Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Carenza di vitamina D: come ricostituire le scorte in autunno

Il sole si vede raramente nei mesi autunnali e invernali, ma il corpo può assorbire la vitamina D anche quando il cielo è nuvoloso.

© Volker Hartmann / D

Gli esseri umani si nutrono di vitamina D principalmente attraverso la luce solare. Tuttavia, questo può diventare un problema nei mesi più bui.

Kassel – Molte persone si lamentano della mancanza di guida in autunno e in inverno. In molti casi, ciò è dovuto a una carenza di vitamina D. Se il corpo manca di vitamina, il sistema immunitario è indebolito. Spesso indebolisce l’effetto protettivo contro le malattie cardiache, il diabete, i reumatismi e, più recentemente, il Covid-19.

Ad esempio, la scienza ha discusso per qualche tempo del rischio di infezione da corona dovuta alla carenza di vitamina D. La vitamina D, in senso stretto non una vitamina ma un ormone, è considerata in medicina essenziale per l’organismo umano: “Il corpo produce circa l’85-90 percento da solo con l’aiuto dei raggi ultravioletti”, spiega il professor D. Helmut Schatz, Direttore Emerito della Clinica Medica Universitaria Bergmannsheil Ruhr-University Bochum e membro del Consiglio di Amministrazione della Società Tedesca di Endocrinologia. Questo è quanto afferma il portale della salute dei farmacisti tedeschi.

Vitamina D in autunno: la sola alimentazione non basta alla produzione

La vitamina D può essere assunta anche attraverso il cibo. Può essere trovato in alimenti come salmone o aringa, uova di gallina, funghi, crostacei e fegato di vitello o manzo. Tuttavia, non è possibile fornire abbastanza vitamina D attraverso la sola dieta. La cosa più importante è uscire, preferibilmente ogni giorno per circa mezz’ora con il viso e le mani scoperte”, spiega Shatz.

READ  Corona è una malattia completamente diversa? Nuovi risultati di ricerca sorprendenti

Certo, il sole si vede raramente nei mesi autunnali e invernali, ma il corpo può assorbire la vitamina D anche quando il cielo è nuvoloso. Gli adulti dovrebbero avere più di 50 nmol/L (20 mcg/L) di vitamina D nel sangue. Valori sierici inferiori a 30 nmol/L (12 μg/L) sono considerati una carenza.

Secondo il Robert Koch Institute, alcuni gruppi della popolazione sono a maggior rischio di sviluppare una carenza di vitamina D rispetto ad altri – questi includono:

  • Persone che raramente sono all’aperto
  • Anziani di età superiore ai 65 anni, poiché l’autoproduzione di vitamina D diminuisce con l’età
  • Bambini che non dovrebbero essere esposti alla luce solare diretta
  • Persone che per motivi religiosi escono solo con la pelle coperta
  • Persone dalla pelle scura, in quanto è meno permeabile ai raggi ultravioletti
  • Persone con malattie croniche dell’intestino, del fegato o dei reni

Nel video: La carenza di vitamina D non è solo un problema invernale

Carenza di vitamina D in autunno: gli esperti avvertono di una dose troppo alta

Secondo Schatz, gli adulti sani e che escono regolarmente non hanno bisogno di assumere integratori extra di vitamina D. Tuttavia, se hai la sensazione di essere carente, dovresti prima farlo controllare dal tuo medico di famiglia, secondo lo specialista. Tuttavia, un esame del sangue per la vitamina D di solito non è coperto dall’assicurazione sanitaria e in questo caso devi pagarti – lo stesso vale per gli integratori se non sono necessari dal punto di vista medico.

Dovresti anche fare molta attenzione quando assumi integratori di vitamina D, poiché troppi di essi possono causare danni significativi al corpo. “Da 850 a 1.000 unità internazionali (UI) al giorno non è un problema, ma sconsiglio vivamente di utilizzare preparazioni ad alte dosi con 5.000 o 10.000 UI”, avverte Schatz. In singoli casi, una dose molto elevata di vitamina D, assunta per un lungo periodo di tempo, può danneggiare i reni e persino aumentare l’incidenza di malattie cardiache.

READ  Turn BfR: L'assunzione di vitamina D può aiutare a combattere il Covid-19?

Se il corpo non viene rifornito di calcio sufficiente, c’è anche il rischio di provare disagio. Formicolio ai piedi o anche un battito cardiaco irregolare possono indicare una carenza. (Luisa Vimini)