Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il fuoco è una nuova normalità durante le vacanze?

Il record del caldo vibra in Europa: Grecia e Italia sono particolarmente colpite dalle temperature estreme, con alto rischio di incendi in entrambi i Paesi. La crisi climatica ci raggiungerà in vacanza?

Spesso basta una scintilla per trasformare una foresta in fiamme. In molti luoghi della regione mediterranea, la gente del posto e i turisti dovrebbero apprezzarlo.

Si trova sulla famosa isola di vacanza greca di Rodi Un grande incendio è sfuggito di mano E sta attualmente minacciando molti villaggi. In Italia, la scorsa settimana sono scoppiati più di 240 incendi. Molte persone sono morte in un incendio sulla costa mediterranea della Turchia. In alcune parti della Spagna e della Francia meridionale, la foresta è stata recentemente incendiata. Ma questo non è l’unico motivo Crisi climatica.

Il fattore umano gioca un ruolo importante

Peter Bisoli, meteorologo del Servizio meteorologico tedesco, ha dichiarato: “Il fuoco non è un indicatore meteorologico particolarmente buono.

“Semplice catena di ragioni Cambiamento climatico “Evento grave – il danno non è diretto”, ha detto Pissoli.

Secondo l’Agenzia per la protezione dell’ambiente WWF C’è una causa naturale per tutti gli incendi, come i fulmini o le eruzioni vulcaniche. Tuttavia, l’accensione non deve essere dietro ad altri incendi.

Basta un mozzicone di sigaretta

Basta se disattento. Una scintilla di fuoco, mozziconi di sigaretta scartati o fiammiferi fumanti sarebbero sufficienti per accendere un grande incendio. Bottiglie di vetro o pezzi di vetro possono essere esposti alla luce solare in modo che l’erba secca o le foglie inizino a bollire.

Quello che è poco noto è che le parti secche delle piante possono essere accese nei convertitori a catalizzatore caldo o nei sistemi di scarico di auto o moto. Scintille separate da un treno o da una linea elettrica possono incendiare un’intera foresta.

READ  Eintrach Francoforte: stella SGE prima di partire per l'Italia? - "Ci sono richieste"

Il rischio di incendio aumenta con la temperatura

La probabilità che un momento disattento porti a un incendio catastrofico aumenta in una crisi climatica. “Stiamo anticipando sempre più l’aumento delle temperature nella regione mediterranea e la crescente siccità in estate, di fronte ai cambiamenti climatici”, afferma il ricercatore climatico di Lipsia Johannes Quas. L’aumento della siccità aumenta notevolmente il rischio di incendi.

Le previsioni di Kvass per un ulteriore sviluppo della situazione sono di conseguenza rilassate: “In tutta la regione del Mediterraneo, sono già cadute relativamente poche precipitazioni e nelle aree povere e piovose questa distribuzione purtroppo sta aumentando con il cambiamento climatico”. Lo teme anche il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico. I suoi studi mostrano una chiara tendenza: la regione mediterranea è uno dei due soli hotspot globali in cui gli effetti del cambiamento climatico sono particolarmente evidenti.

Le condizioni meteorologiche estreme previste includono ondate di calore, siccità e forti piogge. Se la temperatura media globale supera 1,5 gradi Celsius, in particolare la siccità del suolo dovrebbe aumentare drasticamente. Gli attuali calcoli del Climate Action Tracker mostrano quanto sia grande questo rischio: entro il 2100 la temperatura potrebbe aumentare significativamente al di sopra dei 2 gradi. Per paesi come Grecia Causerà un disastro.

I paesi colpiti devono affrontare un futuro difficile

“Dovremmo aspettarci che il cambiamento climatico comporti maggiori costi per la Grecia”, ha detto a D-Online il commissario greco per il clima Christophe Serrebos quando gli è stato chiesto. L’esperto di clima stima che il costo dei danni e dell’adattamento sarà di oltre 700 miliardi di euro entro la fine del secolo.

READ  Certificato di vaccinazione corona in Italia: accettato con il caldo - politica

“Secondo i nostri calcoli, soprattutto nell’est e nel sud-est della Grecia, nei prossimi anni diventerà più soggetto a siccità. La situazione è simile in tutto il Mediterraneo orientale. Questa regione comprende Turchia, Egitto e Tunisia. Ma una volta spento il fuoco, sorge il prossimo pericolo.

Un disastro naturale supporta il prossimo

Perché gli incendi cambiano le proprietà del suolo. “Lo strato superiore è idrorepellente”, spiega Matthias Gemter, studente di dottorato presso il Centro di ricerca tedesco per la geografia di Potsdam. Insieme ai colleghi del Batstom Institute for Climate Impact Research, lui e il suo team hanno scoperto che incendi e inondazioni potrebbero quindi essere collegati.

“Dopo un incendio, l’acqua piovana non penetra nel terreno. Invece di scorrere in parte, scorre nella direzione dei fiumi. Le forti piogge possono portare a enormi inondazioni”. Inoltre, secondo i ricercatori, la catena del pericolo non si ferma: se l’acqua è grigia o carbonizzata nei fiumi, la qualità dell’acqua diminuisce. In alcuni casi è così grave che l’acqua non può più essere bevuta e anche i pesci nei fiumi muoiono.

Questo aggiunge un altro pericolo per la regione mediterranea. La fine delle condizioni meteorologiche estreme e dei pericolosi fenomeni naturali è attualmente invisibile. Quas, ricercatore climatico presso l’Università di Lipsia, riassume: “Fino a quando il cambiamento climatico non sarà fermato, la situazione diventerà sempre più drammatica”.