Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La NASA smette di produrre ossigeno su Marte

La NASA smette di produrre ossigeno su Marte

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Moxie ha le dimensioni di un tostapane ed è ospitato all’interno del rover Perseverance della NASA. Su Marte l’ossigeno viene estratto dall’aria. (Foto d’archivio) © NASA/JPL Caltech

La produzione di ossigeno su Marte mira a semplificare l’esplorazione umana del Pianeta Rosso. La NASA dimostra che questo può effettivamente funzionare.

Washington, DC – rover della NASA “perseveranza” Faccio trading da due anni e mezzo Marte Sembra che ci sia ancora molta strada da fare prima di arrendersi. Anche il suo piccolo compagno, l’elicottero Ingenuity, continua a sorvolare il Pianeta Rosso. Ma la comunità di ricerca deve ora depositare a bordo di Perseverance uno strumento molto importante: “moxy” (Esperimento di utilizzo delle risorse di ossigeno di Marte sul posto). Si tratta di un dispositivo delle dimensioni di un tostapane destinato a produrre ossigeno su Marte come dimostrazione tecnologica.

L’esperimento è stato un successo – ecco come: “Moxie” si è attivato su Marte 16 volte ed ha estratto un totale di 122 grammi di ossigeno dalla sottile atmosfera marziana. Lo riferisce l’Agenzia spaziale americana NASA Dopotutto, è la quantità di ossigeno che un cane di piccola taglia consuma in dieci ore. Ma ora la produzione di ossigeno su Marte è terminata.

NASA: La produzione di ossigeno su Marte è stata un successo

“Le impressionanti prestazioni di Moxie dimostrano che è possibile estrarre ossigeno dall’atmosfera marziana, ossigeno che potrebbe aiutare a fornire ai futuri astronauti aria respirabile o carburante per missili”, ha affermato in una nota il vice amministratore della NASA Pam Milroy. avviso Al termine della dimostrazione tecnologica. “Sviluppare tecnologie che ci consentano di utilizzare le risorse luna Marte è fondamentale per stabilire una presenza a lungo termine sulla Luna, creare una forte economia lunare e sostenere la prima campagna di esplorazione umana su Marte.

Secondo la NASA, lo strumento per Marte ha soddisfatto tutti i requisiti tecnici e ha funzionato nelle condizioni più diverse durante l’anno marziano. Gli sviluppatori dello strumento hanno imparato molto sulla tecnologia. Ma anche i numeri grezzi sono impressionanti: secondo questi dati, Moxy ad un certo punto ha prodotto 12 grammi di ossigeno all’ora, il doppio di quanto effettivamente previsto. L’ultima accensione del dispositivo, avvenuta il 7 agosto, ha prodotto 9,8 grammi di ossigeno.

Gli equipaggi su Marte possono produrre ossigeno da soli

“Testando questa tecnologia in condizioni reali, siamo un passo avanti verso un futuro in cui gli astronauti vivranno fuori dalla Terra, sul Pianeta Rosso”, afferma Trudy Curtis, dipendente della NASA. Perché questo è il retroscena del discorso tecnologico: se un giorno le persone andassero su Marte, farebbero meglio a portare con sé meno ossigeno possibile. Dopotutto, ogni chilogrammo di trasporto costa molto denaro e richiede spazio, il che è costoso. Tutto ciò che può essere prodotto localmente deve essere prodotto lì.

La produzione domestica di ossigeno sarebbe pratica per i viaggi spaziali per due ragioni: dopo tutto, un futuro equipaggio marziano non ha solo bisogno di ossigeno per respirare, ma anche come carburante per missili. La quantità di ossigeno prodotta da Moxie è lungi dall’essere sufficiente per un equipaggio umano su Marte. Secondo la NASA, solo per il decollo da Marte sono necessarie dalle 25 alle 30 tonnellate di ossigeno. Inoltre, c’è l’ossigeno necessario per la respirazione.

La NASA è felice di sperimentare l’ossigeno su Marte

Non importa quanto tu sia felice alla NASA, è chiaro che il prossimo passo non sarà costruire un “Moxie 2.0” più grande: sarà un sistema che conterrà un generatore di ossigeno come il “Moxie” e consentirà anche di fornire ossigeno ad esso. Si dice che si liquefa e si immagazzina.

Bollettino satellitare

Iscriviti alla newsletter dello spazio libero e rimani aggiornato.

Lo scienziato dietro lo strumento, Michael Hecht (MIT), ora vuole vedere che anche altre tecnologie abbiano la loro possibilità su Marte. “Dobbiamo prendere decisioni su quali cose convalidare su Marte”, spiega in una dichiarazione della NASA. “Penso che ci siano molte tecniche in questo elenco; Sono così felice che ‘Moxie’ sia stato il primo.” (Tab)

READ  Malattia coronarica: cosa puoi fare?