Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La Francia amplia i collegamenti elettrici con l’Irlanda e l’Italia – EURACTIV.com

Funzionari irlandesi e francesi hanno confermato che il Celtic Interconnector sarà completato entro il 2027, nonostante i costi del progetto aumentino in modo significativo.

Il gestore di rete francese ha inoltre confermato la messa in esercizio parziale dell’elettrodotto Savoia-Piemonte che collega Francia e Italia.

Gli operatori del progetto Celtic Interconnector, un collegamento elettrico tra Francia e Irlanda, il 30 settembre hanno dichiarato alle autorità di regolamentazione dell’energia che il costo del progetto ammonterebbe a oltre 1,6 miliardi di euro, in aumento del 75% rispetto alla stima originale di 930 milioni di euro rispetto al 2019.

Dopo la rivalutazione del progetto Fiducioso Il regolatore francese dell’energia CRE e la sua controllata irlandese CRU hanno dichiarato giovedì (10 novembre) che il progetto, che dovrebbe essere completato nel 2027, andrà avanti.

“Il progetto […] Nonostante il notevole aumento dei costi, è di grande interesse economico e ambientale”, afferma CRE.

Riconosciuto come Programma di Interesse Comune (PCI) dall’Unione Europea, il progetto collegherà La Martyre in Bretagna a Nagraha in Irlanda attraverso un cavo di 575 km con una capacità installata di 700 megawatt (MW).

Una nuova ripartizione dei costi

In origine, l’operatore di rete irlandese EirGrid era responsabile del 65% dei costi, mentre l’operatore di rete francese RTE copriva il restante 35%. Tuttavia, l’aumento dei costi ha cambiato la situazione.

In primo luogo, le autorità di regolamentazione hanno dovuto rivalutare i costi del progetto originale alla luce dell’inflazione stimata fino all’inizio previsto nel 2027, con un aumento da 930 milioni di euro a 1,178 miliardi di euro. Fino a tale importo, l’allocazione dei costi rimane invariata.

READ  Mark Hotticker ha ucciso Italia e Svizzera vicino al Mondiale del 1994

I restanti 445 milioni di euro saranno divisi equamente secondo la nuova stima dei costi di oltre 1,6 miliardi di euro.

L’Unione Europea ha accettato di concedere 530 milioni di euro per il progetto.

Ha un “interesse strategico significativo” nel progetto in quanto stabilisce un collegamento diretto tra le reti francese e irlandese nel contesto della Brexit e della coesione tra gli Stati membri dell’UE.

Francia e Italia

Oltre al progetto irlandese, lunedì (7 novembre) è diventata operativa la sezione della rete elettrica Savoia-Piemonte (50%) tra Francia e Italia.

Questo è il primo passo verso la piena messa in servizio (Secondo operatore RTE) è il collegamento in corrente continua più lungo del mondo con una capacità di 1.200 MW entro il 2023.

Sebbene il progetto sia stato ritardato e sia costato più di 1 miliardo di euro, Il presidente di CRE, Emmanuel Wargan, ne è stato felice“Il sostegno reciproco tra Francia e Italia diventa ogni giorno più forte”.

In definitiva, il progetto aumenterà la capacità di trasmissione dell’energia elettrica tra Italia e Francia a 4.450 MW, il 40% in più rispetto all’attuale capacità installata.

La Francia dispone attualmente di 50 linee elettriche transfrontaliere.

Linee di allacciamento gas

La Francia va avanti con l’espansione delle reti di gasdotti, vista la crisi di approvvigionamento innescata dalla guerra in Ucraina.

Il 20 ottobre, Francia e Spagna hanno deciso di abbandonare il gasdotto MidCat originariamente previsto e sostituirlo con il progetto di gasdotto “BarMar” tra Barcellona e Marsiglia.

Un obiettivo più alto è avere un cosiddetto La spina dorsale europea dell’idrogenoUn concetto per mettere in rete l’infrastruttura europea dell’idrogeno. Collegherà 21 paesi su una lunghezza di 39.700 km.

READ  Orso bruno frenetico in Italia: un villaggio vive da mesi nella paura

Un progetto del genere, che si tratti di gas o idrogeno, è di grande interesse per la Germania, la cui strategia energetica si basa sullo spostamento della produzione e sulla diversificazione dei produttori, ampliando così i collegamenti transfrontalieri.

Inoltre, dal 13 ottobre, la Francia fornisce gas alla Germania tramite flusso inverso sul gasdotto Obergailbach/Medelsheim.

L’obiettivo è fornire alla Germania 100 gigawattora (GWh) di gas al giorno, pari alla potenza di quattro reattori nucleari, secondo l’amministratore delegato di GRTGaz Thierry Treuw, che ha annunciato il progetto in una presentazione il 14 settembre. Prospettiva invernale spiegato.

Leggi l’articolo originale in francese Qui.

[Bearbeitet von Nathalie Weatherald und Frédéric Simon]