Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il supervulcano è di nuovo attivo: i terremoti si spostano verso le grandi città, avvertono gli scienziati

Il supervulcano è di nuovo attivo: i terremoti si spostano verso le grandi città, avvertono gli scienziati

  1. Pagina iniziale
  2. Panorama

Premere

Un supervulcano nel sud Italia ha nuovamente innescato un devastante terremoto dopo una lunga interruzione. La novità è che le scosse si spostano verso Napoli.

NAPOLI/POZZUOLI – Da un anno fa notizia il supervulcano dei Campi del Flagraion, nel Sud Italia: una serie infinita di terremoti è sempre più forte, seminando paura nella città portuale di Bosuvoli e a ovest di Napoli. Circa 500.000 persone vivono nella zona rossa, dove c’è il rischio di un’eruzione o di un terremoto in qualsiasi momento.

I terremoti causano ripetuti danni anche ai campi flegrei, come qui a fine maggio. ©IMAGO/IPA/ABACA

I terremoti sono causati dal sollevamento della zona, iniziato negli ultimi 50 anni e che oggi supera i quattro metri. Dal gennaio 2011 solo il suolo è salito di 1,25 metri. L’aumento, che l’anno scorso era in media di un centimetro al mese, quest’anno è raddoppiato arrivando a due centimetri. Gli scienziati discutono se il magma sia la causa di questo grande cratere sulla Terra o se l’acqua e i gas riscaldati dal magma profondo creino un’incredibile pressione nel terreno.

Una nuova ondata di terremoti scuote mezzo milione di persone

Lo scorso autunno, la Terra ha tremato più forte che mai dall’ultima crisi degli anni ’80, e un mese fa il sito ha subito la più forte serie di terremoti mai registrata. Il terremoto più forte registrato è stato di magnitudo 4,4 della scala Richter. Il clima è stato piuttosto tranquillo per quasi quattro settimane, fino a quando mercoledì pomeriggio (2 luglio) è iniziata una nuova ondata di scosse di assestamento.

Il primo grande terremoto, di magnitudo 2,9 della scala Richter, si è verificato intorno alle 15:10. Sono seguiti tre terremoti di magnitudo simile, compresi tra 2,5 e 2,7 della scala Richter. Dopo nove scosse lievi, una serie di terremoti di magnitudo 3,2 hanno scosso la popolazione alle 2:18. Alle 7:14 si sono verificati otto terremoti minori.

READ  Italia: Sanzioni dure per i trasgressori - Panorama

I terremoti continuano a spostarsi verso il centro di Napoli

Non si segnalano danni, ma una cosa è da notare: le scosse sono state molto più ad est rispetto ad altre scosse verificatesi finora, avvenute nel cratere della Solfatara a est di Pozzuoli e nel mare a sud di Pozzuoli. Ciò porta l’attività nel raggio di due-quattro chilometri da Napoli, una città di quasi un milione di abitanti. Alcune scosse di assestamento si sono verificate a poche centinaia di metri dal quartiere Bagnoli La SSC Napoli progetta un nuovo stadio.

Flagration Fields ha vissuto il picco del terremoto il 20 maggio.
La maggior parte dei terremoti supervulcanici si verificano sotto il Solpatara Trough. © imagebroker/Imago

Un nuovo studio dell’Università Federico II di Napoli conferma che a ovest di Napoli si è sviluppata una nuova zona di pericolo. Gli scienziati hanno mappato i terremoti negli ultimi dieci anni utilizzando una nuova tecnica basata su dati sismici, parametri geofisici e integrazione di informazioni geologiche note nell’area di studio. IL Lo studio è stato pubblicato online Fornisce posizioni sismiche ad alta precisione che ci consentono di rivelare la situazione attuale e rilevare zone di faglia appena attivate della caldera interna.

Pertanto i terremoti si sono verificati ad una profondità massima di tre o quattro chilometri, con eventi di magnitudo più elevata generalmente associati a profondità maggiori. La distribuzione spaziale del terremoto si adatta bene alla geometria delle faglie precedentemente identificate nella crosta terrestre e attivate nel corso di decine di migliaia di anni di vulcanismo.

Un forte terremoto provoca nuove fratture nella crosta terrestre: sono possibili terremoti più violenti

Sorpresa: Durante il potente terremoto dello scorso anno, si sono aperte nuove fessure nell’area della città napoletana: “I risultati ottenuti in questo studio hanno aiutato a identificare per la prima volta una nuova faglia sul litorale di Bagnoli-La Pietra. “Il terremoto è stato innescato da un terremoto di magnitudo 4.2 il 27 settembre 2023 ed è stato fortemente avvertito dalla popolazione”, si legge nella nota.

READ  Vacanze in Italia: Eruzione vulcanica e incendio - I turisti scappano

La fessura è larga dai 400 ai 700 metri e corre da nord a sud. La faglia potrebbe innescare nuovi terremoti di magnitudo 5.1, che “aumenterebbero in modo significativo il rischio sismico nella regione”, avvertono i ricercatori. Un altro studio riportato un mese fa Nel sottosuolo è stata scoperta una nuova bolla di magma ha L’ultimo è stato I piani di emergenza per la regione sono stati criticati dispositivi. Gli esperti pensano che siano innocenti.