Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Iran: Raisi vince le elezioni presidenziali iraniane con il 62 percento

Paesi esteri Risultati parziali lì

Raisi vince le elezioni presidenziali iraniane con il 62 percento

Il conteggio dei voti in Iran non è ancora finito

Il conteggio dei voti in Iran non è ancora finito

Cosa: AP

L’affluenza è stata bassa. Tuttavia, sembra che sia stato sufficiente per il vincitore del primo scrutinio, la magistratura conservatrice Ibrahim Raisi. I suoi rivali si sono già congratulati, così come il presidente uscente Rouhani.

eSecondo risultati ufficiali parziali, Ebrahim Raisi ha vinto le elezioni presidenziali iraniane con oltre il 62 per cento dei voti. Il capo della Commissione elettorale nazionale a Teheran ha dichiarato sabato che Raisi rappresenta “più di 17,8 milioni” dei 28,6 milioni di schede scrutinate. Il secondo classificato Mohsen Rasay ha ricevuto solo 3,3 milioni di voti.

Il presidente uscente Hassan Rouhani ha affermato che il vincitore del voto è stato chiaro. “Mi congratulo con le persone per la loro scelta”, ha detto in un discorso televisivo sabato, in cui non ha nominato il vincitore.

Ancor prima che i risultati ufficiali fossero annunciati su Twitter e Instagram e nei commenti pubblicati dai media iraniani, gli oppositori della magistratura ultraconservatrice si erano congratulati con lui. Il candidato moderato ed ex capo della Banca centrale Abdel Nasser Hemmati ha ammesso sabato su Instagram di aver perso il voto contro il capo della magistratura conservatore Ibrahim Raisi. Rasai, un ex comandante delle Guardie rivoluzionarie, ha affermato che Raisi ha chiaramente vinto le elezioni.

I voti sono ancora in fase di conteggio

La figliastra del leader supremo, l’ayatollah Ali Khamenei, è considerata la favorita dopo il cosiddetto Consiglio dei Guardiani, che non ha nemmeno permesso ai suoi più promettenti avversari di votare. Più di 59,3 milioni di iraniani avevano diritto al voto. Il livello di affluenza alle urne rimane poco chiaro finché i voti vengono contati. Tuttavia, sembrava una bassa affluenza.

Leggi anche

Natanz

Dopo che tutti gli altri candidati promettenti furono squalificati, un’elezione importante fu considerata quasi certa. Il religioso sessantenne si considera un discendente del profeta Maometto, un religioso sciita che detiene il secondo grado più alto nell’Hodschatoleslam. Come politico, l’ultraconservatore si presenta come un combattente “implacabile” contro la povertà e la corruzione.

Il sistema politico nella Repubblica islamica dell’Iran prevede un governo civile il cui funzionamento è supervisionato da Khamenei come capo supremo del clero sciita. Ha l’ultima parola su tutte le questioni importanti e controlla la difesa e il programma nucleare.

READ  Corona in Germania: il fabbisogno di museruola per i vaccinati diminuirà entro pochi mesi? Span dà un suggerimento