Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il ministro degli Esteri italiano annulla il viaggio a Parigi dopo le critiche del ministro francese

Il ministro degli Esteri italiano annulla il viaggio a Parigi dopo le critiche del ministro francese

Il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani ha annullato con breve preavviso un viaggio programmato in Francia dopo aver criticato da Parigi la politica sui rifugiati di Roma. Giovedì Tajani ha scritto su Twitter che non si sarebbe recato a Parigi per un incontro programmato con la sua controparte francese Catherine Colonna. Ha citato gli “insulti inaccettabili” del ministro dell’Interno francese Gerald Dorman al suo governo.

“Questa non è la mentalità per affrontare le sfide europee comuni”, ha detto Tajani.

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni “non è stata in grado di risolvere i problemi migratori del suo paese”, ha detto Dormanin in un’intervista radiofonica. Ha anche tracciato parallelismi tra Meloni e la populista di destra francese Marine Le Pen.

A causa della situazione politica in Tunisia, anche molti minori sono andati in Italia, ha detto Dormanin a RMC. Tuttavia, il Paese non è in grado di far fronte a questa pressione.

Il tema della migrazione porta ripetutamente a disaccordi

Parigi ha quindi cercato di disinnescare la situazione. L’incontro previsto per giovedì sera potrebbe essere riprogrammato “presto”, ha detto il ministero degli Esteri francese. “Il governo francese vuole lavorare con l’Italia per affrontare la sfida comune dell’aumento dei flussi migratori”, ha affermato il ministero. Le relazioni bilaterali erano basate sul “rispetto reciproco”.

Il tema della migrazione ha ripetutamente portato a disaccordi tra i due paesi. L’ultima polemica è nata a novembre, quando il governo Meloni ha rifiutato di far attraccare in Italia una nave di soccorso con 230 migranti.

READ  Una boccata d'aria fresca nel paradiso del piacere dell'Alto Adige

A quel tempo, Roma ha esortato Parigi ad accettare i 3.500 immigrati concordati dall’Italia. Da parte sua, la Francia ha criticato il governo italiano per aver bloccato i suoi porti per salvare le navi. L’UE non adotta norme comuni di adesione dal 2015.

Per la sua posizione geografica, l’Italia è una destinazione particolarmente frequente per i migranti provenienti dal Nord Africa che vogliono trasferirsi in Europa. Da lì, il numero di persone che intraprendono il pericoloso viaggio attraverso il Mediterraneo è aumentato da gennaio. Secondo il ministero dell’Interno italiano, dall’inizio dell’anno sono arrivate in Italia più di 42.000 persone, quasi quattro volte il numero dello stesso periodo dell’anno scorso.

Le barche dei rifugiati spesso si schiantano nel Mediterraneo. Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM), nei primi tre mesi di quest’anno sono morte più persone che dal 2017. (AFP)