Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il progresso dei talebani: l’impotenza della politica tedesca verso l’Afghanistan

nChiunque studi a lungo l’Afghanistan potrebbe rimanere sorpreso dagli sviluppi. Un’analisi dell’intelligence statunitense sa da mesi che il governo afghano potrebbe essere spodestato dai talebani entro sei mesi dal ritiro delle forze internazionali.

Solo la velocità con cui gli islamisti radicali stanno avanzando a Kabul è ora più veloce del previsto. Nel frattempo, i servizi statunitensi non possono più escludere il sequestro del capitale entro 30 giorni e il sequestro quattro settimane dopo.

Leggi anche

Ma la politica tedesca non è pronta. Il governo federale apparentemente credeva che la questione sarebbe stata risolta con il ritorno degli ultimi soldati dell’esercito tedesco. Nulla si è saputo dal ministro per l’assistenza allo sviluppo Gerd Muller (CSU). Il ministro degli Esteri Heiko Maas (SPD) – Il suo dipartimento è responsabile Partecipazione tedesca in Afghanistan In attesa – finora limitato alla minaccia di bloccare l’assistenza finanziaria annuale di 430 milioni di euro.

“Non daremo un centesimo in più all’Afghanistan quando i talebani avranno preso completamente il controllo di questo paese, applicheranno la legge della sharia e questo paese diventerà un califfato”, ha detto Maas sul sito web della ZDF. Ma l’Afghanistan non sarebbe in grado di sopravvivere senza l’assistenza internazionale. Questo dovrebbe essere chiaro anche agli islamisti.

I soldati tedeschi sono di stanza in Afghanistan da 20 anni, come qui nel 2011 vicino a Kunduz

I soldati tedeschi sono di stanza in Afghanistan da 20 anni, come qui nel 2011 vicino a Kunduz

Questi: pa/dpa/Maurizio Gambarini

Il Dipartimento di Stato non ha nemmeno un quadro aggiornato della situazione. Ministro dell’Interno Horst Seehofer Quindi ho ordinato alla CSU di smettere di deportare i richiedenti asilo respinti in Afghanistan senza questo quadro della situazione, anche se sarebbe già una precondizione per farlo.

“Una sconfitta schiacciante per l’Occidente”

I talebani stanno avanzando sempre più velocemente. Gli Stati Uniti e la Germania ora vogliono espellere rapidamente gli afgani con cui hanno lavorato. Lo scrittore internazionale Klaus Geiger non vede una strategia occidentale per l’Afghanistan.

Fonte: WELT / Klaus Geiger

Lo smarrimento è una caratteristica del coinvolgimento tedesco dalla fine della missione di combattimento nel 2014: sebbene il governo federale abbia sempre sostenuto di adottare un “approccio di rete” nella sua politica estera, si è fatto affidamento esclusivamente sull’addestramento militare. Non ci sono state iniziative diplomatiche degne di nota. Gli addetti allo sviluppo stavano lavorando per se stessi.

“Invece del governo federale, anch’io rimarrò in silenzio”.

“Sullo sfondo della tragica situazione in Afghanistan, è necessario tenere quanto prima una riunione straordinaria della commissione per gli affari esteri”, ha affermato il portavoce per la politica estera del gruppo parlamentare del Partito liberale democratico. Sesame Gear Saray, Globalismo. “Il governo federale deve affrontare la questione di come si verificherà la situazione attuale; non deve eludere una valutazione globale della diffusione complessiva”.

Dovrebbero inoltre svolgersi al più presto discussioni su come portare in salvo gli aiutanti delle forze armate afgane che rimangono nel paese e su come la Germania affronterà gli attesi movimenti di rifugiati.

Leggi anche

Minacciato dai talebani: l'afgano Zalmay Ahmadi (al centro) ha lavorato come traduttore per la polizia militare tedesca

La settimana successiva, il 25 agosto, si svolgerà questa sessione speciale con la partecipazione del ministro degli Esteri Maas e del ministro della Difesa Annegret Kramp-Karrenbauer (CDU). Geir Saray critica la data tardiva, ma non si stupisce: “Al posto del governo tedesco, anch’io avrei taciuto, perché tutte le analisi della situazione in Afghanistan presentateci in commissione negli ultimi anni sono ormai del tutto assurde”.

Ha avanzato molte riflessioni al Bundestag sulla mancanza di un piano da parte del governo. Norbert Röttgen (CDU), presidente della commissione per gli affari esteri, ha chiesto un rinnovato intervento militare degli americani, a cui l’esercito tedesco dovrebbe prendere parte se necessario.

Leggi anche

Senza prospettive: le famiglie di rifugiati vivono in tende e all'aria aperta

rifugiati in Afghanistan

Il suo amico di partito Kramp Karenbauer ha immediatamente respinto la proposta. A chiunque voglia riportare l’esercito tedesco in Afghanistan dovrebbe essere chiesto: “Con quale obiettivo, con quale strategia, con quali partner? Con la volontà di mettere a rischio la vita di molti dei nostri soldati? “Il ritiro era giusto, e ora si tratta di “diplomazia attiva, sostegno al processo di pace, cooperazione”, sviluppo e aiuti umanitari.

La sinistra ha chiesto offerte di assistenza ai talebani. Devi tornare alla politica estera e alla diplomazia. “Si possono sempre legare condizioni alle offerte di assistenza”, ha detto il portavoce della politica estera della sinistra, Gregor Geese, della rete editoriale tedesca. Ha fatto riferimento alla Repubblica Democratica Tedesca, che aveva istituito con successo scuole professionali in Siria. Questo era legato al requisito che le ragazze fossero formate allo stesso modo dei ragazzi. “Perché non offriamo ai talebani l’assistenza su cui contano e non rendiamo tali offerte condizionali?”, ha detto Gezi.

Leggi anche

Sempre più rifugiati, soprattutto dall'Afghanistan, vengono fermati quando cercano di entrare illegalmente in Turchia

Rifugiati dall’Afghanistan

Il portavoce della politica estera del Partito dei Verdi, Omid Nouripur, ha invitato il governo tedesco a inviare un “chiaro segnale di dialogo e fiducia” all’attuale governo afghano. Il gruppo parlamentare FDP ha presentato un documento in dieci punti che chiede, tra l’altro, un vertice speciale dei capi di Stato e di governo dell’UE.

Mentre i liberali continuano a suggerire di avviare colloqui con i vicini stati afgani come Uzbekistan, Tagikistan e Turkmenistan al fine di consentire corridoi di fuga sicuri per i rifugiati afgani, il ministro degli Esteri Nils Annen (SPD) chiede persino sui giornali pagamenti a Pakistan e Stati Uniti . Dal gruppo mediatico iraniano Funke, che si prende cura dei rifugiati lì.

Alla fine, tutte queste richieste di talk show solo sull’impotenza tedesca. Gli Stati Uniti hanno iniziato e concluso l’operazione in Afghanistan e dispongono solo dei mezzi e delle capacità per esercitare la propria influenza nella regione nella situazione attuale. La Germania è uno spettatore, ma può sentire gli effetti dell’aumento del numero di rifugiati.

READ  USA: il Congresso vuole indagare sulle tattiche "canaglia" del Dipartimento di Giustizia sotto Trump