Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Il caso dell’aquila bicipite ha avuto un impatto negativo”

Vladimir Petkovic vuole fare scalpore con la Svizzera in EM.

immagine:
GT

L’allenatore della nazionale Vladimir Petkovic ha annunciato mercoledì una prima formazione ampliata in preparazione del Campionato Europeo. Nell’intervista parla delle lezioni apprese dai Mondiali in Russia, della sua filosofia di gioco e di come si è sviluppato personalmente nei quasi sette anni come allenatore della nazionale.

Vladimir Petkovic, tra una settimana parte a Bad Ragaz il campo preparatorio. Puoi portare 26 giocatori invece di 23 giocatori in EM. Questo rende la scelta più facile?

Eravamo preparati al fatto che avrei potuto portare con me 26 giocatori, il che rende le cose più facili al momento, ma devo mandare altri tre giocatori in tribuna per ogni partita. Tuttavia, tutti a Bad Ragaz devono dimostrare che il principio della performance è importante.

Come puoi assicurarti che tutti siano allo stesso livello fisicamente dopo la preparazione?

Era importante cercare di controllare in anticipo le condizioni della figura attraverso la formazione individuale. Alcuni vengono da infortuni o semplicemente non giocano abbastanza. Tuttavia, questo potrebbe anche essere un vantaggio in quanto questi giocatori sono più affamati.

Vivi in ​​una bolla e ci saranno meno opportunità di distrazione del solito. Come puoi prevenire la febbre da campo?

Per questo diamo alla squadra due giorni di ferie dopo Bad Ragaz e prima di partire per Baku, dato che mi fido dei giocatori e dello staff che incontrano il minor numero di persone possibile. Questi giorni di riposo dovrebbero dare a tutti una spinta mentale, perché poi speriamo di stare insieme non solo per due settimane, ma più a lungo. Quindi anche le visite ai familiari non erano consentite. Una delle caratteristiche potrebbe essere che in realtà non abbiamo un campo regolare e che viaggiamo tra Baku e Roma. Ciò significa molti chilometri da percorrere, ma più movimento nel gruppo, foto diverse, idee diverse.

È il tuo terzo grande torneo. Quali lezioni hai imparato dagli Europei 2016 e dai Mondiali 2018?

Dobbiamo interagire meglio in situazioni difficili, essere proattivi, anticipare potenziali situazioni di conflitto, risolvere i problemi che sorgono e informarli al momento giusto. Con questo, possiamo migliorare la nostra energia mentale. Inoltre, i giocatori devono avere la loro libertà; Insieme, ma anche per se stessi. Questo porta a uno stato d’animo più rilassato. L’EM da solo porta abbastanza tensione, quindi è importante essere in grado di rilassarsi, ma rimanere concentrati e concentrati.

READ  Promozione quasi terminata - 1. Il Magdeburg FC è a soli quattro punti di distanza - Third League

Sei alle prese con le conseguenze del caso Double-Headed Eagle in Russia quando ti è mancata l’energia mentale negli ottavi di finale contro la Svezia?

Si. Ciò ha avuto un impatto negativo sulla partita della Svezia. Nelle tappe siamo stati meglio e negli ultimi 20 minuti mancava qualcosa per rispondere, perché l’ultimo morso arriva dalla testa. Dobbiamo tornare alla stessa situazione degli ottavi di finale del Campionato Europeo 2016 contro la Polonia, ma poi dobbiamo essere più efficienti.

Una combinazione di due immagini che mostrano la celebrazione del primo gol del centrocampista svizzero Granit Schaka, a sinistra, e del gol della vittoria del centrocampista svizzero Xherdan Shaqiri, a destra, che creano entrambi l'Aquila per l'Albania durante le partite del Gruppo E per la Coppa del Mondo FIFA 2018 nel turno preliminare del calcio.  Partita tra Svizzera e Serbia all'Arena Baltika Stadium, a Kaliningrad, Russia, venerdì 22 giugno 2018 (KEYSTONE / Laurent Gillieron)
Indimenticabile: Granit Schaka e Xherdan Shaqiri festeggiano i gol contro la Serbia con l’aquila bicipite albanese ai Mondiali 2018.

immagine:
Keystone

Dopo il Mondiale in Russia ho iniziato a cambiare. È completo?

Era più di una nuova generazione che è durata due anni. Piccoli disturbi si verificano costantemente, perché la concorrenza deve essere sempre presente. Era un rischio che ho corso con fiducia perché avevamo una competizione con la Nations League dove si poteva provare qualcosa. Abbiamo dimostrato di essere sulla strada giusta. Anche l’anno scorso, quando non abbiamo festeggiato nessuna vittoria ma non abbiamo subito quasi nessuna sconfitta contro le grandi squadre.

La squadra è maturata intorno alla generazione di ex campioni del mondo U-17. In tal caso, lo sfruttamento dovrebbe seguire presto.

Se la pensi in questo modo, non stai con i piedi per terra e non mostri alcun rispetto per i tuoi avversari. Il Galles e la Turchia hanno queste idee – e l’Italia comunque. Sono tutti convinti, forse più di noi, che riusciranno a superare gli ottavi di finale. Crediamo in noi stessi e sappiamo che il nostro obiettivo per raggiungere gli ottavi di finale è realistico. In una partita del genere dipende dall’avversario, contro Spagna, Germania o Francia, non sarai sicuro di avanzare. Una cosa è chiara: dobbiamo restare affamati fino alla fine.

READ  La squadra svizzera, la Lituania, è fiduciosa in se stessa

Ho assunto l’incarico nell’estate del 2014 come Ottmar Hitzfeld. Come si è evoluto da allora?

Tutti dovrebbero diventare più maturi e migliori se si guardassero regolarmente allo specchio. Non andava ancora tutto bene, ma neanche male. Bisogna trarre le conclusioni corrette. Sei decisamente migliorato in questo settore. Ho anche conosciuto meglio le persone intorno a me: i giocatori, lo staff, così come i giornalisti. Penso di aver venduto meglio anche negli ultimi tempi. Le persone non solo mi vedono di fronte, ma anche di lato – e speriamo anche che mi veda da dietro, così come l’intera persona Vlado. I risultati mi hanno reso più fiducioso e confermato il percorso che ho scelto.



Ho preferito uno stile di gioco offensivo con molto possesso palla durante la tua carriera, anche se la tendenza di molti allenatori è stata quella di cambiare rapidamente per anni.

L’obiettivo è dominare e dominare il gioco. Il gameplay dipende anche dai tipi di giocatori che hai a disposizione. Puoi controllarlo solo in misura limitata, perché non puoi convertire improvvisamente un giocatore di 32 km / h in un giocatore che corre a 35 km / h. Abbiamo molti giocatori che creano occasioni e segnano gol, il che è un vantaggio per noi. Anche il nostro gioco sta diventando più verticale, anche se non abbiamo quel tipo di giocatore. Quando premiamo, non lo facciamo scuse. Quindi vogliamo tirare la palla e un gol nei primi secondi dopo aver colpito la palla.

Chi sono gli allenatori che ti hanno plasmato nella tua carriera?

Ho copiato e scritto qualcosa da diversi allenatori. A questo aggiungi le tue esperienze. Sono rimasto colpito dall’efficacia delle squadre di Fabio Capello o dalla bellissima partita che l’Arsenal ha fatto con Arsene Wenger. Devi avere i tuoi principi e sviluppare il tuo stile di gioco da essi, adattandoti ai tuoi giocatori e avversari disponibili. Stai cercando di incorporare gli sviluppi attuali nella tua squadra. La tendenza tende a cambiare rapidamente, ma si adatta ai tuoi giocatori. Il Liverpool ha fatto bene due anni fa o il Manchester City adesso.

In qualità di allenatore della nazionale, la scelta dei giocatori è limitata.

READ  ISBRENE Berlin incoronato DEL - Germany Champion

Questo è il motivo per cui anche il lato umano è così importante. Devo essere in grado di riconoscere le espressioni facciali di un giocatore e sapere quando e come viene interpretato il movimento della mano. I giocatori dovrebbero anche avere la libertà e devono essere in grado di contribuire con le proprie idee, poiché sono sotto pressione nei loro club. Mi sento così soddisfatto quando vedo che sono felici di venire da noi. Cerco di mantenere questa atmosfera perché rende tutto più facile.



Come allenatore della nazionale, ti concentri molto sulle partite o sulle finali. Come lo affronti?

Devi incorporare fasi di recupero ogni giorno, anticipare i problemi che sorgono e avere un piano su come rispondere a loro, a differenza della Russia. Devo trovare – e tutti noi – un buon equilibrio tra relax e concentrazione.

Come ti riprendi?

Leggo, guardo un iPad o gioco a ping pong con lo staff. La sera, quando tutti dormono, facciamo spesso un torneo dove si suda e poi si fa la doccia. Un tale cambiamento va bene.

cosa stai leggendo?

Per lo più libri di sport o di motivazione. Quelle della classica scuola americana, ma anche quelle che si occupano specificamente di calcio o altri sport. Un’idea o un’altra, anche non convenzionale, può essere estratta e incorporata come elemento di sorpresa.

Con quasi tre finali e la qualificazione per la quarta finale della Nations League, sei l’allenatore della nazionale svizzera di maggior successo. I tuoi successi e i risultati della tua squadra a volte vengono sottovalutati?

Recentemente abbiamo ricevuto questo riconoscimento anche in Svizzera, il che non è normale, perché da settembre a novembre non abbiamo mai vinto e quindi ci siamo dati un obiettivo. Tuttavia, le persone hanno visto che stavamo facendo qualcosa di positivo. Anche i media, il pubblico e le persone che ho incontrato si sono registrati e ci hanno supportato in quello che facciamo. Questo è positivo. Sarebbe negativo se iniziassi a parlare dei quarti di finale come un dovere, senza sapere cosa stava dicendo il tuo avversario o per mancanza di rispetto. Devi solo vedere come ha giocato la Turchia a marzo o che tipo di giocatore gallese – non sto parlando affatto dell’Italia. Non siamo così grandi da poter sottovalutare la squadra.