Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I subacquei fanno scoperte sorprendenti nelle vicinanze

  1. Pagina iniziale
  2. Globalismo

creatura:

a: Martina Lebello

Il relitto del Titanic: il sonar misterioso ha sconcertato i ricercatori per decenni. © Schermata delle spedizioni di Twitter/OceanGate

Durante l’immersione nel relitto del Titanic, i subacquei hanno registrato un segnale sonar. Era nel 1996. Fino ad ora, l’origine è sconosciuta.

St. John – Il relitto del Titanic giace a 12.000 piedi sul fondo dell’Oceano Atlantico settentrionale. L’affondamento della nave passeggeri più grande e sicura nel 1912 fu una tragedia senza precedenti. Il Titanic era considerato inaffondabile.

Misterioso segnale sonar sul relitto del Titanic

I subacquei hanno registrato un segnale sonar durante una spedizione al famoso naufragio nel 1996. I ricercatori inizialmente non sono stati in grado di identificare il segnale. Le speculazioni su un altro oggetto misterioso presto turbinarono. Anche Paul-Henri Nargolet, un esperto pilota subacqueo del Nautilus e sommozzatore del Titanic, sospettava un altro naufragio nelle profondità del mare oltre Ping. segnale criptato. Sembrava stranamente simile al profilo del Titanic, riporta OceanGate Expeditions.

Ora gli scienziati hanno risolto il mistero dietro il comando ping. Più di due decenni dopo, i narratori veterani del Titanic hanno avuto la possibilità di immergersi nella fonte del segnale.

Il relitto del Titanic: il sonar misterioso ha sconcertato i ricercatori per decenni.
Il relitto del Titanic: il sonar misterioso ha sconcertato i ricercatori per decenni. © Schermata delle spedizioni di Twitter/OceanGate

Trovato vicino all’ecosistema del relitto di acque profonde del Titanic

Non sapevamo cosa avremmo scoperto. “In termini di sonar, questo avrebbe potuto essere una serie di cose, inclusa la possibilità di un altro incidente navale”, ha detto Narguleh in un comunicato stampa. Non è un naufragio. Il segnale è stato causato da un ricco ecosistema sottomarino. Sono coralli, aragoste e pesci che vivono sul fondo del mare a più di 9.000 piedi (2.900 metri) al largo della costa di Terranova, in Canada.

READ  Volo di prova riuscito: "Starliner" dalla Stazione Spaziale Internazionale sulla Terra

I ricercatori stanno attualmente analizzando foto e video ripresi durante l’immersione. Vogliono capire meglio la vita nelle profondità marine. “È affascinante dal punto di vista biologico. Gli animali che vivono lì sono molto diversi dagli animali che vivono nelle profondità dell’oceano”, ha detto Murray Roberts, professore di biologia marina applicata ed ecologia all’Università di Edimburgo in Scozia e uno dei ricercatori della spedizione “Lei (Nargolet) ha svolto alcuni lavori scientifici davvero importanti. Pensava che fosse un naufragio e secondo me si è rivelato più sorprendente di un naufragio”.

I ricercatori risolvono un mistero vicino al relitto del Titanic

L’ecosistema si trova a circa 40 chilometri dal relitto del Titanic. Un sottomarino chiamato “Titan” è stato in grado di scattare foto ad alta risoluzione con una fotocamera speciale. inizio Nell’anno 2022, il relitto viene catturato in video 8K Record – attualmente la massima risoluzione possibile. Sono scatti dal “colore straordinario” e una nitidezza senza precedenti. Gli esperti del Titanic temevano che il relitto del Titanic sarebbe scomparso in pochi anni. I batteri che si nutrono dello scafo della nave, la ruggine e le correnti oceaniche danneggiano il relitto. OceanGate Expeditions continuerà la ricerca sul Titanic e sulle aree circostanti nel 2023.

La leggenda del Titanic non è stata infranta

Titanic – cronologia del suo tragico viaggio inaugurale

  • Il 10 aprile 1912 il Titanic salpò da Southampton, in Inghilterra, alla volta di New York.
  • Il 14 aprile 1912, il transatlantico di lusso colpì un iceberg. Il ghiaccio tagliente ha danneggiato lo scafo della nave e ha rotto pericolose perdite. Il Titanic alla fine si schiantò, prese fuoco e affondò.
  • Circa 1.500 passeggeri e membri dell’equipaggio sono morti nelle gelide acque dell’Oceano Atlantico settentrionale. Centinaia di persone sono riuscite a mettersi in salvo sulle poche scialuppe di salvataggio.

Il relitto della nave da crociera di lusso è stato scoperto nel 1985 a sud-est della provincia canadese di Terranova, sul fondo dell’Oceano Atlantico. Nel 1996 il subacqueo Paul-Henri Nargoulet scoprì il segnale. (ml)