Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La Russia espelle i diplomatici estoni dopo averli arrestati

Paesi esteri San Pietroburgo

La Russia espelle i diplomatici estoni dopo averli arrestati

A questo punto troverai contenuti da Podigee

Per interagire con o visualizzare contenuti da Podigee e altri social network, abbiamo bisogno del tuo consenso.

Un diplomatico estone è stato arrestato a San Pietroburgo. Il servizio di sicurezza interna russo FSB accusa l’uomo di accettare informazioni riservate. Ora deve lasciare il Paese. L’Estonia parla di una provocazione e di una trappola.

DrMercoledì il ministero degli Esteri russo ha espulso un diplomatico estone che era stato arrestato il giorno prima. Una portavoce del ministero ha detto che il console estone a San Pietroburgo, Mart Lati, è stato dichiarato “persona non grata” e ha avuto 48 ore per lasciare la Russia.

Martedì, il servizio di intelligence interno russo, l’FSB, ha arrestato Lätte. L’FSB ha affermato che l’accesso è stato effettuato quando l’uomo ha ricevuto informazioni riservate da un cittadino russo. “Questa attività non corrisponde allo status di un impiegato diplomatico, il suo carattere è chiaramente anti-russo”.

Una portavoce del ministero degli Esteri estone ha descritto l’incidente come provocatorio. Una trappola è stata tesa per il diplomatico. Le accuse sono infondate. L’arresto è un altro esempio di come la Russia preferisca cercare il confronto piuttosto che “invertire la tendenza negativa nei rapporti con i Paesi Ue”.

Leggi anche

Il Servizio di sicurezza federale ha annunciato che adotterà “misure in linea con il diritto internazionale” nei confronti del diplomatico. Non sono stati forniti altri dettagli.

La Russia e diversi paesi occidentali hanno combattuto negli ultimi mesi una serie di controversie diplomatiche, spesso con accuse reciproche di spionaggio. Mosca ha espulso diplomatici da Germania, Svezia e Polonia a febbraio e quattro diplomatici dagli Stati baltici ad aprile. Le ex repubbliche sovietiche di Estonia, Lettonia e Lituania criticano duramente Mosca all’interno dell’Unione Europea e della NATO.

L’espulsione è stata innescata dalle accuse della Repubblica Ceca secondo cui l’intelligence russa era dietro l’esplosione del 2014 di un deposito di munizioni nell’est del paese. Secondo i risultati delle sue autorità di sicurezza, Praga ha espulso 18 diplomatici russi, a quel punto Mosca ha classificato la Repubblica Ceca come “paese ostile”.

READ  'C'era molto amore': le false dichiarazioni di Donald Trump sulla Tempesta al Campidoglio - Politica all'estero