Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il procuratore generale annuncia che l’Iran sta sciogliendo la polizia morale e formando una “commissione investigativa”

all’estero ha annunciato il procuratore generale

L’Iran scioglie la Divisione Arti e forma un “comitato d’inchiesta” sulle proteste

La polizia morale iraniana è stata sciolta

Dopo le proteste di massa in corso in Iran, si dice che il presidente Raisi abbia incontrato diversi ministri a un vertice di crisi. In precedenza, il procuratore generale Mohammad Jaafar Montazeri aveva annunciato che la squadra del vicepresidente nel Paese era stata sciolta.

La polizia morale è stata abolita in Iran. Anche se gli osservatori non vedono la fine del velo obbligatorio delle donne, la soluzione è un successo per il movimento delle donne in Iran. Inoltre, è stata istituita una commissione per indagare sulle proteste in corso, ma non sarà rappresentativa.

ioIn Iran, secondo il Pubblico Ministero, la Vice Polizia, che fino ad ora era la principale responsabile del rispetto del codice di abbigliamento per le donne, è stata sciolta. “La divisione morale è stata sciolta, ma la magistratura continuerà ad occuparsi di questa sfida sociale”, ha detto domenica il pubblico ministero Muhammad Jaafar Montasri, citato dal quotidiano Sharq. Non sono stati forniti ulteriori dettagli sulle circostanze e sull’attuazione della decisione.

Donna in un’auto della polizia – È stata arrestata per aver indossato abiti indecenti

Fonte: Agence France-Presse / Behrouz Mehri

I critici della leadership politica hanno reagito con cautela all’annuncio. Un attivista iraniano ha scritto su Twitter che il problema non è la polizia morale, ma piuttosto l’abolizione dell’obbligo del velo. Ha chiesto: “Le donne dovrebbero essere in grado di andare ovunque senza velo”. Questo è “solo il primo passo”.

Leggi anche

Secondo gli osservatori, lo scioglimento del Firqat al-Adab non significherà la fine dell’obbligo del velo per le donne, ma rappresenterà un importante successo parziale per il movimento delle donne in Iran.

Il segretario generale del Partito democratico libero Bijan Gersaray ha descritto lo scioglimento della polizia morale come una “manovra diversiva” da parte della leadership del Paese. “Il regime è sull’orlo del collasso e sta cercando di salvarsi con manovre di distrazione”, ha detto ai giornali di Funk Media Group Ger Saray, nato in Iran. Il politico ha spiegato che “la maggioranza delle persone conosce le bugie della leadership e non si lascia scoraggiare” – la gente voleva abolire la Repubblica islamica.

Una commissione d’inchiesta per analizzare le proteste

La vice polizia è stata un catalizzatore di rivolte critiche per il regime nel paese che sono durate per più di due mesi. A metà settembre, il 22enne Mohsa Amini è stato arrestato dai tutori morali islamici. Si dice che alcuni ciuffi di capelli siano scivolati da sotto il suo velo. Amini morì pochi giorni dopo sotto la custodia della Vice Squadra. Da allora, le persone in Iran hanno protestato contro il sistema islamico e le sue leggi e regolamenti.

Dovrebbe riguardare anche queste proteste: è stata anche annunciata la costituzione di una commissione d’inchiesta per chiarire i motivi delle manifestazioni nel Paese che vanno avanti da più di due mesi. Ma il ministro dell’Interno Ahmed Vahidi ha detto domenica che non dovrebbero partecipare manifestanti, critici del regime o altri partiti politici.

Wahidi ha osservato che non c’erano rappresentanti dei manifestanti, “in più, avevamo a che fare con rivoltosi e rivoltosi, non manifestanti”. Secondo il ministro, la commissione d’inchiesta si preoccupa di “esplorare le radici delle proteste e quindi solo le autorità competenti e avvocati indipendenti parteciperanno alle discussioni in commissione”.

Leggi anche

Proteste a Teheran

Trattative per accordi

Da quando sono scoppiate le proteste, molte donne, soprattutto nelle grandi città, hanno sempre più ignorato i requisiti dell’hijab e i codici di abbigliamento islamici. Secondo la legge islamica, le donne devono indossare un velo e un cappotto lungo e ampio per coprire i capelli e le caratteristiche del corpo in pubblico. Questa legge fa parte della dottrina sociale e politica del regime islamico da più di 40 anni al fine di “salvare il Paese e il popolo dall’invasione culturale occidentale”.

Secondo gli attivisti per i diritti umani, dall’inizio delle manifestazioni sono stati uccisi circa 470 manifestanti, tra cui 64 bambini e 60 membri delle forze di sicurezza. Le informazioni ufficiali su questo sono contraddittorie. Il Consiglio di Sicurezza parla di 200 leader morti delle Guardie Rivoluzionarie.

Inoltre, migliaia di persone sono state arrestate negli ultimi due mesi, tra cui studenti, giornalisti, atleti e artisti. I tribunali rivoluzionari hanno anche condannato a morte alcuni manifestanti. Altre proteste – e secondo i circoli dell’opposizione anche scioperi – sono previste in tutto il Paese da lunedì.

READ  Scambio di emoji: gli attivisti mettono in imbarazzo i mercenari Wagner su Telegram