Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il concessionario di automobili di Berlino non vuole più vendere "roba".

Il concessionario di automobili di Berlino non vuole più vendere “roba”.

Gli ultimi dati sulle vendite di auto elettriche in Germania parlano da soli. Il mercato è ancora in crescita, ma ora è molto più lento di prima. È questo un altro argomento contro il divieto dei motori a combustione?

Nel febbraio di quest'anno, dopo Informazioni dall'ADAC Sono stati immatricolati poco meno di 27.500 veicoli elettrici a batteria pura (BEV), ovvero il 15% in meno rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. La sua quota di nuove immatricolazioni è scesa dal 22,6% del dicembre dello scorso anno al solo 12,6%. Secondo l’Autorità federale dei trasporti automobilistici, al 1° gennaio 2024 la quota di auto elettriche nella flotta sarà inferiore al 3%.

Buongiorno, Berlino
le notizie

Grazie per la registrazione.
Riceverai una conferma via email.

Concessionario auto a Berlino: le auto elettriche hanno solitamente una lunga durata

“Commerciamo auto elettriche solo in piccole quantità”, dice al quotidiano Berliner Zeitung un concessionario di automobili di Marzan-Hillersdorf, che ha preferito rimanere anonimo. La domanda è bassa e i veicoli di solito necessitano di lunghi tempi di fermo. “L'unica eccezione sono i veicoli a marchio Tesla”, afferma. Tuttavia, è difficile da calcolare a causa delle frequenti fluttuazioni dei prezzi presso il produttore. Infine ammette: “La questione delle auto elettriche per noi oggi non ha più alcun ruolo come in passato”.

La situazione è diversa per i motori a combustione, che sono classificati come dannosi per l'ambiente. Nel mese di febbraio sono state vendute nel Paese più di 77.000 nuove auto a benzina: un aumento del 2,3% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. La loro quota di nuove immatricolazioni ha raggiunto il 35,5%. Con circa 42.000 nuove immatricolazioni, per i motori diesel si è registrato un aumento del 9,7%. La loro quota è salita al 19,4%. Il resto del mercato appartiene agli ibridi e agli ibridi plug-in, ma la loro quota azionaria rimane bassa, al 6%. Sembra che i motori a combustione siano il chiaro vincitore.

Bandire i motori a combustione: l'Unione Cristiano-Democratica solleva una nuova polemica

Forse anche la CDU se ne è accorta. Dopotutto i cristiano-democratici intensificano la loro azione politica e vogliono “abrogare” il divieto, come dimostra il progetto di programma elettorale europeo del partito e come ha recentemente dichiarato al Berliner Zeitung il relatore della CDU sull’argomento. L’UE ha deciso di vietare i motori a combustione dal 2035 con eccezioni per i carburanti elettronici solo circa un anno fa, dopo che il governo federale ha bloccato un divieto generale sull’iniziativa FDP. Il modo in cui saranno regolamentate le eccezioni per questi carburanti elettronici dovrebbe essere determinato entro l’autunno del 2024.

Con gli attuali disordini cresce la pressione anche sulla sua collega della CDU, Ursula von der Leyen. Nel 2026 intende verificare il contributo già fornito dalle auto elettriche alla riduzione delle emissioni di gas serra nel settore dei trasporti. In altre parole: l’UE vuole vedere se le auto elettriche sono davvero rispettose dell’ambiente come previsto. Al più tardi allora sarà possibile aggiornare la tecnologia dei motori a combustione in tutta Europa. I concessionari di automobili ritengono comunque “disastroso” il divieto originariamente previsto dei motori a combustione.

Tesla è un “giocattolo” per un esperto di automobili: di solito guida un motore a combustione Mercedes

Un concessionario di automobili di Köpenick siede a bordo di una Tesla Model 3 mentre parla al telefono con il quotidiano Berliner Zeitung. “Sono felice di essere seduto su una macchina così meravigliosa”, dice. Ma è un'aggiunta, un secondo veicolo, un giocattolo per l'esperto di auto, come dice lui stesso. Di solito guida una Mercedes Classe V con motore a combustione. Ma non tutti possono permettersi il lusso di due auto. Dal punto di vista commerciale il commerciante di automobili ammette: “Il mercato delle auto elettriche non è così entusiasmante”. Il concessionario afferma che le auto hanno tempi di fermo lunghi perché non sono accettate dal grande pubblico, almeno a Berlino Est.

READ  La US Securities and Exchange Commission ha approvato un nuovo ETF che tiene traccia delle aziende che investono in Bitcoin (BTC)

Inoltre, a causa della crisi di bilancio, il finanziamento per l’acquisto di auto elettriche in Germania non è terminato nel 2025, come previsto, bensì il 18 dicembre 2023, e si prevede che questa decisione avrà un impatto sulle nuove immatricolazioni di auto elettriche. Macchina elettrica.

I giorni migliori di Tesla sono finiti?  Concorrente cinese <a href="https://www.nzz.ch/finanzen/elektroautos-aus-china-ist-der-aufstieg-von-byd-das-ende-fuer-tesla-ld.1772665">BYD ha superato Tesla diventando il più grande produttore di veicoli elettrici al mondo in termini di vendite nel quarto trimestre del 2023.</a>.” caricamento=”pigro” larghezza=”2048″ altezza=”1365″ decoding=”async” data-nimg=”1″ style=”color:transparent;width:100%;altezza:auto” sizes=”(max -larghezza: 90vw, 872px (1240px) compresso 353w, https://berliner-zeitung.imgix.net/2024/03/19/5e8a8b49-c99a-45ce-8cdf-02cd35049fe7.jpeg?auto=format&fit=max&w=470&auto= comprimere 470w, https://berliner-zeitung.imgix.net/2024/03/19/5e8a8b49-c99a-45ce-8cdf-02cd35049fe7.jpeg?auto=format&fit=max&w=640&auto=compress 640w, https://berliner- zeitung.imgix.net/2024/03 /19/5e8a8b49-c99a-45ce-8cdf-02cd35049fe7.jpeg?auto=format&fit=max&w=705&auto=compress 705w, https://berliner-zeitung.imgix.net/2024/03 /19/5e8a8b49-c99a-45ce- 8cdf-02cd35049fe7.jpeg?auto=format&fit=max&w=940&auto=compress 940w, https://berliner-zeitung.imgix.net/2024/03/19/5e8a8b49-c99a-45ce- 8cdf-02cd35049fe7.jpeg?auto=format&fit =max&w=1080&auto=compress 1080w, https://berliner-zeitung.imgix.net/2024/03/19/5e8a8b49-c99a-45ce-8cdf-02cd35049fe7.jpeg?auto=format&fit =max&w=1240&auto=compress 1240w, https://berliner-zeitung.imgix.net/2024/03/19/5e8a8b49-c99a-45ce-8cdf-02cd35049fe7.jpeg?auto=format&fit=max&w=1410&auto=compress 1410w, https://berliner-zeitung.imgix.net/2024/03/19/5e8a8b49-c99a-45ce-8cdf-02cd35049fe7.jpeg?auto=format&fit=max&w=1880&auto=compress 1880w” src=”https://berliner- zeitung.imgix.net/2024/03/ 19/5e8a8b49-c99a-45ce-8cdf-02cd35049fe7.jpeg?auto=format&fit=max&w=1880&auto=compress”/></div>
<div class=I giorni migliori di Tesla sono finiti? Concorrente cinese BYD ha superato Tesla diventando il più grande produttore di veicoli elettrici al mondo in termini di vendite nel quarto trimestre del 2023..Jörg Carstensen/dpa

La Germania in generale costituisce un caso speciale nell’Unione Europea. Che dire della domanda di auto elettriche da parte dell’Unione Europea? Lo scorso agosto, la percentuale di auto elettriche di nuova immatricolazione nel mercato automobilistico europeo è salita per la prima volta a oltre il 20%. Ma questo era tutto per l'estasi. Alla fine dell'anno si è verificata una grande battuta d'arresto: rispetto al punto di partenza elevato dell'anno precedente, secondo l'Associazione dei costruttori europei di automobili ACEA, il numero di auto di nuova immatricolazione nell'UE è diminuito del 3,3% a 867.052 a dicembre 2023. La maggior parte delle auto elettriche in Europa finora è stata immatricolata in Germania.

READ  Discounter riduce dell'80% la gamma di lavelli di Zwilling

Affari con le auto elettriche: “Non puoi sbarazzartene.”

Il fatto che la domanda di auto elettriche stia diminuendo è evidente anche su piccola scala. Il concessionario di Berlino Est ha voluto provare di nuovo un'auto elettrica e ha acquistato una BMW i3 – la versione base costa 39.900 euro, secondo il mercato online Autoscout24. “Dopo un anno sono finalmente riuscito a venderlo, ma con una perdita di 5.000 euro”, dice.

Ha notato più problemi quando ha guardato il prezzo della berlina Mercedes-Benz EQE Avviso. “L'ho parcheggiata su mobile.de per 140.000 euro, quindi l'ho tenuta come opzione di acquisto”, ha detto l'amante dell'auto. Ma dopo due mesi il prezzo dell'auto era già sceso a 89mila euro. Il motivo, dal suo punto di vista: la mancanza di domanda. “Non ho più l'ambizione di vendere queste cose. Non puoi sbarazzartene. È una grande perdita.”

La raffineria PCK di Schwedt fornisce benzina e diesel a gran parte della Germania nordorientale. Patrick Pleul/Agenzia di stampa Derman

Recentemente il capo negoziatore del PPE al Parlamento europeo, Jens Gieseke, ha ammesso al quotidiano Berliner Zeitung: “Il divieto dei motori a combustione è stata una decisione sbagliata. Ora dobbiamo correggere questi errori il più rapidamente possibile. L'auto elettrica ha problemi con l'accettazione da parte dei consumatori, poiché l'infrastruttura di ricarica è inesistente.

Tuttavia, al momento della decisione non era popolare tra i cittadini. Ci siamo parlati a metà marzo 2023 Direzione ARD Germania Due terzi, ovvero il 67%, dei 1.215 intervistati sono già contrari alla fine delle nuove auto con motore a combustione entro il 2035. Solo uno su quattro, ovvero il 25%, è favorevole.

Case automobilistiche tedesche: mancano le condizioni quadro per le auto elettriche

I produttori hanno da tempo un atteggiamento scettico nei confronti delle auto elettriche. General Motors, Ford Motor Co e Volkswagen hanno tutte abbassato i loro ambiziosi obiettivi per i veicoli elettrici. La necessità di rivedere il divieto sui motori a combustione diventa sempre più chiara, come dimostra la richiesta dei produttori automobilistici tedeschi. Un portavoce del BMW Group afferma che una revisione del divieto previsto dei motori a combustione, prevista per il 2026, è “essenziale”. La revisione delinea il percorso che resta da seguire per attuare un divieto totale dei motori a combustione a partire dal 2035. Cosa significa questo?

READ  Test corona nelle aziende e loro prenotazione | finanza

L’attenzione dovrebbe essere posta su infrastrutture di ricarica complete, disponibilità di materie prime per batterie ed energia verde, il tutto attraverso un approccio realistico, obiettivo e comprensibile. Il portavoce della BMW aggiunge: “Una regolamentazione che ignora le esigenze dei clienti e le realtà del mercato – ma allo stesso tempo non è in grado di creare le condizioni quadro necessarie per le tecnologie alternative non può avere successo”. Il Gruppo Volkswagen e il Gruppo Mercedes non hanno ancora risposto alle richieste del quotidiano Berliner Zeitung.

La filiale della Volkswagen Audi afferma che sta convertendo l’intera gamma di prodotti all’elettrico. Un portavoce dell’Audi ha dichiarato: “Indipendentemente dalla decisione dell’UE di vietare i motori a combustione dal 2035, i produttori di automobili dovranno aderire a limiti di CO2 sempre più bassi con le loro flotte”. Si dice che ciò possa essere raggiunto solo aumentando la percentuale di modelli ad alimentazione elettrica.

I motori a combustione hanno ancora un futuro? – “Il divieto è traballante”

A differenza di BMW e Audi, il concessionario Kupenick non passa ai modelli elettrici. “Il divieto è traballante”, dice. “C’è già molta blasfemia”.

Il fatto che von der Leyen ora insista per una revisione è il primo segno di collasso, dice. A suo avviso, la questione del risparmio di anidride carbonica è solo una copertura. Si tratta piuttosto di ragioni economiche e, in definitiva, il divieto non è né accettabile né accettato dai consumatori. I berlinesi sono sicuri: “Con la fine del motore a combustione ci libereremo solo delle nostre competenze chiave”.

Anche i combustibili sintetici non sono esenti da critiche. Ad oggi sono stati prodotti raramente e sono considerati rari, costosi e inefficaci. I chimici si chiedono se la Germania avrà scorte sufficienti di carburanti elettronici entro il 2035, mentre gli imprenditori credono nei carburanti alternativi per mantenere la tecnologia dei motori a combustione.

Ma anche se le auto elettriche sono il futuro: per poterle offrire alle persone con maggiore successo, l’esperto di automobili vede solo una soluzione: elettricità a basso costo. “Se il costo per kilowattora fosse di soli 15 centesimi, le persone implorerebbero di poter guidare auto elettriche”, dice. Alla fine, è tutta una questione di soldi e prezzo. Tuttavia, le attuali condizioni quadro per la mobilità elettrica sono lontane da questo e “catastrofiche”. Ultimo ma non meno importante, l’elettricità deve essere verde.

Hai qualche notifica? Sentiti libero di scriverci! [email protected]