da vaccinare.

Non ci sono ulteriori rischi di vaccinazione per chi soffre di malattie del fegato

Non sono ancora noti ulteriori rischi di vaccinazione per le persone con malattie del fegato. Tutti gli effetti collaterali vengono monitorati, compilati in registri e valutati.

In particolare, i pazienti con malattia epatica autoimmune sono spesso molto cauti e scettici riguardo alle vaccinazioni, poiché temono che la loro malattia peggiori.

Ancora una volta, secondo gli esperti, i benefici del vaccino superano i potenziali rischi.

READ  La vitamina D aiuta a curare la febbre da fieno e l'asma?

In ogni caso, si consiglia alle persone con malattie del fegato di parlare con il proprio medico di famiglia o terapeuta prima di ricevere il vaccino COVID-19, soprattutto se hanno domande o dubbi. (anno Domini)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti medici.

gonfiare:

  • Deutsche Leberhilfe eV: Comunicato stampa: “Il tuo fegato. La tua vita. “: Il vaccino COVID-19 e la cautela sono particolarmente importanti per le persone con malattie del fegato (Accesso: 30.05.2021), libertag.org
  • Deutsche Leberhilfe eV: Pagina informativa: COVID-19, Malattie epatiche e vaccini (Accesso: 30.05.2021), Aiuto al fegato tedesco eV

nota importante:
Questo articolo è solo a scopo di orientamento generale e non è destinato all’uso per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.