Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il processo di George Floyd: cosa significa l’accusa di Derek Chauvin per gli Stati Uniti?

“Penso che se tornano velocemente, lo salveremo”, ha detto un uomo di colore per strada in un’intervista televisiva. Penso che se torneranno presto, lo riceveremo. Si riferiva ai dodici giurati nella contea di Hennepin, nel Minnesota, dove Derek Chauvin era sotto processo, il poliziotto bianco che si inginocchiò sul collo di George Floyd per nove minuti e 29 secondi nel maggio dell’anno prima della morte di Floyd.

Giuria – ci sono cinque uomini e sette donne; Sei bianchi, quattro neri e due persone che si sono etichettate come “multirazziali” – ci sono volute dieci ore e mezza per raggiungere il loro verdetto. È questo breve? Come sa chiunque abbia familiarità con il sistema legale americano, questo è sorprendentemente breve. Perché la giuria sarà nuovamente indirizzata dopo il loro ritiro a deliberare. Di solito hanno domande su un processo di queste dimensioni. Spesso c’è almeno un giurato ostinato; In questo caso, il giudice deve utilizzare una violazione legale chiamata “Allen Charge” per brutalizzare la giuria e raggiungere una sentenza definitiva.

Leggi anche

Questa volta non c’erano domande. Nessuno ha dovuto chiedere alla giuria di fare qualcosa. Quindi non è stato sorprendente quando una giuria ha ritenuto gli imputati colpevoli di tutti i capi di imputazione. Colpevole di aver commesso un “omicidio di secondo grado” in cui un’altra persona uccide involontariamente. Colpevole di “omicidio di terzo grado” – questo è il Minnesota quando una persona causa la morte di un’altra persona attraverso “un atto molto pericoloso”, indipendentemente dalla sua vita. Infine, è anche colpevole di “omicidio colposo di secondo grado”, che si verifica quando una persona accetta la morte o gravi lesioni personali di un’altra persona attraverso un “rischio irragionevole”. Questi crimini sono: la vita, 25 anni, da 5 a 15 anni. Derek Chauvin probabilmente trascorrerà il resto della sua vita in prigione.

READ  L'Italia inasprisce le regole del Corona: ora serve anche il passaporto verde? | vita e conoscenza

Chiunque abbia visto il video in cui il poliziotto Chauvin – con le mani nascoste nelle tasche – uccide George Floyd, potrebbe trovare quel giudizio plausibile o prevedibile. Dopo tutto, l’accusa ha chiamato non 45 testimoni ma piuttosto 46, come il loro rappresentante Keith Ellison ha menzionato nella sua dichiarazione conclusiva; Il quarantaseiesimo testimone era di buon senso. Infine, tra i testimoni che hanno testimoniato in precedenza nel processo, una bambina di nove anni ha ricordato i paramedici che hanno chiesto a Derek Chauvin di abbandonare la sua vittima. Ma i neri americani sono rimasti scettici fino all’ultimo minuto.

Hanno ricordato il processo Rodney King del 1991 a Los Angeles: all’epoca, il video mostrava chiaramente diversi agenti di polizia che schiaffeggiavano quelli a terra, e il tribunale li assolse. Ricordavano Walter Scott, che è stato colpito alla schiena da un agente di polizia nel 2015 mentre cercava di scappare; Anche qui nessun autore è stato ritenuto colpevole. Quindi i neri americani sapevano che tutto era possibile. Ci si doveva aspettare almeno una “giuria in sospeso”, cioè una giuria che non poteva concordare un verdetto. In questo caso, il giudice Peter Cahill non ha avuto altra scelta che dichiarare il processo un fallimento.

Leggi anche

Martin Tobin ha testimoniato che Floyd è morto di ipossia

Un esperto si esprime nel processo

Così l’America ha trattenuto il fiato il 20 aprile 2021. I negozi di Minneapolis avevano porte e finestre chiuse perché erano previste rivolte in caso di assoluzione. La famiglia di George Floyd, che stava seguendo l’esito del processo in un hotel, ha chiesto il ripudio della violenza. Gli elicotteri hanno sorvolato la città e la Guardia Nazionale è stata separata. E naturalmente il giudice ha ordinato alla giuria di non impressionarli con nulla di tutto ciò. Dovevano decidere se credevano che la colpevolezza di Derek Chauvin “oltre ogni ragionevole dubbio” sarebbe stata provata. È tutto. (Quindi il giudice determina il verdetto). Quando il verdetto è stato emesso a Minneapolis, subito dopo le 18:00 ora locale, l’America ha tirato un sospiro di sollievo. Applausi scoppiarono per le strade davanti al tribunale. Anche nella lontana New York, dalle finestre aperte si potevano udire grida di sollievo, forse di gioia.

READ  I numeri di Corona aumentano negli Stati Uniti - Eccitazione per il partito pianificato di Obama - Politica all'estero

Forse questa volta la bilancia era piena. Mentre il processo era ancora l’11 aprile, la ventenne Black Donut Wright è stata uccisa a colpi di arma da fuoco da una poliziotta bianca che in seguito ha detto di aver abusato della sua pistola elettrica. Poco prima, le foto dell’arresto di Karon Nazario hanno scosso la nazione, un tenente nero in uniforme che è stato costretto a terra da agenti di polizia con i loro fucili sguainati e ruggiti. Forse la novità è che i neri americani non sono solo scioccati questa volta – e non sono solo di sinistra in ogni caso. David French, un editorialista cristiano conservatore, ha twittato solo una frase dopo il verdetto: “Possa la giustizia aiutare a guarire questa terra”. Possa la giustizia aiutare a guarire questa terra.

Qui troverai contenuti da Twitter

Per interagire o visualizzare i contenuti di Twitter e altri social network, abbiamo bisogno del tuo consenso.

Forse il fattore decisivo nella sentenza è stato che la “sottile linea blu” non ha retto questa volta. Gli agenti di polizia statunitensi possono spesso fare affidamento su altri testimoni in divisa blu nei procedimenti giudiziari – nessuno vuole essere un “compagno di maiale” che si rivolge ai propri compagni. Ma al processo di Derek Chauvin, diversi agenti di polizia hanno testimoniato che aveva agito in modo poco professionale e criminale, compreso un ex sceriffo di Minneapolis. In definitiva, è inutile speculare al riguardo. I giurati informano privatamente che la loro stanza di consultazione è una “scatola nera” per estranei. L’importante è che il 20 aprile 2021 sette donne e cinque uomini abbiano mandato in prigione un uomo che si è inginocchiato sul collo di un’altra persona per nove minuti e 29 secondi perché aveva autorità su di lui.

Leggi anche

George Floyd

Andrà tutto bene adesso? Qui sentirai parole più scettiche dai neri americani che dai bianchi. I sindacati di polizia hanno ancora molto potere negli Stati Uniti, più potere di quanto debbano essere. La sentenza della Corte Suprema continua a concedere agli agenti di polizia “un’immunità limitata” – cioè, è impossibile considerarli civili a meno che non venga citato un precedente che si applica esattamente al loro caso. E per molti agenti di polizia bianchi, i neri americani sono ancora oggetto di sospetto pubblico, quindi qualsiasi controllo del traffico può degenerare in un incidente mortale. No, non è affatto garantito che i neri in America metteranno alla prova gli agenti di polizia come amici e futuri aiutanti. Tuttavia, i balli di strada allegri e spontanei erano giustificati. Possa la giustizia aiutare a guarire questa terra.