Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il digiuno intermittente può avere effetti curativi sul cuore

Il tempo di Pasqua è il tempo di Quaresima. Ma per molti il ​​pensiero religioso è meno importante. i giorni sono usati per il digiuno intermittente; La dieta è ancora popolare. Ha effetti positivi sulla salute.

Molti effetti positivi

Diversi studi hanno dimostrato che questo tipo di digiuno ha diversi effetti positivi sull’organismo. Il digiuno intermittente non solo può aiutarti a perdere peso, ma ha anche un effetto benefico su malattie cardiache come diabete, ipertensione e colesterolo alto. Pertanto, il digiuno intermittente nei pazienti con infarto può aiutare a ridurre il rischio di un altro infarto.

Gli scienziati tedeschi ora sono andati ancora oltre: nel loro studio “Intermittent Fasting After Myocardial Infarction” (INTERFAST-MI), Zoe Kevalianakis, Yoshin Dotzman, Daniel Seided e il loro team hanno voluto chiarire se il digiuno intermittente potesse anche supportare la rigenerazione post-cardiaca del cuore. attacco per evitare l’insufficienza cardiaca.

il digiuno è una cura

“Il digiuno intermittente porta a cambiamenti nel metabolismo cellulare, che a loro volta mostrano molte somiglianze con gli stessi programmi cellulari che promuovono la guarigione del miocardio e il ripristino del flusso sanguigno e della funzione di pompaggio del cuore”, conferma Daniel Seided, direttore della University Heart Clinic ad Halle (Saal). Il suo collega aggiunge che lo studio INTERFAST-MI aiuta a spiegare fino a che punto il digiuno intermittente possa rivelarsi una “nuova componente terapeutica con pochi effetti collaterali” per prevenire infarti ricorrenti e insufficienza cardiaca.

Far morire di fame il corpo in “ibernazione”

I periodi di digiuno innescano un programma di rigenerazione che migliora l’equilibrio energetico del corpo e attiva i meccanismi protettivi nelle cellule del corpo. Questo processo mette le cellule del corpo in una sorta di letargo e quindi migliora il sistema immunitario e i meccanismi di guarigione. Inoltre, avvia una sorta di programma di filtraggio nelle cellule e altera il metabolismo. Le cellule si concentrano quindi su un “supercarburante” più potente per il cervello e i muscoli chiamato corpi chetonici. “Attraverso le nostre indagini, vogliamo chiarire se questi processi durante il digiuno intermittente possono aiutare a proteggere i pazienti con infarto dall’insufficienza cardiaca”, spiega Dutzmann.

READ  Il Viagra previene la demenza da morbo di Alzheimer? Il principio attivo sildenafil ha ridotto il rischio di malattia di Alzheimer del 69 percento in un ampio studio

Un infarto blocca l’apporto di ossigeno

Durante un infarto, parte del muscolo cardiaco viene interrotta dall’apporto di ossigeno a causa di un blocco dell’arteria coronaria. Dopo l’infarto, questa parte del cuore va in letargo o muore e si deforma. Di conseguenza, il cuore perde gradualmente le sue prestazioni e può svilupparsi un’insufficienza cardiaca cronica.

Il programma di emergenza fame inizia la guarigione cellulare

Quando si trattano pazienti con attacchi di cuore, è anche importante ripristinare il più possibile la funzione di pompaggio del muscolo cardiaco per prevenire l’imminente insufficienza cardiaca. È qui che possono entrare in gioco il digiuno intermittente e il “programma della fame di emergenza” indotto dai periodi di digiuno, che guidano i programmi cellulari che promuovono la guarigione del muscolo cardiaco e il ripristino del flusso sanguigno e della funzione di pompaggio.

Studia per dimostrare la conoscenza

Ora queste associazioni devono essere provate da uno studio scientifico: nello studio INTERFAST-MI, i pazienti dopo un infarto acuto sono divisi in due gruppi in base a criteri casuali. Mentre i partecipanti allo studio del primo gruppo hanno digiunato secondo il metodo dell’intervallo 16:8 (digiuno 16 ore alla volta, mangiando a piacere per 8 ore), quelli del secondo gruppo hanno continuato a mangiare come prima. Gli scienziati hanno seguito da vicino entrambi i gruppi, controllando la funzione cardiaca dopo uno, tre e sei mesi e confrontando i risultati tra loro.

Esplora l’applicazione concreta in terapia

L’obiettivo è determinare se il digiuno intermittente possa rappresentare un approccio non farmacologico e a basso effetto collaterale al recupero miocardico dopo un infarto. In altre fasi, si studierà anche come il digiuno intermittente influisca su altre conseguenze di un infarto, come il numero di ricoveri necessari, malattie secondarie o un nuovo infarto.

READ  Corona: malato nonostante la vaccinazione: un nuovo studio rivela chi è a rischio