Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen avverte del default il 1 giugno

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen avverte del default il 1 giugno

al di fuori tetto del debito

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti avverte del default il 1 giugno

Il segretario al Tesoro americano Janet Yellen aumenta la pressione sulla Camera dei Rappresentanti

Il segretario al Tesoro americano Janet Yellen aumenta la pressione sulla Camera dei Rappresentanti

Fonte: AP/Manuel Balce Ceneta

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

Il governo degli Stati Uniti non è stato in grado di ottenere nuovi prestiti da gennaio perché il tetto del debito è stato raggiunto. Le attività del governo sono attualmente finanziate dalle riserve. Questi possono esaurirsi rapidamente, con conseguenze incalcolabili.

IONella lite sul tetto del debito USA, il segretario al Tesoro Janet Yellen sta aumentando la pressione e sta già avvertendo di un possibile default del governo il 1° giugno. Tuttavia, le riserve possono essere utilizzate anche dopo poche settimane ed è impossibile prevedere la data esatta. La stima si basa sui dati attualmente disponibili.

READ  Minaccia di vendetta: rapporti americani indicano nuovi attacchi Houthi nel Mar Rosso

Se il tetto del debito non viene alzato presto, potrebbe esserci un default senza precedenti da parte del governo degli Stati Uniti, che getterà il paese e il sistema finanziario internazionale in crisi.

Leggi anche

Il dollaro sta perdendo terreno e influenza da tempo

Sistema valutario multipolare?

Negli Stati Uniti, il Parlamento pone un tetto al debito a intervalli irregolari e limita la quantità di denaro che lo stato può prendere in prestito. Il tetto del debito è attualmente di circa 31,4 trilioni di dollari USA (circa 28,6 trilioni di euro). Raggiunto tale importo, il Tesoro Usa deve avvalersi delle riserve di capitale. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e i suoi compagni repubblicani devono alzare il tetto del debito. Tuttavia, si oppongono a un aumento senza risparmi significativi in ​​parte della spesa pubblica.

Un default della più grande economia del mondo potrebbe portare a una crisi finanziaria globale e a una grave recessione economica. Gli Stati Uniti non sarebbero quindi in grado di pagare una parte significativa delle proprie bollette: di conseguenza, milioni di persone potrebbero perdere il lavoro. Un default danneggerebbe anche la fiducia nell’affidabilità creditizia degli Stati Uniti, il che potrebbe portare a turbolenze economiche. E il segretario al Tesoro Yellen ha chiarito più e più volte che sarebbe stato un disastro.

Leggi anche

Diminuzione del prezzo della valuta principale

Janet Yellen aveva già avvertito a gennaio di un default all’inizio di giugno. L’indipendente Congressional Budget Office degli Stati Uniti ha recentemente stimato un default tra luglio e settembre senza alzare il tetto del debito. Il segretario al Tesoro ha avvertito che attendere fino all’ultimo minuto per sospendere o aumentare il limite del debito danneggerebbe la fiducia nell’economia statunitense.

READ  Ucraina- Notizie ++ Molto probabile aumento del numero di russi ++ in fuga

Democratici e repubblicani spesso giungono a un accordo su questo tema poco prima della fine. Nel 2011, la neoeletta maggioranza repubblicana al Congresso ha ritardato l’aumento del tetto del debito. Di conseguenza, il rating del credito degli Stati Uniti è stato declassato per l’unica volta nella storia.

I repubblicani vogliono convincere il presidente Biden ad accettare tagli agli investimenti per la protezione del clima e altre spese del governo. In cambio, il limite del debito degli Stati Uniti sarà aumentato di 1,5 trilioni di dollari. Lo stesso McCarthy subisce forti pressioni da parte di alcuni repubblicani conservatori, sui quali conta vista la risicata maggioranza alla Camera dei Rappresentanti. La proposta repubblicana che è passata lì ora va al Senato a guida democratica, dove non ha avuto alcuna possibilità di successo.

Biden convoca la riunione

Biden ha chiarito nuovamente lunedì che non vuole essere ricattato. Ha invitato McCarthy e altri leader di entrambe le parti al Congresso alla Casa Bianca il 9 maggio. Il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer ha affermato: “Non possiamo permetterci il lusso di aspettare fino al 1 giugno per riunirci per approvare la legislazione appropriata per evitare il default e conseguenze catastrofiche per la nostra economia e milioni per le famiglie americane escluse”.

Il tetto del debito è stato alzato decine di volte da quando è stato introdotto nel 1917, altrimenti avremmo finito i soldi. Il nuovo debito non finanzierà alcuna spesa aggiuntiva, ma servirà a far fronte a impegni già assunti. Il tetto del debito non deve essere confuso con il bilancio. Anche qui ci sono discussioni regolari al Congresso perché Democratici e Repubblicani non riescono a mettersi d’accordo su una nuova legge di bilancio, il che potrebbe portare alla sospensione e alla chiusura delle attività del governo.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“It’s All in Stocks” è l’istantanea giornaliera delle azioni della redazione aziendale di WELT. Ogni mattina dalle 7 del mattino con i nostri giornalisti finanziari. Per esperti di borsa e principianti. Iscriviti al podcast su SpotifyE Podcast AppleE Musica Amazon E Dezer. o direttamente tramite RSS Feed.