Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La Gran Bretagna proroga unilateralmente il termine per decretare l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea

In effetti, il commercio tra l’Irlanda del Nord e il resto del Regno Unito dovrebbe essere controllato dalla fine del mese. Ora il Regno Unito sta ritardando di nuovo la scadenza. L’Unione europea reagisce al raffreddore.

Il governo britannico vuole unilateralmente ritardare di nuovo l’applicazione delle regole della Brexit al commercio tra l’Irlanda del Nord e il resto del paese. Lo ha annunciato lunedì sera il segretario alla Brexit David Frost in una dichiarazione alla Camera dei Lord. I periodi di grazia, che scadono effettivamente alla fine del mese, saranno estesi, ha scritto Frost. Questo dovrebbe lasciare spazio a discussioni tecniche in corso con io verrà creato. L’obiettivo è stabilire un “processo costruttivo” per affrontare i problemi individuati nel protocollo dell’Irlanda del Nord.

L’Unione europea ha reagito con freddezza. Si tratta di un accordo internazionale al quale tutte le parti sono legalmente vincolate, secondo una dichiarazione della Commissione dell’Unione Europea. Tuttavia, per ora non vogliono intraprendere ulteriori azioni legali. Ha aggiunto che anche le misure di infrazione in corso non dovrebbero continuare per il momento. L’obiettivo è trovare soluzioni pratiche per attuare il protocollo. uno di Londra La Commissione Ue ha nuovamente escluso la necessità di rinegoziare l’accordo.

L’UE accusa la Gran Bretagna di imporre il blocco

Il cosiddetto protocollo dell’Irlanda del Nord fa parte dell’accordo Brexit e mira a garantire che non vi siano controlli alle frontiere tra l’Irlanda del Nord, che appartiene al Regno Unito, e l’Irlanda, che è membro dell’Unione europea. Un confine aperto tra le due parti dell’isola irlandese è un prerequisito per mantenere la fragile pace nell’ex zona di guerra civile.

READ  Corona: L'Italia vuole riaprire le porte ai turisti da metà maggio - in queste circostanze

Invece, ora devono essere effettuati controlli quando le merci vengono portate dall’Inghilterra, dalla Scozia o dal Galles nell’Irlanda del Nord. Ciò crea difficoltà di cui ciascuna parte è responsabile. A Londra si diceva che il protocollo non poteva essere attuato, ma l’Unione Europea ha accusato la Gran Bretagna di ostruzionismo.

Il protocollo è particolarmente problematico per quanto riguarda gli alimenti di origine animale. Ecco perché la stampa britannica ha soprannominato la controversia “guerra della salsiccia”. Carne e salumi Gran Bretagna In realtà quello che avrebbe dovuto essere portato in Irlanda del Nord da luglio. Ma entrambe le parti hanno concordato all’epoca di prolungare il periodo di grazia fino alla fine di settembre – Londra ora vuole estenderlo di nuovo.