Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La medicina del diabete aiuta contro le forme speciali di malattia – The Healing Practice

Ora è possibile curare una certa forma di insufficienza cardiaca

L’insufficienza cardiaca cronica (insufficienza cardiaca), che colpisce circa quattro milioni di persone nella sola Germania, è stata trattata solo in misura limitata. Ma i ricercatori ora riferiscono che una certa forma della malattia può essere trattata in modo specifico per la prima volta, con un farmaco per il diabete.

A volte il cuore pompa nonostante uno di loro Insufficienza cardiaca Ancora forte, ma non più pieno di sangue, scrive sul portale il Medical Center for Quality in Medicine (ÄZQ)”Patienten-Information.deQuesto è noto come insufficienza cardiaca con funzione di pompaggio preservata, o HfpEF. Di conseguenza, troppo poco sangue entra nel corpo e si verificano sintomi come mancanza di respiro e ritenzione idrica. Colpisce circa la metà delle persone con insufficienza cardiaca. Questo tipo di malattia ora può essere trattato in modo specifico.

Finora, non esiste un’opzione di trattamento sicura

Secondo il post Messaggio Da Charité – Universitätsmedizin Berlin, non esisteva un’opzione di trattamento basata sull’evidenza per l’insufficienza cardiaca con frazione di pompa conservata, la forma più comune di insufficienza cardiaca negli anziani.

Studio clinico su larga scala condotto dal Prof. Dr. Stefan Anker della Charité – Universitätsmedizin Berlin ha identificato per la prima volta un farmaco che ha un chiaro effetto positivo sulla prognosi del paziente: il principio attivo empagliflozin.

Questo farmaco riduce del 21% la possibilità di ospedalizzazione o morte per malattie cardiovascolari.

I risultati dell’indagine sono stati pubblicati sulla rivista specializzata.New England Journal of MedicinePetto.

diminuzione della qualità della vita

Quando il cuore diventa incapace di pompare abbastanza sangue in tutto il corpo, si parla di insufficienza cardiaca.

READ  Intervista a Klaus Stürer: "Il peso della malattia è completamente separato dall'infortunio"

Gli organi come i muscoli, i reni o il cervello non sono più riforniti in modo ottimale di ossigeno e sostanze nutritive, il che spesso si manifesta inizialmente come affaticamento temporaneo durante lo sforzo fisico e mancanza di respiro.

Con il progredire della malattia, i malati sviluppano mancanza di respiro con pochi movimenti o anche a riposo. Anche la ritenzione idrica intorno alle caviglie è un segno di un cuore debole.

I sintomi non limitano solo la qualità della vita dei malati: se la malattia non viene curata, la probabilità di morte nei prossimi cinque anni aumenta fino al 50 percento.

Dei quattro milioni stimati di pazienti con insufficienza cardiaca in Germania, più di 40.000 muoiono ogni anno.

Effetto statisticamente significativo

I medici distinguono due forme di insufficienza cardiaca: insufficienza cardiaca con frazione di eiezione bassa e conservata (insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, HFrEF, o insufficienza cardiaca con frazione di eiezione bassa conservata, HfpEF).

Sebbene l’HFrEF sia stato trattato con farmaci per molti anni, non esiste ancora un’opzione di trattamento specifica per la forma più comune di insufficienza cardiaca negli anziani, l’insufficienza cardiaca con conservazione della frazione di riperfusione.

Spiega il Professor Dr. Stefan Anker, responsabile dello studio pubblicato di recente dalla clinica medica incentrata sulla cardiologia presso il Charité Campus Virceau-Clinicum.

“Sebbene ci siano stati diversi ampi studi clinici negli ultimi anni che hanno esaminato diversi approcci terapeutici all’HFpEF, nessuno dei principi attivi ha mostrato un miglioramento chiaro e statisticamente significativo della prognosi. Come dimostra il nostro lavoro ora, questo differisce con empagliflozin: per la prima volta, Il suo effetto è chiaramente statisticamente significativo e, soprattutto, clinicamente rilevante”.

READ  I coloni possono costruire stazioni dal sangue e dall'urina

Medicina per il diabete

Empagliflozin è un medicinale che è stato utilizzato per il trattamento del diabete per diversi anni. Il suo effetto sull’insufficienza cardiaca è stato ora dimostrato nello studio clinico internazionale di Fase III EMPEROR-Preserved.

Questo studio ha esaminato quasi 6.000 pazienti con HFpEF da lieve a moderato (indipendentemente dal loro stato di diabete) se il farmaco riduceva il rischio dei pazienti di essere ricoverati in ospedale per la loro malattia o di morire per malattie cardiovascolari.

I partecipanti allo studio di età compresa tra 22 e 100 anni (media: 72 anni) provenivano da 23 paesi diversi. Circa la metà di loro ha assunto una compressa contenente il principio attivo ogni giorno per una media di poco più di due anni, mentre l’altra metà ha assunto una compressa senza il principio attivo (un placebo).

Alla fine dello studio, un totale del 17,1% dei pazienti nel gruppo placebo è stato ricoverato in ospedale o è deceduto. Nel gruppo empagliflozin era del 13,8 per cento.

Il farmaco ha ridotto del 21% il rischio combinato di ospedalizzazione e morte per i pazienti con HFpEF. Inoltre, i soggetti del test hanno riportato meno sintomi.

Migliorare la diagnosi e il benessere

I seguenti effetti indesiderati si sono verificati leggermente più spesso sotto empagliflozin rispetto al gruppo placebo: pressione sanguigna più bassa nel 10,4 invece dell’8,6 percento dei partecipanti allo studio, infezioni del tratto urinario nel 9,9 percento anziché nell’8,1 percento e infezioni nell’area genitale al 2, 2 invece dello 0,7 per cento.

“Questi effetti collaterali sono lievi e possono essere trattati bene dal punto di vista medico”, spiega il professor Anker.

READ  Nuovo coronavirus scoperto nei pipistrelli britannici: virus dello stesso sesso come SARS-CoV-2 (ancora) innocuo per l'uomo

Lo scienziato riassume: “Secondo me, questa scoperta rappresenta un importante passo avanti in cardiologia. Per la prima volta, possiamo offrire alle persone con insufficienza cardiaca mantenendo una frazione della pompa un farmaco che migliora la loro prognosi e il benessere come bene – e questo con un buon profilo di sicurezza molto”.

Come descritto nella comunicazione, empagliflozin è attualmente approvato in Europa per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 e dell’insufficienza cardiaca con ridotta funzione della pompa (con o senza diabete mellito).

Le persone con diabete che sviluppano HFpEF possono già ricevere il farmaco come parte della sua approvazione. Secondo le informazioni, il produttore prevede anche di richiedere un’estensione della licenza per la terapia HFpEF. (anno Domini)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti medici.

Risorse:

  • Charité – Universitätsmedizin Berlin: un certo tipo di insufficienza cardiaca può essere trattato in modo specifico per la prima volta, (Accesso: 28/08/2021), Charité – Università di Medicina di Berlino
  • Anker SD et al: empagliflozin nell’insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata; In: New England Journal of Medicine (veröffentlicht: 27.08.2021), New England Journal of Medicine
  • Quality in Medicine Medical Center: Insufficienza cardiaca – cosa fare se la funzione della pompa è preservata? (Accesso: 28/08/2021), Patienten-Information.de

nota importante:
Questo articolo è solo a scopo di orientamento generale e non è destinato all’uso per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.