Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La milizia terroristica ISIS rivendica gli attentati a Kabul

Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna vogliono continuare i voli di evacuazione

Nonostante il devastante attacco terroristico, le forze statunitensi continuano la missione di evacuazione a Kabul. “Continuiamo a lavorare”, ha detto il generale americano McKenzie. Anche la Gran Bretagna vuole continuare a districare cittadini britannici e afgani dal Paese di crisi. “Continueremo con questo compito. Ci stiamo comunque avvicinando alla fine assoluta”, ha detto giovedì il primo ministro Boris Johnson dopo una riunione del gabinetto di crisi. “Continueremo fino all’ultimo”, ha dichiarato il premier.

Commentando gli attacchi all’aeroporto della capitale afghana, Johnson ha dichiarato: “Eravamo preparati”. Gli attacchi hanno mostrato “l’importanza di continuare questo lavoro nel modo più rapido ed efficiente possibile nelle restanti ore”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite chiede poteri di veto alla riunione di crisi

Alla luce del caos e della tesa situazione della sicurezza in Afghanistan, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha convocato i poteri di veto a una riunione di crisi. Secondo gli ambienti diplomatici, lunedì a New York gli ambasciatori di Stati Uniti, Cina, Russia, Gran Bretagna e Francia incontreranno il Segretario generale delle Nazioni Unite per discutere della situazione.

Inizialmente non si conoscevano ulteriori dettagli sugli obiettivi dell’incontro programmato. Un portavoce delle Nazioni Unite inizialmente non ha voluto confermare ufficialmente l’informazione.

Merkel: “Continueremo a cercare di farti lasciare il Paese”

“I terroristi hanno preso di mira le persone che stavano aspettando ai cancelli dell’aeroporto”, ha detto il cancelliere Angela Merkel (CDU) a Berlino dopo gli eventi di Kabul. Si tratta di “un attacco spregevole in una situazione di altissimo stress”, che migliaia di persone desiderose di “sicurezza e libertà” sperano in uno degli ultimi voli di evacuazione.

READ  La Cina risponde bruscamente al commento di Joe Biden sulle armi nucleari

Il cancelliere ha affermato che gli attacchi hanno dimostrato il “tremendo pericolo” e la “pressione estremamente estrema con cui le persone vengono cacciate dal Paese” con cui opera il ponte aereo all’aeroporto di Kabul. Il governo federale non dimenticherà “coloro che non possono essere portati in salvo”. “Continueremo a cercare di farla partire”, ha sottolineato la Merkel, riferendosi ai colloqui in corso tra i diplomatici del ministero degli Esteri e il movimento radicale talebano islamista.

Anche il ministro della Difesa federale Annegret Kramp-Karrenbauer (CDU) è rimasto sgomento per gli eventi in Afghanistan. Ha espresso le sue condoglianze alle forze armate statunitensi. “I miei pensieri e le mie preghiere sono con i nostri alleati americani”, ha scritto giovedì sera il politico della CDU in inglese su Twitter.