Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La scoperta del nuovo virus Corona nei cani: la mutazione potrebbe consentirne la trasmissione all’uomo

I coronavirus non esistono solo dal 2019. Quasi 20 anni fa, le persone contraevano tali virus. I ricercatori hanno ora scoperto il nuovo virus Corona.

Malesia – Il mondo sta combattendo questo per oltre un anno Corona virus. Nel 2019, il Coronavirus chiamato Sars-CoV-2 si è diffuso e da allora ha infettato più di 164 milioni di persone. Con lo sviluppo dei vaccini, la vita dovrebbe tornare alla normalità in futuro. Tuttavia, c’è sempre preoccupazione per le mutazioni della corona come B.1.1.7, che potrebbero aggirare la protezione della vaccinazione e causare un aumento dei numeri di coronavirus attualmente in calo.

Si dimentica spesso che i Coronavirus non esistono solo dal 2019. Gli esperti hanno ora scoperto un tipo completamente nuovo di Coronavirus in Malesia. Anche questo sembra essere contagioso per gli esseri umani. La sua origine: cane.

Coronavirus: infezioni dal 2003

Negli ultimi anni si sono verificati frequenti casi di persone che hanno contratto il nuovo coronavirus dagli animali. Nel 2003 si è appreso che sempre più persone erano state infettate da un nuovo tipo di coronavirus SARS (SARS-CoV). Questa variante era di origine animale ed è stata registrata per la prima volta in Cina nel 2002.

RKI sospettava almeno nove casi di SARS in Germania. Nel 2012 ci sono state altre segnalazioni della presenza del Coronavirus. Il cosiddetto Coronavirus Mers ha contagiato diverse persone – anche questa volta di origine animale: il cammello arabo. Un altro decennio dopo, nel 2019, sono finalmente noti i primi casi di Sars-CoV-2.

Il dottor Gregory Gray, un epidemiologo presso la Duke University, ha deciso di indagare se ci sono attualmente altri virus corona in circolazione che potrebbero causare un’altra pandemia.

READ  Fusione di galassie nane: i ricercatori scoprono ammassi globulari rivelatori

Nuovo Coronavirus: i ricercatori stanno testando campioni positivi dalla Malesia

I metodi di prova precedenti erano limitati a Sars-CoV-2. “La diagnosi è molto specifica.” Gray ha spiegato alla National Public Radio (NPR) degli Stati Uniti che l’attenzione è generalmente concentrata sui virus conosciuti. Questo rende più difficili i suoi piani di ricerca per trovare nuovi coronavirus. Così ha incaricato il dottorando Leshan Ziyu per sviluppare un test per altri coronavirus. Ci è riuscito. Questo è nello sviluppo di una nuova procedura di test.

Nel 2020, Gray e Shi hanno trovato prove di un nuovo coronavirus utilizzando la nuova procedura di test. Anche la polmonite è associata a questa malattia: i bambini costituiscono la maggior parte delle persone infette ei due scienziati hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista specializzata Clinical Infectious Diseases. Tra il 2017 e il 2018, i campioni testati sono stati raccolti da una clinica in Malesia. In totale, Gray e Xiu hanno esaminato 301 campioni di test e hanno trovato prove di coronavirus in otto campioni, la cui origine può essere fatta risalire ai cani.

I cani dovrebbero essere la fonte del nuovo virus: il suo potenziale di trasmissione agli esseri umani

I risultati trovati sono stati esaminati dalla virologa Anastasia Vlasova, esperta di coronavirus animali. Ha detto a NPR: “Fino ad ora, non ci sono prove che i coronavirus possano essere trasmessi agli esseri umani nei cani”. Tuttavia, poiché la maggior parte del genoma può essere ricondotta ai cani, è molto probabile che il virus sia già passato direttamente dal cane all’uomo.

Inoltre, il virologo ha trovato una mutazione unica nel virus appena scoperto. Più precisamente, una delezione nel genoma non può essere trovata in nessun altro coronavirus nei cani, ma nel coronavirus umano. Vlasova sospetta che questa mutazione potrebbe essere un passo importante per il virus nell’infettare gli esseri umani. Finora, non ci sono prove di trasmissione da uomo a uomo. Si spera che la scienza abbia riconosciuto abbastanza rapidamente il pericolo e che non ci sarà un’altra pandemia. Il numero di infezioni sta aumentando rapidamente in Asia orientale e potrebbe avere impatti globali. (jsch)