Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il più grande balzo dei tassi di interesse dal 1994: la Federal Reserve statunitense ha aumentato drasticamente il suo tasso di interesse di riferimento

Il più grande balzo dei tassi di interesse dal 1994: la Federal Reserve statunitense ha aumentato drasticamente il suo tasso di interesse di riferimento

A partire dal 15/06/2022 21:28

Per combattere l’alto tasso di inflazione, la Federal Reserve statunitense ha aumentato drasticamente il suo tasso di interesse di riferimento di 0,75 punti percentuali. Ora è compreso tra l’1,5 e l’1,75 percento, ha annunciato la Federal Reserve. È il salto più grande dal 1994.

Nella lotta contro l’inflazione elevata, la Federal Reserve statunitense ha alzato il suo tasso di interesse di riferimento più di quanto non fosse dal 1994. Ha accettato di aumentare di 0,75 punti percentuali il nuovo range dall’1,5 all’1,75 per cento. La Federal Reserve ha annunciato un terzo aumento dei tassi quest’anno.

Le autorità di regolamentazione monetaria hanno indicato che faranno molti altri aumenti quest’anno per tenere sotto controllo l’inflazione. Puntano a un tasso di interesse medio del 3,4 per cento per la fine dell’anno. A marzo si aspettavano un valore dell’1,9%. A lungo termine, l’obiettivo è un livello di tasso di interesse del 2,5%.

L’inflazione rimane al di sopra dell’obiettivo più a lungo

Anche i responsabili della politica monetaria hanno alzato le loro aspettative di inflazione. Nonostante il previsto aumento dei tassi di interesse, l’inflazione dovrebbe raggiungere una media del 5,2% nel 2022, con un aumento di 0,9 punti percentuali rispetto alla precedente previsione di marzo. Nei prossimi due anni, il tasso dovrebbe scendere rispettivamente al 2,7 e al 2,3 per cento, avvicinandosi così al valore obiettivo della Federal Reserve del 2,0 per cento.

READ  La Landesbank Baden-Württemberg sta rafforzando le sue linee guida sul carbone

Per l’anno in corso, i controlli valutari ora prevedono solo una crescita economica dell’1,7%, rispetto al 2,8% in precedenza. Il presidente della Fed Jerome Powell ha ribadito la “determinazione” della Fed di tenere a freno l’inflazione. L’inflazione è anche un pesante fardello per il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Dato il malcontento degli elettori per le elezioni del Congresso di medio termine di novembre, i Democratici dovrebbero temere amare sconfitte.

Un chiaro segno di stabilità.

“L’aumento del tasso di 75 punti base è una chiara indicazione che la banca sta ora perseguendo in modo aggressivo il suo obiettivo di stabilizzazione dopo un lungo periodo di esitazione e non ripeterà gli errori politici degli anni ’70”, ha commentato l’economista Michael Hayes dell’HQ Trust. Si prevede una significativa debolezza dell’economia. Tuttavia, una forte recessione sarà impedita dall’accumulo di elevate richieste nel settore e dalla forte domanda post-coronavirus nel settore dei servizi.

I mercati finanziari sono relativamente calmi

Nei mercati finanziari sono stati dati Di recente, sorprendentemente, il tasso di inflazione è salito all’8,6%. Una mossa di questa straordinaria portata era prevista negli Stati Uniti. I mercati hanno risposto alla decisione con la calma adeguata. Dopo l’iniziale reazione negativa, il principale indice statunitense, il Dow Jones, è salito in territorio positivo.

Anche la Banca centrale europea sta alzando i tassi di interesse

A causa dell’elevata inflazione, le banche centrali di tutto il mondo sono sotto pressione per inasprire la loro politica monetaria accomodante. Dopo molte esitazioni, anche la Banca centrale europea (BCE) ha recentemente deciso di porre fine al suo acquisto di obbligazioni multimiliardarie il 1° luglio.. “La decisione è stata approvata all’unanimità”, ha affermato Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea.

READ  Mercedes Classe C Hybrid con autonomia elettrica 111 km

Alla prossima riunione regolare del Consiglio della Banca centrale europea del 21 luglio, la Banca centrale europea prevede di aumentare nuovamente i tassi di interesse di riferimento per la prima volta in undici anni, inizialmente di 0,25 punti percentuali ogni volta. A settembre, è probabile che gli osservatori valutari in Europa accelerino il ritmo, anche più che a luglio se l’inflazione rimane elevata. La precondizione per questo è che la previsione interna veda il tasso di inflazione nel 2024 al 2,1 per cento o superiore.