Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Iran: Manifestazioni dopo la morte di una giovane donna in custodia di polizia

all’estero Teheran

Gli iraniani chiedono chiarimenti dopo la morte di Mahsa Amini e continuano a protestare

Gli iraniani chiedono chiarimenti dopo la morte di Mahsa Amini

Dopo la morte della 22enne Mahsa Amini durante la custodia della polizia, gli iraniani di tutto il paese sono scesi in piazza per chiedere chiarimenti. Molte persone si sono radunate anche nella capitale, Teheran, per denunciare la sua morte.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Migliaia di persone hanno manifestato a Teheran, tra gli altri luoghi, per esprimere la loro rabbia per la morte di Mahsa Amini. La donna di 22 anni è morta durante la custodia della polizia. Ora la leadership statale conservatrice ha bisogno di spiegazioni.

nDopo la morte di una donna di 22 anni in custodia di polizia, gli iraniani di tutto il paese sono scesi in piazza per chiedere un’indagine. Nella capitale, solo Teheran, migliaia di persone si sono radunate lunedì sera per denunciare la morte di Mahsa Amini. E l’agenzia di stampa iraniana (Fars) ha riferito che le forze di sicurezza hanno arrestato alcuni manifestanti.

Martedì scorso la polizia morale e religiosa aveva arrestato la giovane per “abito non islamico”. Cosa sia successo esattamente dopo non è chiaro, ma Amini è caduto in coma ed è morto in ospedale venerdì.

Molte persone sono scese in piazza anche in altre città della Repubblica islamica e nella provincia natale di Amini, il Kurdistan. Secondo i media, si sono verificati violenti scontri tra le forze di sicurezza ei manifestanti. In diversi luoghi, i manifestanti hanno cantato: “Non abbiamo paura, siamo tutti insieme”, uno slogan che è diventato particolarmente popolare durante le manifestazioni successive alle contestate elezioni presidenziali del 2009.

Leggi anche

Il destino di Amini ha suscitato grande simpatia e sgomento non solo in Iran, ma anche oltre i confini del Paese. Un portavoce del coordinatore della politica estera dell’Unione europea, Josep Borrell, ha chiesto che i responsabili della sua morte siano ritenuti responsabili e proteggano i diritti fondamentali di tutte le persone in Iran, compresi i diritti dei prigionieri. Human Rights Watch ha chiesto l’abolizione delle leggi morali e religiose come indossare correttamente il velo.

Molti iraniani mostrano il loro dolore online

Molti iraniani online hanno espresso il loro dolore per la perdita della giovane donna che è stata arrestata martedì mentre visitava la sua famiglia a Teheran e portata in una stazione di polizia. Secondo la polizia, è svenuta per insufficienza cardiaca e poi è caduta in coma. La sua morte è stata confermata venerdì.

Le immagini del defunto artista iraniano Mohassa Amini sono state mostrate nelle dimostrazioni

Le immagini del defunto artista iraniano Mohassa Amini sono state mostrate nelle dimostrazioni

Credito: AFP/Shwan Muhammed

Gli iraniani di tutto il Paese sono scesi in piazza dopo la morte di una donna di 22 anni in custodia di polizia

Gli iraniani di tutto il Paese sono scesi in piazza dopo la morte di una donna di 22 anni in custodia di polizia

Fonte: Agence France-Presse / –

E l'agenzia di stampa iraniana (Fars) ha riferito che le forze di sicurezza hanno arrestato alcuni manifestanti.

E l’agenzia di stampa iraniana (Fars) ha riferito che le forze di sicurezza hanno arrestato alcuni manifestanti.

Fonte: Agence France-Presse / –

Tuttavia, un’altra copia è stata diffusa anche online. Dopo l’arresto, la sua testa è stata sbattuta contro il finestrino di un’auto della polizia, provocando un’emorragia cerebrale. La polizia ha fortemente negato questo account. Dopo la sua morte, la clinica in cui è stata curata la 22enne ha scritto in un post su Instagram ora cancellato che Amini era già morta quando è stata ricoverata in ospedale martedì.

La polizia e il governo del presidente conservatore Ibrahim Raisi si sono trovati senza spiegazioni a causa della morte della donna e del risentimento in tutto il paese. Oltre alla rabbia per il caso Amini, la situazione economica è da molto tempo misera, con molte persone che avvertono la crisi nella loro vita quotidiana. Di recente sono svanite anche le prospettive di rilancio dell’accordo nucleare con l’Occidente, che molti iraniani sperano porti alla revoca delle sanzioni.

Leggi anche

Simbolo di genere femminile: JOLSON

Arrestato il musicista pop Julsen

L’Iran ha seguito un codice di abbigliamento rigoroso sin dalla rivoluzione islamica del 1979. Nelle grandi città e nei quartieri più ricchi in particolare, molte donne ora vedono le regole come abbastanza comode e, ad esempio, indossano il velo solo liberamente sulla parte posteriore della testa – provocando I politici intransigenti infastiditi. Il governo del presidente Raisi e gli estremisti religiosi in parlamento stanno cercando da mesi di applicare le leggi islamiche in modo più rigoroso. La vice polizia a volte fa rispettare il codice di abbigliamento con violenza.

READ  I latini e i neri sono più scettici: la campagna di vaccinazione americana non sta raggiungendo le minoranze