Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Auf Geldscheinen steht ein Stempel mit dem Schriftzug Mindeststeuer. (dpa-Zentralbild)

Imposta minima globale sulle società: i paesi non sono impotenti

L’imposta societaria minima globale sarebbe una sensazione enorme. E questo non è dovuto all’importo minimo globale dell’imposta del 15% ora negoziato, ma al fatto che 130 paesi si sono mai accordati sulla questione. Hanno anche convenuto che una società dovrebbe essere tassata laddove genera una parte significativa delle sue vendite, sia che ciò si applichi a vendite aziendali di oltre $ 20 miliardi e entrate superiori al dieci percento o altri limiti che sono inizialmente di importanza secondaria .

(Image Alliance / Associated Press / Stefan Russo)Oltre la tassa minima globale
Le aziende attive a livello globale devono adattarsi a tasse più severe. Dopo i paesi del G7, 130 paesi sotto l’egida dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico hanno concordato una tassa minima globale del 15% per le imprese. I paradisi fiscali devono essere prosciugati. Tuttavia, ci sono anche critiche.

Qui è importante creare terreno potenzialmente fertile. Poiché rappresenta un’aliquota fiscale minima per le società globali, non è affatto un massimo fisso. Se ci sono ancora stati che competono per interessi aziendali con aliquote fiscali inferiori al 15%, il 15% è solo un miglioramento. E qui non devi vagare in lontananza, poiché l’Irlanda è molto vicina.

Gli Stati Uniti volevano una tassa minima del 21 percento

Sarà quindi particolarmente importante che i governi vedano l’accordo non come la fine di un lungo dibattito, ma come un primo passo verso una maggiore giustizia fiscale globale. In breve, il 15 percento è il minimo indispensabile e non puoi fermarti qui. Altrimenti, ti dimostrerai un po’ al di sopra del pantano dei disgustosi paradisi fiscali. Per inciso, gli Stati Uniti hanno proposto una tassa minima del 21 percento e non potevano permetterselo. Questo impegno non era affatto disinteressato. D’altra parte, il governo di Washington può utilizzare tasse minime oltre i suoi limiti. Almeno in parte, possono quindi portare le squadre a casa al tasso minimo. D’altra parte, il governo Biden vuole aumentare leggermente le tasse sulle società dopo che Donald Trump ha effettuato un taglio senza precedenti.

READ  Le catene di approvvigionamento stanno attraversando una forte tempesta

C’è motivo di temere che le aziende si trasferiscano in altre aree con tasse più basse. Il fatto che Cipro non faccia parte dell’iniziativa fiscale globale e che Irlanda, Estonia e Ungheria non abbiano firmato l’accordo non getta una luce particolarmente positiva sull’Europa. Ma questo primo passo potrebbe ulteriormente aumentare la pressione su questi paesi in futuro.

La corsa neoliberista è devastante

Tuttavia, l’indicazione più significativa è che almeno 130 paesi sono riusciti a concordare un quadro per porre fine all’evasione fiscale delle imprese. In futuro, ad esempio, l’argomento mantra secondo cui le imprese possono migrare perché altrove ci sono oasi fiscali più basse non sarebbe altro che un miraggio. Perché questa razza neoliberista è distruttiva. Parte della divisione delle società osservata di recente è anche causata da un sentimento di impotenza di fronte ai mercati globalizzati e liberalizzati. La tassazione aziendale globale invia un segnale semplice: le forze di mercato e gli attori del mercato possono essere controllati anche a livello globale.

Mischa Earhardt (© Privato)Mischa Earhardt (© Privato)Mischa EarhardtNato nel 1974 in Baviera, ha studiato filosofia e sociologia a Tubinga e Francoforte. Dopo aver completato gli studi, ha completato la sua formazione presso la Protestant Press School di Berlino. Questo è stato seguito dalla moderazione e dalla pianificazione per la scienza e i media radiotelevisivi presso Hessischer Rundfunk, dove ha lavorato per molti anni come giornalista economico. Dopo sei anni presso lo studio radiofonico ARD Stock Exchange, ha finalmente lavorato come corrispondente commerciale per Deutschlandfunk a Francoforte.