Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il responsabile dell’intelligenza artificiale di Microsoft considera i contenuti online “gratuiti”

Il responsabile dell’intelligenza artificiale di Microsoft considera i contenuti online “gratuiti”

Mustafa Suleiman è CEO di Microsoft AI Independent dal marzo 2024. Pochi giorni fa, il cofondatore di Google DeepMind ha fatto il suo debutto alla conferenza dell’Aspen Ideas Festival in Colorado. Lì ha avuto un enorme impatto sui media americani durante una lunga intervista.

annuncio

Interrogato dal conduttore della CNBC Ross Sorkin, Solomon non ha risparmiato tesi audaci sullo stato attuale dello sviluppo dell’intelligenza artificiale. In particolare fanno scalpore le sue dichiarazioni estreme sulla legalità della raccolta di tutti i contenuti disponibili al pubblico su Internet. “Per i contenuti che già esistevano sul web aperto, dagli anni ’90 esisteva un contratto sociale che applicava il ‘fair use’. Chiunque poteva copiarli, farne qualcosa di nuovo, riprodurli, se lo desiderava. Era software libero . Comprensione.”

Soliman ha offerto solo un avvertimento: “C’era una categoria separata in cui un sito web, un editore o un media affermavano espressamente che avrebbero cercato o raccolto da noi solo allo scopo di creare un indice in modo che altri potessero vedere quel contenuto. “È un’area grigia. Alla domanda su cosa si intenda per questa zona grigia affermata da Suleiman, ha risposto: “Finora alcune persone hanno preso queste dichiarazioni, e non so chi non l’avrebbe fatto, e questo è ora in fase di chiarimento in tribunale e in tribunale. Il coordinatore non ha chiesto a Sorkin come dovrebbe essere questo “contratto sociale” da lui proposto. Altre questioni come il diritto d’autore e i diritti personali non sono state affrontate nel contesto dell’affermazione che Internet è costituita da “software libero”. può essere trovato in un video di YouTube della NBC Dal minuto 14:30.

READ  Svela il mistero attorno al misterioso Muro dell'Illusione all'Haus Vulkan

Il concetto esatto dietro il termine “fair use” qui utilizzato non è stato discusso nell’intervista. Nella legge statunitense sul copyright, il “fair use” è l’autorizzazione a utilizzare contenuti di terze parti per scopi molto specifici, ad esempio scopi bibliografici o artistici. Metodo americano Il bordo indica questoIl fair use non viene concesso attraverso un contratto sociale, cioè non scritto, ma viene concesso in tribunale se gli utenti vogliono farvi affidamento. Chiunque voglia affermare il “fair use” deve determinare esattamente quando dovrebbe essere consentita la violazione del diritto d’autore punibile.

Dietro le affermazioni di Soliman c’è un’enorme fame di dati da parte del settore tra le grandi aziende di intelligenza artificiale, oltre a numerose controversie legali. Il New York Times, tra gli altri, ha fatto causa a OpenAI perché ChatGPT, con alcune affermazioni, riproduceva in modo quasi identico anche gli articoli del giornale che si trovava dietro il paywall. Altre società di media, come Reuters, stanno ora concedendo in licenza i loro contenuti per la formazione sull’intelligenza artificiale. Anche i contenuti disponibili gratuitamente sono stati ora curati al punto che OpenAI ha utilizzato il software di trascrizione Whisper per convertire migliaia di ore di video di YouTube in testo al fine di ottenere più dati di formazione.


(Mai)