Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il problema di Israele con i sostenitori del rifiuto

DrI consulenti per la vaccinazione hanno parlato con il ministro della Salute israeliano contro un altro pochi giorni fa booster Fuori. Per gli israeliani sarà la quarta vaccinazione contro il virus. Da quando Israele ha iniziato la vaccinazione un anno fa in anticipo e con una velocità senza pari in qualsiasi altro paese, ci sono stati sviluppi che sono circa mezzo passo avanti rispetto a quelli della maggior parte degli altri paesi. Ciò è evidente anche alla luce della recente ondata, dominata dalle preoccupazioni sulla variante dell’omicron. In Israele si possono studiare gli sviluppi che potrebbero essere affrontati dalla Germania e da altri paesi europei.

Christian Meyer

Corrispondente politico per il Medio Oriente e l’Africa nord-orientale.

Gli israeliani hanno ricevuto una vaccinazione di richiamo alla fine di luglio. invece del suo Protezione vaccinale Il governo si sta attualmente concentrando su coloro che hanno ricevuto un massimo di due vaccinazioni con il vaccino Biontech-Pfizer. Sono tre i gruppi coinvolti, uno dei quali sorprende a prima vista.

La quarta ondata è andata via da tempo

I primi sono bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni. Il primo ministro era già settimane fa Naftali Bennett Ha detto che il prossimo quinto episodio di infezione da Corona virus sarà “l’ondata dei bambini”. A metà novembre, i minori rappresentavano quasi i tre quarti delle nuove infezioni in Israele. Poiché il paese è demograficamente molto piccolo, il governo ha visto la più grande necessità di lavorare qui. L’emergere della variante dell’omicron, che sembra diffondersi facilmente tra gli adolescenti, ha aumentato l’urgenza. A fine novembre sono iniziate le vaccinazioni in questa fascia di età, che ora vengono seguite con maggiore enfasi, ad esempio davanti alle scuole, perché molti, soprattutto i genitori più giovani, non hanno ancora vaccinato i propri figli.

READ  Australia: l'editorialista di destra Katie Hopkins espulsa dal paese dopo aver hackerato il virus Corona

In termini di pandemia, Israele è stato piuttosto freddo fino a poco tempo fa, di nuovo. Una violenta quarta ondata sotto forma di delta variabile in estate ha tenuto a galla il Paese grazie alle vaccinazioni di richiamo precoci. Mentre il numero di nuove infezioni registrate giornalmente era di 8.600 a metà settembre, all’inizio di novembre erano solo poche centinaia. Il tasso di infezione a sette giorni è sceso da meno di 880 a meno di 40. Mercoledì sono state contate 741 nuove infezioni. Il numero totale ufficiale di morti per la pandemia ha raggiunto 8.227, 80 dei 9,3 milioni di israeliani sono stati ricoverati in ospedale con un grave decorso di Covid-19. Con il numero in calo, i turisti sono stati ammessi nel paese per la prima volta in un anno e mezzo il 1 novembre, e l’industria aveva sperato che quest’anno ci sarebbero stati di nuovo affari natalizi.

Il primo ministro Naftali Bennett in una stazione di vaccinazione a Holon, vicino a Tel Aviv


Il primo ministro Naftali Bennett in una stazione di vaccinazione a Holon, vicino a Tel Aviv
:


Costruzione: AP


Con la diffusione della variante Omikron, questo non è più necessario. L’amministrazione Bennett ha immediatamente chiuso le frontiere agli stranieri almeno fino a dopo Natale. A seconda del paese di origine e dello stato di vaccinazione, i viaggiatori devono recarsi in autoisolamento o in un hotel di quarantena per un periodo da tre a 14 giorni. La rilevazione delle catene di infezione tramite l’analisi dei dati telefonici da parte dell’intelligence si è conclusa pochi giorni dopo ed è frutto di diffuse critiche. A sua volta, il ministro della Salute Nitzan Horowitz vuole inasprire ulteriormente le restrizioni all’ingresso: da lunedì prossimo molti Paesi europei, tra cui Francia e Spagna, saranno classificati come “rossi”. Agli israeliani è proibito viaggiare in questi paesi; La quarantena è obbligatoria per il volo di ritorno. Il Gabinetto e il Comitato della Knesset non si sono ancora accordati. È già certo che da questo venerdì in poi Gran Bretagna e Danimarca saranno “rosse”. In discussione anche la classificazione della Germania, ma al momento la Repubblica Federale è ancora “arancione”.