Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La compagnia nazista a Engstlatt: la storia del deserto ora può essere ascoltata - Balingen e dintorni

La compagnia nazista a Engstlatt: la storia del deserto ora può essere ascoltata – Balingen e dintorni

Sacha Gersak pronuncia il testo nel microfono di fronte all’ex edificio del trasformatore a Engstlatter Ried – Karl Kleinbach ascolta attraverso le cuffie. I testi sono entrati a far parte di un collage audio che ricorda la storia dell’azienda nazista Desert Photo: Meyer Foto: Schwarzwalder Bote

Promemoria: Karl Kleinbach crea collage privati ​​con l’aiuto dell’attore Sasha Gershak presso Engslatt

Ballingin. Difficilmente si vede dal basso. Chi passa sotto il ponte della ferrovia per Ried a Engslatt può facilmente osservare l’ex stazione di trasformazione, ora quasi nascosta dietro alberi da frutto, sulla destra sopra il binario. Sasha Gershak e Karl Kleinbach sono lì questa settimana – in una missione speciale.



L’impianto di trasformazione è l’ultimo residuo strutturale dell’impianto “Desert” 3 a Engstalat. I nazisti iniziarono a costruirlo alla fine dell’estate del 1944: faceva parte della società con cui i nazionalsocialisti tentarono quasi disperatamente in diversi siti della regione dello Zollernalp nell’ultima fase della seconda guerra mondiale di estrarre petrolio dallo scisto locale. Migliaia di prigionieri dei campi di concentramento, lavoratori forzati e prigionieri di guerra hanno dovuto fare questo lavoro da schiavi e molti sono morti di conseguenza.

Geršak è molto concentrato. Parla in un microfono e Kleinbach è in piedi accanto a lui, guardando la registrazione attraverso le cuffie. Ciò che Gerschack parla in Trafohäuschen e altrove nell’Engstlatter Ried sono testi che sono entrati a far parte di un ensemble audio destinato a ricordare la terribile storia accaduta nel Ried – di cui non si vede quasi nulla.

Dove oggi prati verdi, alberi e campi prosperano, 75 anni fa c’erano quasi 20 ettari di estrazione e lavorazione dell’olio di scisto, tra cui la cava di ardesia e Millerfield, dove i lavoratori schiavi hanno dovuto faticare e condizioni disumane dopo la fine della seconda guerra mondiale , L’area è stata ripiantata, il ricordo delle atrocità è svanito e molti non hanno voluto nemmeno ricordarle. Le cose sono cambiate solo con l’impegno del Sahara Action Group, che ha riportato l’omonima compagnia e l’era del nazionalsocialismo nella regione.

READ  Nokia: l'azienda fa sperare in un business migliore: gli investitori si lanciano in azioni

Anche Karl Kleinbach è membro del gruppo di lavoro. Per anni, Engstlatter si è preoccupato del ricordo di ciò che è accaduto una volta alla sua porta. Kleinbach non vive lontano dalla ferrovia di Engstlatt, lungo la quale i prigionieri del campo di concentramento di Bisingen venivano portati a Reid. Il suo ex vicino: Sacha Gersak, noto come attore (diverse “scene del crimine”, film come “Fünf Jahre Leben” e “Gladbeck”, più recentemente la serie ARD “Die Toten von Marnow” – e Kleinbach ora la sua nuova forma di lavoro di memoria.




Kleinbach non doveva essere molto convincente: Gershak ha detto in un’intervista al nostro giornale che era “una questione d’onore” per lui sostenere il suo amico “Charlie” e il suo progetto. Il ricordo delle atrocità passate è importante e lui vorrebbe fare la sua parte.

L’idea di Kleinbach: A Ried, vuole mettere i codici QR in luoghi diversi, non necessariamente ovvi, in modo che i passeggini possano ascoltare i collage e imparare così la storia del “deserto”. Engstlatter sottolinea che l’intera faccenda non dovrebbe essere un percorso di apprendimento tradizionale: non si tratta solo di informazioni aride, si tratta di una nuova forma contemporanea di memoria. Oltre ai testi di Geršak, sono intessuti anche ricordi di lavoratori forzati e testimoni contemporanei.

Il progetto, che Kleinbach vuole fare della storia locale una nuova esperienza, inizierà tra poche settimane, quando completerà i collage di ciascuno dei siti. Dove, Luoghi: L’intera canna è fondamentalmente un’area di memoria. Gershak dice di averlo capito solo alla fine di questa settimana. Il giorno in cui era fuori a passeggio con suo figlio ei contadini avevano appena arato i campi. Trovò pezzi di metallo e chiodi tra blocchi di terra. I bulloni del binario che provengono dal collegamento ferroviario attraverso il quale lo stabilimento Engstlatter Ried “Desert” era collegato alla linea principale ancora oggi esistente.

READ  Basket: Schroeder completa la "Tokyo Rehabilitation Company"