Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il conflitto tra Russia e Ucraina: nuove accuse, senza compromessi

Stato: 25 dicembre 2021 14:36

Per settimane, non c’è stato alcun segno di allentamento del conflitto tra Russia e Ucraina. Ora la Russia condanna “l’attacco terroristico” al consolato generale in Ucraina. Le forze russe hanno completato gli esercizi ma sono rimaste in allerta.

Anche poco prima della fine dell’anno, non ci sarà alcuna tregua nel conflitto tra Russia e Ucraina. Secondo il ministero degli Esteri russo, un incendio doloso è stato compiuto contro il consolato generale russo nella città di Lviv (Limberg), nell’Ucraina occidentale. Nessuno si fa male. Ma il ministero ha parlato di “attacco terroristico” e di “atto flagrante e inaccettabile” per “incitamento all’odio e all’ostilità nei confronti della Russia in Ucraina”.

Secondo le autorità ucraine, nelle prime ore del mattino degli estranei hanno lanciato una bottiglia di liquido infiammabile oltre la recinzione del Consolato Generale. Tuttavia, l’edificio non è stato danneggiato. Sulle “sommosse” è stata aperta un’inchiesta.

Il ministero degli Esteri russo ha nominato un rappresentante diplomatico dell’Ucraina. Gli è stata comunicata la “risoluta protesta” della Russia. Inoltre, chiedere che l’Ucraina adempia ai suoi obblighi internazionali per garantire le missioni diplomatiche e consolari. Ci si aspettano le scuse da Kiev. Inoltre, l’ambasciata russa a Kiev ha inviato una nota di protesta al ministero degli Esteri ucraino, in cui avrebbe chiesto maggiori misure di sicurezza per il consolato generale e il suo personale.

Le immagini satellitari dovrebbero dimostrare più trasferimenti di truppe

Il conflitto tra Russia e Ucraina si è intensificato per settimane. Kiev e i governi occidentali accusano la Russia di aver ritirato decine di migliaia di soldati al confine con l’Ucraina. Teme una possibile invasione dell’esercito russo nel paese vicino. Mosca nega qualsiasi progetto di attacco e accusa l’Ucraina delle sue stesse provocazioni.

READ  Corona: Un focolaio prima dell'inizio del vertice G7: le guardie del corpo della Merkel in quarantena - politica interna domestic

Di recente, una società americana specializzata in immagini satellitari ha parlato di un ulteriore rafforzamento delle forze russe ai confini orientali dell’Ucraina e in Crimea. Le immagini satellitari del 13 dicembre di Maxar Technologies mostrano, tra l’altro, una base militare in Crimea, quasi completamente occupata da centinaia di carri armati e altri veicoli armati. Nell’immagine del satellite Maxar scattata in ottobre, la stessa base era ancora mezza vuota.

Secondo la compagnia, si tratta di un’unità aggiuntiva che è stata trasferita nella penisola annessa dalla Russia. Le immagini satellitari mostrano un aumento dell’attività militare russa in tre località della Crimea e cinque località nella Russia occidentale. Tuttavia, l’autenticità delle immagini non è stata verificata in modo indipendente.

Si stima che l’esercito russo abbia recentemente trasferito da 60.000 a 90.000 soldati al confine con l’Ucraina. E i documenti dell’intelligence statunitense dicevano che questo numero potrebbe salire a 175.000.

Le forze d’attacco smettono di allenarsi e restano in allerta

Il ministero della Difesa di Mosca ha ora annunciato che le forze armate hanno completato esercitazioni militari vicino al confine con l’Ucraina. Più di diecimila soldati tornarono alle loro basi. Il ministero non ha menzionato dove si trovano.

Secondo il ministero, le esercitazioni si sono svolte in varie località nelle regioni sud-occidentali di Volgograd, Rostov e Krasnodar, nonché nella Crimea annessa alla Russia. Altri siti sono nominati nelle regioni di Stavropol, Astrakhan e Caucaso settentrionale del distretto militare meridionale, così come le forze armate russe in Armenia e nelle regioni dell’Ossezia del Sud e dell’Abkhazia che si staccarono dalla Georgia.

Il ministero ha aggiunto che al fine di garantire un elevato livello di allerta durante il periodo festivo “nelle basi militari del Distretto Militare Meridionale”, sono state assegnate ulteriori unità alle basi “per prepararle a possibili emergenze”.

READ  Il governatore della Florida Ron DeSantis: più pericoloso di Donald Trump

Incontro tedesco-russo-ucraino a gennaio

Rappresentanti di alto livello di Germania e Russia si incontreranno all’inizio di gennaio per discutere una possibile soluzione al lungo conflitto. Secondo le informazioni dell’agenzia di stampa tedesca (Dpa), il consigliere per la politica estera del cancelliere federale Olaf Scholz, Jens Ploetner, e il negoziatore Ucraina-Russia, Dmitry Kosak, hanno deciso di incontrarsi al telefono per l’incontro vero e proprio.

Nella conversazione, Ploetner ha nuovamente chiesto l’allentamento della situazione in Ucraina e nella regione di confine con la Russia e ha sottolineato la necessità di discutere la situazione aggiuntiva con l’Ucraina e la Francia nel cosiddetto formato Normandia. “L’obiettivo della parte tedesca rimane quello di ottenere una rapida rivitalizzazione della formula della Normandia”, ha affermato il governo.

Nel frattempo, l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) si lamenta delle violazioni del cessate il fuoco concordato nell’Ucraina orientale. Negli ultimi giorni sono state riscontrate più di 200 violazioni nelle regioni di Donetsk e Luhansk.

Le parti in conflitto avevano precedentemente concordato di tornare al cessate il fuoco concordato un anno e mezzo fa. Poco prima di Natale, Germania e Francia, in qualità di mediatori, hanno chiesto il “pieno rispetto” del cessate il fuoco.