Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La produzione tedesca di test rapidi ha avuto un avvio lento

La produzione tedesca di test rapidi ha avuto un avvio lento

Da lunedì è giunto il momento: inizieranno i test obbligatori per le aziende di tutta la Germania. I datori di lavoro dovrebbero quindi offrire ai propri dipendenti un’offerta di prova quando non lavorano da casa. Con l’impegno nei test, la necessità di test rapidi si guasta di nuovo.

Il programma di finanziamento del Ministero dell’economia e della salute mira ad alleviare la situazione durante tutto l’anno, aumentando la produzione di test rapidi in Germania. A tal fine il Ministero dell’Economia e della Salute mette a disposizione un totale di 200 milioni di euro per finanziare la normativa in materia. È possibile fornire assistenza finanziaria alle aziende che producono test rapidi e autotest in Germania e li vendono solo sul mercato interno tedesco ed europeo. L’obiettivo è ridurre la dipendenza da siti di produzione non europei.

La produzione di test aggiuntivi con programma di supporto mira a

Se possibile, dovrebbero essere messi in circolazione più di 60 milioni di test aggiuntivi ogni mese, con l’Ufficio federale per l’economia e il controllo delle esportazioni (BAFA) che riferisce a MDR su richiesta. Le aziende possono fare domanda per il programma fino alla fine di marzo – secondo il BAFA sono state ricevute sette richieste di finanziamento. Delle 35 aziende con sede in Germania che vendono test certificati, sarebbe il 20 percento. Quando le aziende iniziano a produrre test aggiuntivi, dipende in gran parte dai produttori di test. La linea guida afferma solo che l’inizio deve avvenire entro e non oltre sei mesi dall’approvazione del finanziamento o entro la fine del 2021.

Per Janusz Dahmen (il Partito dei Verdi), medico e membro del Bundestag, questo è il problema più grande: in linea di principio, si dovrebbe sostenere che il governo federale dovrebbe occuparsi della capacità di produzione. “Ma come molte altre cose, il programma è arrivato troppo tardi e poi è stato anche condotto male. Test rapidi e autotest erano già stati sviluppati nell’estate del 2020 e ci si aspettava che sarebbero stati necessari”. Anche il ministro della salute federale ha detto all’epoca che i test erano uno strumento strategicamente importante per combattere la pandemia. “È più sorprendente che dopo sei mesi venga messo in atto un programma di finanziamento”, afferma Dahmen. I termini di finanziamento consentono alle aziende di produrre fino alla fine del 2021. Quindi, in futuro, potranno sostenere questi test anche se sono necessari ora. “Il programma di finanziamento è una foglia di fico perché non aiuta nei momenti di urgenza”. In generale, Dahman accoglie con favore il fatto che i test siano prodotti e venduti in Germania.

Finora non c’è quasi nessuna produzione di prova in Germania

Pochissime aziende tedesche che vendono autotest Corona stanno attualmente producendo i loro test in Germania. Solo una manciata di 35 aziende che vendono test certificati hanno siti di produzione in Germania, secondo un sondaggio MDR dei produttori tedeschi. La maggior parte dei prodotti è prodotta in Cina, Corea del Sud o negli Stati Uniti. R-Biopharm dell’Assia è uno dei pochi produttori a produrre effettivamente test Corona in Germania. “I nostri test sono stati sviluppati in Germania e sono anche prodotti esclusivamente in Germania.” Attribuiamo grande importanza a questo. “Quindi non si fa affidamento su siti di produzione non europei. L’azienda ha anche presentato domanda al governo federale per il programma. Secondo ai rapporti dell’Ufficio federale dell’economia e del controllo delle esportazioni, nessuna decisione è stata presa in merito alle richieste di finanziamento.

READ  Le società di domini si offrono: Nabaltec - 21/04/21

La Diagnostics Industry Association, che rappresenta circa 100 membri, accoglie favorevolmente i finanziamenti. “La metrica di finanziamento utilizza la giusta leva”, afferma Martin Walger, amministratore delegato dell’associazione. Ma il denaro non è l’unico punto critico. Soprattutto, la carenza di lavoratori qualificati è da molti anni un problema serio.

Il governo federale fornisce più di 1 miliardo di test

Finora il Ministero Federale della Salute si è ritenuto in una buona posizione in materia di test rapidi. Il ministero ha affermato che quest’anno il governo federale si è già assicurato oltre 1,1 miliardi di test antigenici rapidi e autotest. Gli asili nido, le scuole e gli ospedali possono preferibilmente ricorrere alle unità fornite dal governo federale. Questo è specificato nell’elenco delle priorità.

Dei quasi 1 miliardo di test bloccati, la maggioranza, 763 milioni di test rapidi, si riferisce ad accordi quadro (un “Memorandum of Understanding”) tra il Ministero Federale della Salute e 13 produttori tedeschi, come evidenziato da una risposta a una piccola inchiesta del FDP all’inizio di aprile. Secondo il Ministero della Salute, gli accordi quadro sono progettati in modo che i produttori forniscano test attraverso canali di distribuzione regolari. In Germania, i test rapidi, a differenza dei vaccini e dei dispositivi di protezione, ad esempio, non sono stati ancora acquistati a livello centrale dal governo federale. Le aziende devono acquistarli da sole, proprio come gli stati o le province federali.

Le aziende non hanno accesso sicuro ai test

In una lettera alla cancelleria lo scorso fine settimana, le principali associazioni imprenditoriali hanno criticato il fatto che i governi federale e statale avessero già prenotato diversi test sul mercato per gli scolari. Pertanto, hanno richiesto al governo federale di mettere i test a disposizione dei datori di lavoro.

In effetti, i test delle quote MOU vengono inviati principalmente alle istituzioni mediche. Quello che rimane dopo un mese viene dato alle scuole. Solo allora dovrebbe essere distribuito a clienti privati ​​come le aziende. Non è ancora chiaro come funzioni esattamente la distribuzione. Le aziende che ora devono dare una demo ai propri dipendenti si affidano ai canali di vendita tradizionali.