Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Joe Biden Democratici difendono la maggioranza al Senato

Washington. Alle elezioni del Congresso degli Stati Uniti, i Democratici del presidente Joe Biden hanno difeso la loro maggioranza al Senato e hanno ottenuto un’importante vittoria politica. E sono riusciti ad assicurarsi un seggio difficile al Senato del Nevada, come riportato dall’Associated Press e dalle principali stazioni televisive statunitensi sabato sera (ora locale) in base al conteggio dei voti. Questo dà ai Democratici il numero necessario di senatori per controllare le camere del Congresso. Non è chiaro chi avrà voce in capitolo nella futura Camera dei rappresentanti.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

L’ondata di successo repubblicana non si è concretizzata

Prima delle elezioni si prevedeva un’ondata di successo per i repubblicani e un disastro per i democratici. Ma nessuno dei due è successo. I Democratici hanno fatto molto meglio del previsto.

Martedì scorso si sono svolte le elezioni del Congresso. Il voto, a metà del mandato quadriennale di Biden, ha visto tutti i 435 seggi della Camera e circa un terzo dei seggi del Senato. Inoltre, importanti province furono occupate in molti stati.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

“L’umore negli Stati Uniti è carico” – L’America prima del midterm

Gli Stati Uniti devono affrontare una decisione direzionale a medio termine l’8 novembre. L’esperto politico Julius van de Laar analizza la situazione attuale nel video.

Il conteggio dei voti in Nevada ha richiesto molto tempo a causa dell’intensa rivalità tra i due oppositori e per le peculiarità elettorali dello stato. Giorni dopo essersi mangiata le unghie, la senatrice democratica Catherine Cortez Masto ha sconfitto il contendente repubblicano Adam Laxalt.

READ  L'Ucraina si separa dal mercato elettrico russo per 72 ore

Il vicepresidente Kamala Harris fa la differenza

Ciò porta i Democratici a 50 dei 100 seggi al Senato – e hanno già la certezza di una maggioranza al Senato, sebbene la corsa per un seggio al Senato della Georgia sia ancora aperta. Lo sfondo è che il vicepresidente democratico Kamala Harris, che è anche il presidente del Senato, può votare in una situazione di stallo.

Ciò significa che anche se i repubblicani vinceranno in Georgia, l’equilibrio di potere al Senato sarà 50-50, come è stato negli ultimi due anni – e Harris mantiene i democratici con una maggioranza esigua.

Qual è il problema, America?

La newsletter settimanale degli Stati Uniti fornisce informazioni essenziali sugli sviluppi degli Stati Uniti nella politica, nella società e nella cultura – ogni martedì.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Joe Biden: “Sono molto felice”

Biden ha espresso la sua soddisfazione per il risultato. “Sono molto contento del risultato”, ha detto Biden domenica mattina (ora locale) nella capitale cambogiana Phnom Penh, dove sta partecipando al vertice dell’ASEAN. Il punteggio riflette la qualità dei candidati democratici.

Leader della maggioranza al Senato, Chuck Schumer Ha affermato che gli elettori si sono fortemente opposti alla “tendenza antidemocratica, autoritaria, perniciosa e divisiva” che sezioni del Partito Repubblicano sotto l’ex presidente Donald Trump volevano controllare. Le elezioni sono state una vittoria e una conferma per il Pd.

In Georgia, il 6 dicembre, ci sarà il ballottaggio per un seggio al Senato: tra il senatore democratico Raphael Warnock e il suo sfidante repubblicano, Herschel Walker, perché nessuno dei due ha ottenuto più del 50 per cento dei voti al primo tentativo. Se i Democratici vinceranno anche in Georgia, avranno 51 seggi al Senato e non dovranno più fare affidamento su Harris per far pendere la bilancia in un vicolo cieco.

27 ottobre 2022, USA, Mathidal: Joe Biden, Presidente degli Stati Uniti, parte dall'Air Force One al suo arrivo alla Hancock Air Force Field Base.  Foto: Manuel Balce Ceneta / AP / dpa +++ dpa picture radio +++

Sporchi trucchi dei Democratici americani

Prima delle elezioni di medio termine, i membri di Joe Biden hanno fatto ricorso a tattiche moralmente controverse: nelle primarie repubblicane, i Democratici hanno sostenuto finanziariamente alcuni dei candidati di estrema destra nell’ala di Trump, sperando che i radicali alla fine avrebbero deluso l’elettorato. Nel frattempo, è diventato chiaro che il calcolo stava dando i suoi frutti.

READ  Italia: 2 articoli, 2 milioni di premi - La polizia sta indagando su 40enni

Due democratici hanno causato problemi a Biden

Questo scenario sarebbe più comodo per Biden rispetto a prima. Perché la prima metà della sua presidenza ha mostrato quanto sia difficile governare con una maggioranza ristretta al Senato. Due dei suoi compagni di partito in particolare gli hanno reso la vita difficile lì: i senatori Joe Manchin e Kirsten Senema hanno bloccato vari progetti Biden.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Il Senato è di particolare importanza nella struttura del potere politico degli Stati Uniti. Importanti dettagli personali a livello federale, come ambasciatori, membri del gabinetto o giudici federali, devono essere confermati dal Senato. La nomina dei giudici è particolarmente importante.

Possibilità di pagare tramite più nomination Biden Molto sicuro ora. Quanto un presidente può ottenere politicamente nella seconda metà del suo mandato ora dipende principalmente dal fatto che i democratici perdano la maggioranza alla Camera – cosa attualmente considerata più probabile – o se possano anche mantenere la maggioranza alla Camera.

I repubblicani minacciano di destituire i ministri

Se in futuro i repubblicani avranno voce in capitolo alla Camera dei rappresentanti, possono bloccare la legislazione quando vogliono. I repubblicani hanno anche minacciato varie indagini contro i democratici o addirittura procedimenti di impeachment contro membri del gabinetto di Biden. Potrebbero rendere la vita difficile a Biden e al suo governo nei prossimi due anni.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Molti dei risultati delle votazioni vengono ancora conteggiati alla Camera dei rappresentanti. Per la maggioranza in Consiglio sono necessari 218 seggi. Secondo i voti finora contati, i Repubblicani hanno conquistato 211 seggi ei Democratici a 204 domenica sera (ora locale), e c’è anche la corsa molto più vicina del previsto prima delle elezioni. Riguardo a una possibile maggioranza democratica alla Camera dei rappresentanti, Biden ha detto: “Possiamo vincere questo. Resta da vedere se lo vinceremo. “Quindi non sta facendo previsioni.

READ  Vaccinazione contro il corona: ridotto il rischio di sviluppare miocardite

RND / dpa

Scarica qui gratuitamente la nuova app RND per Android e iOS