Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Impianti GNL statunitensi: la presunta energia pulita

Stato: 15/06/2022 03:15

Con l’aiuto del GNL, l’Europa vuole diventare indipendente dalle importazioni di gas russe. La domanda di gas naturale liquefatto è in aumento e gli Stati Uniti vogliono raggiungerla. Ma presumibilmente l’energia pulita mette pressione sulle persone e sull’ambiente.

Scritto da Reinhard Baumgarten, ARD Studio Washington

Quando John Allaire esce dalla sua casa, vede fiamme gialle e arancioni che si alzano nel cielo. I fuochi ardenti emettono fumo nero tutto il giorno. A volte è davvero brutto, si lamenta.

Allaire vive vicino a Venture Global LNG, un impianto di gas naturale liquefatto nel sud della Louisiana. Il seguente allegato è già in fase di progettazione. Venture Global prevede di investire oltre 13 miliardi di dollari. Allaire crede che sarà un monumento alla pianificazione a breve termine e al denaro a breve termine. “Facciamolo, fallo, fallo. Poi passiamo alla prossima cosa.”

Dieci impianti GNL sulla costa della Louisiana

Nei prossimi anni è prevista la costruzione di altri nove impianti di gas liquido sulla costa del Golfo della Louisiana. Gli affari vanno a gonfie vele come mai prima d’ora. La guerra in Ucraina e il disimpegno dell’Europa dal petrolio e dal gas russo hanno aumentato la domanda di GNL. E gli Stati Uniti vogliono raggiungere questo obiettivo, come afferma il presidente degli Stati Uniti Joe Biden: “Dobbiamo assicurarci che le famiglie in Europa sopravvivano all’inverno”.

L’aria puzza, respirare è difficile

Roishita Ozan trova affascinante l’approccio caritatevole del presidente. “Dobbiamo assicurarci di non dimenticare la nostra gente che sta facendo scarsi sforzi per salvare gli altri”, dice.

READ  Guerra in Ucraina: miliardario russo denuncia 'massacro' - Politica all'estero

Ozan vive vicino all’impianto di Cameron GNL. Nel 2019 è stato condotto alla presenza dell’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Con persone che la pensano allo stesso modo, Ozan vuole impedire la costruzione di un’altra fabbrica nella sua zona. Gli impatti ambientali sono enormi. L’aria spesso odora di zolfo e alcuni giorni è difficile respirare.

Dieci milioni di tonnellate di gas serra all’anno

John Wainwright, responsabile ambientale di Cameron LNG, afferma che l’impianto ha una serie di meccanismi in atto per controllare le emissioni. Osserva che la sua azienda ha ridotto le emissioni di anidride carbonica del dieci percento entro un anno.

Ma la residente locale Lydia Lars si rifiuta di placarla. L’industria funziona alla grande con il gas, “mentre lottiamo con lo sporco e il clima”, afferma. I quattro terminali GNL sulla costa del Golfo degli Stati Uniti emettono ogni anno dieci milioni di tonnellate di gas serra nell’atmosfera, tanto quanto la nazione caraibica del Costa Rica.

Biden: 50 miliardi di metri cubi di GNL per l’Europa

Biden prevede che l’Europa importi fino a 50 miliardi di metri cubi di GNL all’anno dagli Stati Uniti. “Stiamo creando l’infrastruttura per un futuro energetico diversificato, resiliente e pulito”, afferma.

Gli attivisti lamentano che alcuni degli ambiziosi obiettivi ambientali e climatici dell’amministrazione Biden rischiano di cadere nel dimenticatoio. Le loro argomentazioni a favore di una maggiore protezione ambientale ed energia sostenibile sono in parte accettate da politici e investitori. Molti posti di lavoro vengono creati dagli impianti di GNL e molti soldi affluiscono nelle casse comunali.

Allaire si oppone alla costruzione di nuovi impianti GNL in Louisiana. “Sulla costa del New Jersey o sulla costa della California, sulla costa orientale o occidentale o sulla costa della Florida, non lo farebbero mai”, dice. Ma non vuole arrendersi. Anche se i panorami a picco sul mare non sono del tutto rosei. “Invece che a valle con tutta l’acqua e la palude, ci sarà cemento”.