Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il cambiamento climatico danneggia i beni culturali – Come i beni culturali italiani sono vittime del cambiamento climatico – Cultura

Contenuti

Secondo l’UNESCO, l’Italia è il Paese con il maggior numero di beni culturali al mondo. Ma è anche un paese particolarmente colpito dalle conseguenze del cambiamento climatico, in particolare dalle sue origini culturali.

Forti piogge, lunga siccità, sbalzi termici estremi, temporali e uragani: non solo la natura e l’agricoltura in Italia risentono delle conseguenze dei cambiamenti climatici, ma anche antichi edifici di importanza storica per l’arte.

Le guerre sono sopravvissute – ma il clima?

L’arena più grande dell’antichità romana è sopravvissuta a terremoti, guerre e incendi. Ma il travertino del Colosseo non può fare molto per contrastare le crescenti piogge torrenziali – anch’esse molto acide a causa dell’inquinamento atmosferico – e il caldo costante.

Didascalia:

Terremoti, guerre e incendi non sono ancora riusciti a distruggere il Colosseo. Ma quanto sono protetti i monumenti di Roma dai cambiamenti climatici?

KEYSTONE / Alessandro Della Valle

I muri si sgretolano, la pietra soffre – con conseguenze imprevedibili. Per questo gli esperti dell’ISAC, l’istituto statale di ricerca sul clima di Bologna, monitorano costantemente l’arena. L’istituto vuole prevenire gravi danni nel tempo.

Il salvataggio è un lavoro duro

Gli scienziati dell’ISAC ricercano gli effetti e le conseguenze del cambiamento climatico sui monumenti storici e cercano possibili soluzioni. Non è un compito facile.

I ricercatori cercano di controllare i fenomeni in tre modi. In primo luogo, i nuovi fenomeni meteorologici vengono studiati in dettaglio. In secondo luogo, gli esperti vogliono sapere quali fenomeni causano danni. E in terzo luogo, stanno cercando opzioni di salvataggio per rendere i siti culturali in via di estinzione “resistenti alle intemperie”.

Danno graduale spesso

Ma le conseguenze del cambiamento climatico per il Colosseo, il Duomo di Milano, Pompei e i palazzi rinascimentali di Firenze non sono sempre immediatamente evidenti. Gli scienziati di Bologna descrivono come “in corso” gli effetti lenti e cronici del cambiamento climatico.

Immagine della piazza antistante il Duomo di Milano.

Didascalia:

I danni spesso non compaiono immediatamente e si verificano gradualmente. Ciò rende essenziale il monitoraggio costante da parte di esperti.

Agenzia di foto per la stampa IMAGO / ULMER / Lingria

Per documentare scientificamente questo “continuo”, edifici antichi selezionati sono sottoposti a un monitoraggio costante: con sensori, immagini satellitari, immagini e campioni di roccia, che vengono esaminati in laboratorio.

Non tutto può essere salvato

Il Ministero della Cultura italiano richiede sempre più agli studiosi ISAC di studiare alcuni degli edifici. Tuttavia, non tutti i monumenti storici importanti sono stati registrati come vittime del cambiamento climatico. Anche la Cattedrale di Palermo e il centro storico di Napoli soffrono di forti oscillazioni meteorologiche.

Immagine della Cattedrale di Palermo.

Didascalia:

Meno famosi, ma non per questo meno preziosi: soffrono anche le mura della Cattedrale di Palermo. Tuttavia, le autorità difficilmente hanno strutture meno importanti sul loro radar.

KEYSTONE / imageBROKER / Alexandre Boychel

Da parte sua, l’ISAC sta cercando di interessare il Ministero della Cultura e le autorità per le antichità negli edifici minacciati ma meno conosciuti. Tuttavia, l’istituto raramente cade a orecchie aperte.

Tuttavia, i ricercatori non vogliono rinunciare alla lotta alle conseguenze del cambiamento climatico sui beni culturali italiani.

READ  Gli esperti avvertono di una quarta ondata