Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il paracetamolo durante la gravidanza aumenta il rischio di sviluppare ADHD e autismo

RTL.de>

C’erano, infatti, anomalie in studi precedenti

Il paracetamolo è stato a lungo considerato un trattamento sicuro per la febbre e il dolore durante la gravidanza. Tuttavia, studi in passato hanno dimostrato che l’uso frequente di analgesici può avere effetti negativi su un feto. Un ampio studio su oltre 70.000 bambini appena pubblicato indica nuovamente un legame tra l’uso di paracetamolo durante la gravidanza, il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e il disturbo dello spettro autistico nei bambini.

Il 19 e il 21 percento ha maggiori probabilità di avere l’ADHD o l’autismo

Bambini che sono nel grembo materno prima della nascita Paracetamolo Avevano il 19% in più di probabilità di avere sintomi di disturbo dello spettro autistico e il 21% in più di probabilità di avere sintomi di ADHD rispetto ai bambini le cui madri non assumevano paracetamolo durante la gravidanza. Questo è il risultato di un nuovo meta-studio condotto dai ricercatori dell’Università di Barcellona sull’European Journal of Epidemiology. Non c’erano differenze tra ragazzi e ragazze. Non è possibile stabilire alcuna associazione tra la somministrazione postpartum di paracetamolo e l’insorgenza di sintomi di ASD.

Nel video: cosa fare e cosa non fare durante la gravidanza

Tuttavia, i ricercatori generalmente sconsigliano di prenderlo

In totale, i ricercatori guidati dalla leader dello studio Sylvia Alemany hanno valutato i dati di 73.881 bambini provenienti da Gran Bretagna, Danimarca, Paesi Bassi, Italia, Grecia e Spagna. Lì, tra il 14 e il 56% delle madri ha riferito di assumere paracetamolo durante la gravidanza. I ricercatori del nuovo studio spagnolo non sconsigliano di prenderlo completamente, ma raccomandano vivamente di prenderlo solo quando è veramente necessario.

READ  Accade in Germania: le settimane delle capriole finiranno presto

Leggi suggerimento: Analgesici: questi farmaci aiutano meglio

Uno studio del 2016: si consiglia cautela, specialmente dalle settimane dalla 18 alla 32

Vecchi studi indicavano che l’uso di paracetamolo durante la gravidanza può influenzare il neurosviluppo dei bambini. Nel 2016, uno studio condotto dal Centro di ricerca CREAL di Barcellona ha scoperto che il paracetamolo aumenta il rischio di sviluppare autismo e ADHD nei bambini. Ad esempio, i ricercatori dell’Università di Bristol hanno avvertito che si dovrebbe esercitare cautela durante le settimane di gravidanza dalla 18 alla 32. Nel 2019, hanno scoperto che i bambini affetti mostravano anomalie nel loro comportamento sociale e si comportavano con iperattività e mancanza di concentrazione. Anche l’asma è stata identificata come possibile esito.

Il paracetamolo in generale è più problematico di quanto si sia creduto a lungo

In generale, il paracetamolo è visto più importante ora rispetto a dieci anni fa. L’assunzione di paracetamolo aumenta significativamente il rischio di ulcere gastriche, malattie cardiache e ictus, secondo uno studio condotto presso l’Università di Erlangen-Norimberga nel 2014.
“Il paracetamolo proviene da una sperimentazione umana di 130 anni, non da un’analisi scientifica. Ciò significa: non abbiamo mai cercato problemi di tossicità e potremmo semplicemente averli trascurati. È stato solo di recente che questa sostanza è stata affrontata in modo decisivo e ne ho scoperto molti. Cose brutte. I risultati sperimentali indicano che abbiamo un vero problema qui “, ha avvertito all’epoca il professor Kai Braun, farmacista dell’Università di Erlangen-Norimberga. (Iga)

Buono a sapersi: quali farmaci sono effettivamente consentiti durante la gravidanza?

E gli altri farmaci durante la gravidanza? Spieghiamo qui i farmaci che possono essere assunti durante la gravidanza. Nella migliore delle ipotesi, i farmaci durante la gravidanza dovrebbero essere completamente evitati. In caso di dubbio, chiedi sempre a un medico.

READ  Riduci il rischio di malattie con la regola del cinque