Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I virus lasciano il segno molto tempo dopo l’infezione

I virus di Basilea non sempre uccidono le cellule infette. Negli esperimenti con i topi, i ricercatori dell’Università di Basilea hanno scoperto che le cellule hanno capacità di autoguarigione per sbarazzarsi dei virus. Tuttavia, sperimentano cambiamenti di lunga durata. I risultati possono fornire un’indicazione del motivo per cui i pazienti con epatite C guariti possono sviluppare il cancro al fegato per gli anni a venire.

I virus hanno bisogno dell’infrastruttura delle cellule del corpo per riprodursi. Nel caso di molti tipi di virus, ciò significa in definitiva la fine delle cellule del corpo infette quando le loro membrane si dissolvono e nuovi virus si precipitano ad attaccare le nuove cellule. Tuttavia, ci sono anche virus che non uccidono le cellule infette, molto probabilmente con l’obiettivo di mantenere l’infezione il più a lungo possibile. Questi includono i virus dell’epatite B e C, che causano infezioni croniche nell’uomo.

Fino ad ora, si riteneva generalmente che tali virus rimanessero permanentemente nelle cellule infette del corpo. Un gruppo di ricerca guidato dal Professor Dr. Non è così, afferma Daniel Benschwer dell’Università di Basilea nel “Journal of Experimental Medicine”. Nei loro esperimenti, hanno usato un virus nei topi chiamato virus della coriomeningite linfocitica (LCMV), che – simile alla via dell’epatite C – provoca infezioni croniche nei topi e colpisce anche il fegato.

Il virus è stato debellato, ma non senza lasciare traccia
Utilizzando questo modello animale, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che il virus scompare dalle cellule epatiche infette dopo un certo periodo di tempo. Non è ancora chiaro come esattamente ciò accada. Tuttavia, i ricercatori sono stati in grado di escludere che le cellule abbiano bisogno del supporto delle cellule immunitarie per questo. dice il dottor. Peter Reuther, uno dei primi autori di questo studio. L’infezione cronica con tali virus si basa sull’infezione continua con nuove cellule.

READ  339 nuovi casi di corona ad Amburgo: il valore del contagio è aumentato | NDR.de - Nachrichten - Amburgo

Somiglianze con l’epatite C.
“Vediamo forti somiglianze con altri studi su pazienti con epatite C. Il dottor spiega. Catherine Martin, anche la prima autrice dell’opera. Ciò suggerisce fortemente che la conoscenza ora acquisita nei topi può essere trasferita all’uomo, almeno in punti importanti. “Si potrebbe ipotizzare che questi cambiamenti a lungo termine siano uno dei motivi per cui i pazienti con HCV guariti hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro al fegato”.

In ulteriori studi, i ricercatori ora vogliono esaminare se tali cambiamenti nei programmi genetici dopo un’infezione virale temporanea influenzino anche le cellule di altri organi. D’altra parte, vogliono chiarire il meccanismo con cui le cellule del corpo possono liberarsi dei virus.

Pinschwer riassume: “Da un punto di vista medico, ora sorgono due domande”. Come evitare che questi virus si moltiplichino da una cellula all’altra in caso di infezione cronica e colpiscano così un gran numero di cellule? È possibile invertire i cambiamenti nel profilo genetico e prevenire i danni che ne derivano? Ultimo ma non meno importante, la questione dei cambiamenti a lungo termine dopo l’infezione con il virus colpisce anche altri indicatori, come l’asma e il virus prolungato (Università di Basilea / MA / ps)

Pubblicazione originale
Peter Rother, Catherine Martin, Mario Creutzfeld, Matthias Ciancaglini, Florian Geyer, Diego Calabrese, Doron Merkler, Danielle D.
L’infezione da virus RNA dura per breve tempo a livello di singola cellula ma lascia impronte trascrizionali
Journal of Experimental Medicine (2021), doi: 10.1084/jem.20210408
Un gruppo di ricerca Pinchoir