Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il ritorno dell’energia nucleare? La Francia fa pressione sulla Germania

Berlino, Bruxelles, Parigi Candidato consigliere sindacale eletto Armin Laschet in Il secondo dibattito televisivo sulle elezioni federali L’idea che chiaramente non fosse completamente a suo agio con se stesso. Laschet ha affermato che la Germania ha commesso un enorme errore nella lotta ai cambiamenti climatici, ed è stato un errore “uscire prima dall’energia nucleare e poi dal carbone” – solo per aggiungere rapidamente: “Questa è storia ora”.

Nessuna forza politica, come dimostrò questo spettacolo, oserebbe seriamente mettere in discussione l’uscita dal nucleare. Nonostante tutti gli incentivi da parte dei candidati a prendere le distanze, il nucleare resta un tabù politico.

In altri paesi dell’UE non c’è simpatia per il fervore con cui i tedeschi rifiutano il nucleare. La Francia, in particolare, ritiene che la Germania sia sulla strada sbagliata. Non è un caso che il commissario francese all’Industria dell’Unione europea, Thierry Breton, sia il portavoce del ritorno al nucleare a Bruxelles.

“Dobbiamo usare questa energia di transizione per facilitare lo sviluppo di un’industria dell’idrogeno pulita in Europa”Lui esige. Breton sostiene non solo l’uso di idrogeno “verde” ottenuto da energie rinnovabili come il vento e l’elettricità, ma anche l’uso di idrogeno “giallo”, in altre parole, l’idrogeno prodotto dall’energia nucleare.

I migliori lavori di oggi

Trova subito i migliori lavori e
Sei avvisato via e-mail.

Indipendentemente dall’esito delle elezioni tedesche, una cosa è chiara: il futuro governo federale deve affrontare un grave conflitto sul nucleare a Bruxelles. Anche se l’ultimo forno tedesco smetterà di funzionare l’anno prossimo, il tema caldo del nucleare rimarrà in politica.

Esperti: l’idrogeno verde da solo non basta

La Commissione sta discutendo da mesi se l’idrogeno giallo debba soddisfare gli standard dell’UE, o la cosiddetta classificazione. Non ci si può aspettare molto dal Parlamento Ue, che spesso dà impulso ai dibattiti europei. Ho escluso la questione “perché non c’è una chiara maggioranza politica”, spiega Hildegard Benteli, politica della Cdu. Il mix energetico resta un “affare nazionale”.

READ  Stazione spaziale internazionale ISS: gli astronauti continuano a tirare nonostante i problemi tecnici

Ma significa anche che la Commissione dovrà tenere conto del fatto che l’eliminazione graduale delle armi nucleari tedesche non ha quasi trovato imitatori nell’UE. Ci sono attualmente molte indicazioni che i funzionari di Bruxelles daranno il timbro climatico sulla fine del nucleare, anche se per ora rimangono in silenzio, in considerazione della campagna elettorale federale.

Berlino è sconvolta. Il ministro dell’Ambiente Svenja Schulz ha recentemente affermato in una lettera alla Commissione che l’energia nucleare è una “tecnologia ad alto rischio” e quindi non dovrebbe essere equiparata all’energia eolica e solare. È stata raggiunta dai suoi omologhi di Lussemburgo, Danimarca, Spagna e Austria. Quindi la Germania non è sola.

Ma le domande restano. Gli esperti tedeschi sottolineano inoltre che il percorso verso un’industria climaticamente neutra non può essere raggiunto solo con l’idrogeno verde. L’idrogeno verde è attualmente disponibile solo in dosi omeopatiche; Sarà raro e costoso per gli anni a venire. Secondo le stime di IG Metall, la sola industria siderurgica tedesca avrà probabilmente bisogno di ulteriori 12.000 turbine eoliche da 5 megawatt per coprire il proprio fabbisogno di elettricità per la produzione di idrogeno verde.

Pertanto, la strategia nazionale per l’idrogeno si basa su Stabilire partnership per produrre idrogeno verde con l’estero. Ma ci vorranno anni prima che da questo si sviluppino rapporti di fornitura affidabili.

Dal punto di vista francese, il dibattito tedesco è strano. Il paese vicino ottiene più del 70 percento della sua elettricità dall’energia nucleare, la compagnia elettrica statale EDF Gestisce 58 reattori in 18 siti. C’è molto in gioco per Parigi. Se l’energia nucleare viene dichiarata una forma di energia indesiderabile nelle regole dell’UE sugli investimenti verdi, ciò potrebbe avere un impatto significativo anche sul finanziamento degli impianti nucleari francesi.

READ  Grande cura, più errori: anche le scimmie hanno paura del fallimento

Macron chiede “le regole del fair game”

Così anche il presidente Emmanuel Macron ha inviato una lettera alla commissione, insieme ad altri sei capi di Stato e di governo europei. Sostiene “regole eque” per l’energia nucleare. Pochi giorni fa, il suo ministro delle Finanze Bruno Le Maire è stato più chiaro: “O combattiamo il cambiamento climatico con un approccio ideologico e falliamo, o combattiamo il cambiamento climatico con un approccio scientifico e ci riusciremo”.

La Germania non è pronta per questo dibattito. Persino esperti come Rainer Back, direttore della Climate Neutrality Foundation, sono scettici sul fatto che solo l’idrogeno verde sia la risposta. Buck è un membro del Partito dei Verdi ed è considerato un leader di pensiero per il suo partito sulla politica energetica e climatica.

La domanda chiave è se possiamo produrre le quantità davvero grandi di idrogeno di cui abbiamo bisogno per ridurre i gas serra del 65% entro il 2030 in modo ecologico”, ha detto Buck a Handelsblatt. “Se è così, va bene. Ma se l’alternativa è consentire temporaneamente l’idrogeno blu o mancare l’obiettivo climatico, avrei una chiara priorità”.

Stazione di rifornimento di idrogeno a Bottrop

Il ministero federale dell’Economia è convinto che l’uso dell’idrogeno giallo non possa essere vietato.

(Foto: clicca sull’immagine Città di Bottrop)

L’idrogeno blu è costituito da gas naturale e l’anidride carbonica rilasciata viene immagazzinata nel sottosuolo. Paesi come la Norvegia oi Paesi Bassi stanno portando avanti la tecnologia e stanno conducendo trattative concrete con clienti tedeschi del settore. Ma molti salvatori del clima rifiutano l’idrogeno blu, anche in un periodo di transizione.

Quindi pensate al giallo, dopotutto? Buck ne dubita: “Il Paese ha bisogno delle centrali nucleari situate in Francia per soddisfare il suo attuale fabbisogno di elettricità. Tutto ciò che viene aggiunto ora in termini di nuove applicazioni, ad esempio per la mobilità elettrica o l’elettrificazione dell’industria, richiede funzionalità aggiuntive. L’energia nucleare è semplicemente troppo costosa”.

La Francia vuole rendere l’idrogeno accessibile a tutti

I francesi la vedono diversamente. Il governo di Parigi, nella sua strategia per l’idrogeno, afferma che il Paese è ben posizionato per produrre gas in modo rispettoso del clima grazie al suo “mix elettrico a basso contenuto di CO2. Sebbene la Francia voglia ridurre la quota di energia nucleare nel suo mix energetico al 50% in futuro, la data obiettivo è stata posticipata dal 2025 al 2035.

Allo stesso tempo, la Francia si sta adoperando per una stretta cooperazione con la Repubblica federale di Germania al fine di rendere l’idrogeno più accessibile a tutti, soprattutto nelle industrie ad alta intensità energetica. Solo: il punto politico cruciale resta controverso tra Berlino e Parigi. La domanda se l’idrogeno giallo sia abbastanza verde.

Se prendi una posizione dura, la Germania avrà anche problemi molto pratici. Il Ministero Federale dell’Economia è convinto che l’uso dell’idrogeno giallo non possa essere semplicemente vietato. “Un divieto legale mirato di determinate importazioni dalla produzione legale nello Stato membro originario non sarebbe compatibile con le norme applicabili del mercato interno”, afferma una portavoce.

Tuttavia, saranno istituiti sistemi di certificazione attraverso i quali sarà possibile dimostrare l’origine dell’idrogeno. La Germania otterrà il proprio sigillo climatico se l’UE deve classificare l’energia nucleare come una tecnologia rispettosa dell’ambiente? Oppure Berlino spingerà la Commissione a mantenere la classificazione climatica in linea con le aspettative tedesche?

Nell’ambiente di Macron, ci sono già preoccupazioni che il prossimo governo federale possa intraprendere un corso più conflittuale nell’energia nucleare. Soprattutto quando i verdi sono ben rappresentati.

Di più: Commento degli ospiti: la politica climatica tedesca ha un disperato bisogno di un nuovo inizio