Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il maestro delle “stampe animalier”: la morte dello stilista italiano Roberto Cavalli – Entertainment

Il maestro delle “stampe animalier”: la morte dello stilista italiano Roberto Cavalli – Entertainment

Roberto Cavalli ha aperto il suo primo negozio nel 1972 a Saint-Tropez, nel sud della Francia. Foto: Luca Bruno/AFP/DPA

Pelle di serpente e pelle di leopardo: le “stampe animalier” erano i marchi di fabbrica di Roberto Cavalli. In generale, gli italiani avevano un debole per l'ostentazione e gli stili esotici. E ora il designer è morto.

ROMA — Fantasie di pellicce animalier e look esotici sono marchi di fabbrica di Roberto Cavalli. Lo stilista italiano ha guadagnato fama internazionale, soprattutto con le sue cosiddette “stampe animalier”. I suoi abiti dalle fantasie insolite adornarono il jet set per tutta la sua carriera, durata più di mezzo secolo. Grazie alla sua passione per i colori vivaci, i tagli drammatici, ma anche per la pelle e la pelliccia, si è fatto un nome nel mondo della moda. L'italiano è morto venerdì all'età di 83 anni dopo una lunga lotta contro la malattia.



Uno di loro ha detto: “È con grande tristezza che oggi diciamo il nostro ultimo addio al nostro fondatore”. Condivisione su Instagram Dalla casa di moda di Roberto Cavalli. L'eredità di Cavalli vivrà attraverso la sua creatività, l'amore per la natura e la sua famiglia. Il direttore creativo Fausto Puglisi ha scritto: “Riposa in pace, mancherai e amerai molti, e il tuo nome continuerà a vivere, come un faro di ispirazione per gli altri e soprattutto per me”.

L'agenzia di stampa italiana ANSA ha riferito che Cavalli era malato da tempo. La sua salute era peggiorata negli ultimi giorni e ora è morto circondato dai suoi parenti stretti.

READ  Il Consiglio regionale degli alunni elegge un nuovo consiglio - Südtirol News



Oltre alla compagna svedese Sandra Bergman Nilsson, con la quale convive da circa 15 anni, ci sono anche i suoi sei figli. Circa un anno fa, Bergman Nelson e Cavalli hanno accolto un altro bambino. Lo stilista è stato sposato più volte.

Armani porta rispetto

Anche il mondo della moda globale piange la perdita di uno dei suoi volti più famosi. Lo ha scritto il famoso stilista Giorgio Armani sulla piattaforma elettronica

Non poteva immaginare una visione della moda più lontana dalla sua di quella di Roberto. Tuttavia Armani ha sempre avuto un grande rispetto per il suo lavoro artistico.

“Ovviamente i miei vestiti non sono mai stati di cattivo gusto.”

A differenza di molti suoi colleghi, Cavalli, che raramente indossava gli occhiali da sole, ha osato sperimentare stili e tagli appariscenti, esotici ed emozionanti. I suoi critici trovavano il suo stile troppo banale e banale. Lo splendore ha plasmato il suo stile: che si tratti di motivi di pelle di serpente, pelle di leopardo o glitter scintillanti, questo era Roberto Cavalli.

Cavalli ha spiegato il suo amore per le stampe animalier in questo modo: “Imito un vestito con animali perché amo imitare Dio. Penso che Dio sia il designer più sorprendente”.

Ha reagito con calma alle critiche. “I miei vestiti non sono mai stati volgari, ovviamente,” disse una volta in un'intervista di qualche anno fa, “dipende da come li indossi. Se una donna è volgare nella sua testa, anche il vestito può sembrare volgare.”

READ  Neusäß: Festa cittadina di Neusäß su piccola scala: ecco il bilancio dopo quattro giorni

Lo stilista defunto è nato a Firenze nel 1940. Si è interessato alla moda fin dalla tenera età. L'arte e la creatività hanno avuto un ruolo importante nella sua famiglia. Suo nonno Giuseppe Rossi apparteneva al gruppo dei pittori Macchioli, i cui quadri adornano la Galleria degli Uffizi.

Brigitte Bardot è stata una delle prime clienti

L'italiano ha perso il padre Giorgio quando era bambino. Era un geometra e fu fucilato come civile nel 1944 come parte di un attacco di ritorsione da parte della Wehrmacht tedesca. Poi è cresciuto con sua madre in circostanze povere.

All'età di diciassette anni Cavalli entra all'Istituto d'Arte della sua città natale. All'età di trent'anni presenta la sua prima collezione ready-to-wear. L'italiano aprì il suo primo negozio nel 1972 a Saint-Tropez, nel sud della Francia. L'attrice Brigitte Bardot è stata una delle sue prime clienti. Successivamente, è riuscito ad attirare anche l'attenzione dell'International Aircraft Group.

Solo stranieri temporanei

Tuttavia, ha vissuto gli anni '80 come un outsider nel mondo dell'alta moda. Le sue creazioni appariscenti non si adattavano alla moda dell'epoca. Ma è tornato negli anni '90. Ha ampliato la sua collezione, lanciando un marchio di jeans, linee maschili, collezioni per bambini, scarpe, accessori e costumi da bagno.

Soprattutto la serie “Just Cavalli” ha guadagnato di nuovo grande popolarità tra le star. Le cantanti Shakira e Victoria Beckham hanno indossato i suoi abiti. Dopo la fine del millennio, ha commercializzato il suo marchio e ha aperto diverse boutique e negozi.

Nel 2007, ha disegnato abiti per le Spice Girls e ha presentato ad un vasto pubblico una collezione in collaborazione con il marchio svedese H&M. Ma circa dieci anni fa la sua azienda si trovò in acque tempestose. Nel 2016 Cavalli ha venduto l'azienda a un investitore finanziario.

READ  House of Money Stagione 5 Parte 2: Episodi, Cast, Stagione 6