Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il messaggio raggiunge la Terra tramite un raggio laser, da una distanza di 16 milioni di chilometri

Il messaggio raggiunge la Terra tramite un raggio laser, da una distanza di 16 milioni di chilometri

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

La Luna è 40 volte distante dalla Terra, fonte del messaggio che ha raggiunto la Terra tramite un raggio laser. Il contenuto del messaggio non è affatto importante.

PASADENA – Un giorno, l’uomo vivrà e lavorerà su Marte, secondo una grande visione… Viaggio spaziale. A quel punto, al più tardi, le comunicazioni di dati tra la Terra e Marte dovrebbero essere migliori di quanto lo siano oggi, quando sul Pianeta Rosso sono attivi solo ricercatori robotici. Per raggiungere questo obiettivo, la NASA ha inviato un esperimento nello spazio, che ora ha inviato per la prima volta dati sulla Terra, da una distanza di 16 milioni di chilometri.

Fino ad ora, i viaggi spaziali hanno utilizzato le onde radio per comunicare con sonde spaziali distanti o veicoli spaziali su Marte. Ma frequenze più elevate della luce, ad esempio il vicino infrarosso, possono aumentare la larghezza di banda e quindi la velocità di comunicazione. Questa è l’idea di base dell’esperimento Deep Space Optical Communications (DSOC), che vola nello spazio a bordo della sonda spaziale Psyche della NASA. Psiche è in viaggio verso i Troiani di Giove, quindi si sposterà molto lontano dalla Terra.

La NASA invia un messaggio dallo spazio alla Terra tramite un raggio laser

Il 14 novembre, l’esperimento DSOC ha stabilito il suo primo contatto con la Terra e ha inviato un raggio laser nel vicino infrarosso che trasportava dati di test da una distanza di circa 10 milioni di miglia al telescopio Hale in California. 16 milioni di chilometri – circa 40 volte la distanza tra la Terra e la Luna. La comunicazione visiva a lunga distanza non è mai stata testata prima. “È stata una grande sfida e abbiamo ancora molto da fare, ma per un breve periodo siamo stati in grado di inviare, ricevere e decrittografare i dati”, conferma Meera Srinivasan, DSOC Operations Manager.

READ  L'importanza per la salute della vitamina K - una pratica curativa - è spesso sottovalutata
Una sonda spaziale della NASA ha inviato dati alla Terra utilizzando un raggio laser. (Avatar) © IMAGO/xunderworldx

Il progetto mira a dimostrare il mantenimento della trasmissione di dati a larghezza di banda elevata a diverse distanze dalla Terra. In futuro, questa tecnologia consentirà “l’invio di informazioni scientifiche, immagini ad alta risoluzione e flussi video per supportare il prossimo grande passo dell’umanità: l’invio di esseri umani su Marte”, spiega Trudy Curtis, responsabile delle dimostrazioni tecnologiche della NASA.

Il raggio laser trasmette il messaggio su una distanza di oltre 16 milioni di chilometri

Nei prossimi due anni, si prevede che l’esperimento DSOC dimostrerà velocità di trasferimento dati da dieci a cento volte superiori a quelle dei più avanzati sistemi a radiofrequenza utilizzati oggi dai veicoli spaziali. Lo dice la NASA. Ciò aiuterebbe le future missioni di esplorazione e consentirebbe strumenti scientifici con una risoluzione più elevata.

“Le comunicazioni ottiche rappresentano un vantaggio per scienziati e ricercatori che si aspettano sempre di più dalle loro missioni spaziali e consentiranno l’esplorazione umana dello spazio”, ha affermato Jason Mitchell, direttore della divisione Advanced Communications and Navigation Technologies della NASA. “Più dati significano più scoperte .”

L’esperimento della NASA mira a rendere possibile la ripresa di immagini ad alta risoluzione di Marte

La comunicazione ottica su distanze più brevi – nell’orbita terrestre o dalla Terra alla Luna – è già stata testata in precedenza. Rispetto ai test nello spazio profondo, l’applicazione a brevi distanze presenta un vantaggio decisivo: avviene così rapidamente che il bersaglio del raggio laser si muove a malapena.

Tuttavia, nel punto più lontano della sonda spaziale Psyche dalla Terra, il raggio laser impiegherebbe circa 20 minuti per raggiungere il suo bersaglio. Sia la sonda che il ricevitore sulla Terra si sono spostati da tempo in un’altra posizione. Questi movimenti devono essere presi in considerazione. Durante il primo test, il 14 novembre, il laser ha impiegato solo circa 50 secondi per raggiungere il ricevitore. (fattura non pagata)