Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il buco nero all'ombelico della Via Lattea mostra campi magnetici

Il buco nero all'ombelico della Via Lattea mostra campi magnetici

IONell’aprile 2019, l’immagine era su tutte le prime pagine: un’oscillazione arancione brillante con un centro scuro: l’ombra di un vero buco nero. La macchia scura era una sensazione. Per la prima volta gli astronomi sono stati in grado di fornire un esempio di questi oggetti strani ma ormai indubbiamente esistenti che possono essere visti utilizzando una rete globale di radiotelescopi adatti, l'Event Horizon Telescope (EHT). Si trova direttamente al centro della gigantesca galassia attiva M84 nella costellazione della Vergine. Nel 2022 è stato lanciato un altro buco nero, questa volta al centro della nostra galassia, la Via Lattea. A causa della sua posizione nella costellazione del Sagittario e per ragioni storiche, viene chiamato Sagittarius A* o in breve “Sgr A*”.

Oggi, 27 marzo, il team dell'EHT, che comprende più di trecento ricercatori, ha pubblicato una nuova immagine del buco al centro della Via Lattea, e contemporaneamente ha pubblicato due articoli scientifici al riguardo. Lettere del diario astrofisico. Ancora una volta, puoi vedere la macchia scura creata perché il campo gravitazionale del buco nero dirige il bagliore arancione visibile delle microonde del disco di materia circostante attorno a sé. Ma questa volta lo scarabocchio arancione è disegnato da decine di linee parallele. Identifica i campi magnetici avvolti attorno al buco nero. Anche questo è degno di nota, perché una struttura molto simile è stata osservata nel buco nero nel cuore della galassia attiva M87.

Per confronto: luce polarizzata dal centro della galassia M87


Per confronto: luce polarizzata dal centro della galassia M87
:


Immagine: Collaborazione EHT

I campi magnetici sono diventati visibili perché i ricercatori dell'EHT hanno potuto valutare l'informazione contenuta nella polarizzazione della radiazione raccolta. Nella luce polarizzata – o in altre radiazioni elettromagnetiche come le microonde – le onde oscillano su un piano preferito. Se il plasma – un gas con una temperatura sufficientemente elevata da separare gli elettroni dagli oggetti atomici – è permeato da campi magnetici, ciò influisce sulla polarizzazione della luce che lo attraversa. Pertanto, osservando tale luce e misurandone la polarizzazione, si possono trarre conclusioni sulla struttura e sull'intensità dei campi magnetici coinvolti.

Milioni di volte più pesanti dei buchi neri

La scoperta di questi campi magnetici apre una finestra sulle regioni più profonde del Sagittario A*, dove l'interazione tra gravità, magnetismo e curvatura dello spazio-tempo raggiunge il suo apice, afferma Anton Zinsos, direttore del Bonn Max Planck Institute for Radioastronomy, che è fortemente coinvolto nell'EHT. Ciò che interessa davvero ai ricercatori è la somiglianza delle condizioni magnetiche vicino agli orizzonti degli eventi dei due buchi neri supermassicci esaminati finora con l’EHT.

READ  Elden Ring è stato rilasciato come versione pirateria nonostante il firmware 9.03