Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il risultato in Nicaragua è chiaro: il presidente elimina gli avversari prima delle elezioni

Una chiara uscita in Nicaragua
Il presidente elimina gli avversari prima delle elezioni

Prima delle elezioni presidenziali e parlamentari in Nicaragua, gli oppositori del presidente Daniel Ortega sono stati esclusi dall’opposizione. Non ci sono dubbi sulla sua vittoria anche prima del voto. Il governo degli Stati Uniti descrive le elezioni come una “farsa”. Funziona per “mantenere il dittatore al potere”.

Le elezioni presidenziali e parlamentari in Nicaragua si sono svolte nel rispetto di rigide misure di sicurezza. L’attuale vittoria di Daniel Ortega nell’elezione del capo dello Stato è stata considerata certa dopo che il presidente, che ha governato per 14 anni, negli ultimi mesi ha imprigionato politici dell’opposizione, giornalisti e attivisti. Invece di avversari promettenti, cinque candidati in gran parte sconosciuti hanno gareggiato contro il 75enne Ortega.

L’affluenza alle urne sarà particolarmente interessante, quindi possiamo anticipare un effettivo supporto per Ortega. Non esiste un voto obbligatorio nel paese centroamericano di 6,5 milioni di persone. La debole opposizione aveva chiesto il boicottaggio delle elezioni, che sono state monitorate da 30mila membri delle forze di sicurezza. Gli osservatori internazionali, come la maggior parte dei media internazionali, non erano ammessi.

“Non è che sia brutto (…). È terribile: non puoi parlare, altrimenti ti mettono in prigione”, ha detto Jose, 78 anni, del Nicaragua. “Perché dovrei votare?”

Due terzi di loro avrebbero votato per i membri dell’opposizione

Circa due terzi degli intervistati aveva recentemente dichiarato all’istituto di sondaggi Cid-Gallup che avrebbero votato per uno dei candidati dell’opposizione incarcerati se avessero avuto il permesso di votare. La giornalista Christiana Chamorro è stata una delle concorrenti più promettenti dell’attuale capo di Stato. La figlia dell’ex presidente Violeta Barrios de Chamorro è agli arresti domiciliari dall’inizio di giugno ed è esclusa dalle elezioni.

Chamorro e altri sei candidati presidenziali dell’opposizione sono stati arrestati sulla base di una legge approvata dal parlamento a dicembre che facilita la squalifica dei candidati dell’opposizione dalle elezioni. I politici dell’opposizione sono stati accusati di riciclaggio di denaro sporco, alto tradimento o aggressione alla sovranità del Nicaragua. Il Congresso, come la magistratura e il ramo elettorale, è sotto il controllo degli alleati del presidente.

Ortega era già presidente negli anni ’80, avendo precedentemente contribuito al rovesciamento del dittatore Anastasio Somoza nel 1979 come leader della guerriglia dell’FSLN. Nel 1990 è stato preso un voto per rimuovere Ortega dall’incarico. Nel 2007 è stato nuovamente eletto alla carica più alta.

Sanzioni contro il governo Ortega

I critici accusano Ortega di aver sviluppato negli anni uno stile di governo sempre più autoritario e repressivo. Sono state abolite le norme costituzionali che limitavano i mandati presidenziali. Le proteste di massa contro Ortega nel 2018 sono state represse violentemente dalle forze di sicurezza, provocando oltre 300 morti.

L’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni a Ortega e al suo governo. In vista del voto di domenica, Stati Uniti e Unione Europea hanno aumentato la pressione su Ortega. Il Congresso degli Stati Uniti ha approvato mercoledì una legge che, tra l’altro, inasprisce le sanzioni contro il suo governo.

Il governo degli Stati Uniti ha definito l’elezione una “farsa” e il rappresentante per gli affari esteri dell’Unione europea, Josep Borrell, l’ha definita un “falso”. Si tratta di “mantenere al potere il dittatore Ortega”, ha detto Borrell. Ha annunciato che Bruxelles non avrebbe riconosciuto il risultato elettorale. Ortega, i cui principali alleati sono Venezuela, Cuba e Russia, accusa gli Stati Uniti e l’Unione Europea di “interferire” negli affari interni del suo Paese.

READ  Invasione dello spazio aereo: la Cina fa volare 39 aerei da combattimento su Taiwan - Politica d'oltremare